TIPRESS
Il gruppo PPD e GG di Lugano non accetta «cambiali in bianco» per l'aeroporto.
LUGANO
06.11.2019 - 21:570

«Nessuna cambiale in bianco» per l'aeroporto

Il gruppo PPD e GG in Consiglio comunale chiede che venga presentato un resoconto finanziario della situazione di LASA e come verranno contenute le perdite previste per il 2020

LUGANO - Il gruppo PPD e GG in Consiglio comunale a Lugano ha diramato un comunicato stampa in merito al futuro dell'aeroporto di Lugano-Agno. I consiglieri comunali apprezzano il complemento al messaggio presentato dal Municipio, «che nella sostanza ha recepito le grandi preoccupazioni e riserve espresse dal nostro Gruppo. Lo scalo di Lugano-Agno è in sofferenza da anni, dapprima per la dismissione del volo su Ginevra, ora per l’indegno repentino abbandono di Swiss del collegamento con Zurigo. Senza un intervento il fallimento è certo e i dipendenti di Lugano Airport SA e delle aziende connesse all’aeroporto subirebbero un danno irreversibile».

La situazione è estremamente delicata: «Il gruppo PPD non accetta di votare cambiali in bianco che generano voragini finanziarie una volta risanata e ricapitalizzata LASA. In tal senso il deficit previsto di 1.3 milioni per l’anno 2020 appare piuttosto inverosimile nella situazione attuale, considerato che è il medesimo importo indicato nel messaggio che contemplava ancora il volo su Zurigo. Siamo disposti a votare il credito con un sì critico, alla condizione che venga allestita una tabella di marcia ben precisa che possa portare in breve tempo ad una nuova gestione dell’aeroporto insieme ai privati. È importante permettere a Lugano di disporre di un aeroporto efficiente e orientato al futuro capace di recepire le soluzioni innovative che la tecnica metterà a disposizione nei prossimi anni».

Gli esponenti popolari democratici e di Generazione Giovani chiedono tre cose: 

1) che venga presentato un resoconto finanziario della situazione di LASA alla Commissione della Gestione obbligatoriamente a scadenze regolari: entro il 31 marzo, il 30 giugno e il 30 settembre 2020;

2) di chiarire come LASA intende contenere le perdite previste per il 2020 in 1,3 milioni di franchi, senza il volo di linea su Zurigo;

3) che la fase di transizione verso una nuova gestione dell'aeroporto sia condotta da un capoprogetto esperto in contratti del settore capace di definire le modalità di accordo tra gli attuali enti pubblici proprietari e i privati;

4) che le trattative si concludano entro il 30 settembre 2020, in modo tale che il Consiglio comunale abbia il tempo per esprimersi entro la fine dell'anno.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 07:53:20 | 91.208.130.85