tipress (archivio)
CANTONE
05.11.2019 - 10:040

Misure transitorie: «Zuccherino per arruolare sostenitori della libera circolazione»

La critica targata UDC: «Invece di aiutare le persone in età matura il Consiglio federale li vuole mettere in panchina»

BELLINZONA - A maggio 2020 il popolo svizzero voterà l’iniziativa dell’UDC “Per un’immigrazione moderata” che propone la disdetta dell’accordo di libera circolazione.

«Per paura che il popolo l'accolga - sottolinea l'UDC in una nota -, il Consiglio federale finge di dare una risposta ai disoccupati che hanno più di 58 anni».

Il messaggio licenziato pochi giorni fa all’attenzione delle Camere prevede: chi a 60 anni (o anche meno) perde il diritto all’indennità di disoccupazione, invece di entrare in assistenza, riceverebbe le cosidette “prestazioni transitorie” di minimo 3’500 fr/mese. La nuova assicurazione è già pronta e il preventivo di 230 mio di franchi all’anno è già inserito del piano finanziario della Confederazione.

Tuttavia, per l'UDC trattasi di «una falsa soluzione che mira unicamente a comprarsi i consensi politici contro l’iniziativa dell’UDC per disdire la libera circolazione».

«Invece di aiutare le persone in età matura a trovare un nuovo impiego e godere di un salario decente - si legge nel comunicato -, il Consiglio federale li vuole semplicemente mettere in panchina per permettere ai datori di lavoro di sostituirli con mano d’opera esterna a minor costo».

Per l'UDC esiste un’unica via per evitare che «le nostre lavoratrici e i nostri lavoratori vengano esclusi dal mercato del lavoro: limitare drasticamente l’immigrazione, il frontalierato e il lavoro a basso costo proveniente dall’estero!».

«La prima causa per la disoccupazione dei giovanissimi e delle persone in età più matura è unicamente l’immigrazione incontrollata - conclude la nota -. E’ assurdo che il Consiglio federale voglia sbarazzarsi dei disoccupati più esperti e nel contempo aumentare l’età di pensionamenteo delle donne a 65 anni. Solamente tra il 2011 e il 2017, la quota di persone sopra i 60 anni che hanno perso il lavoro è aumentata del 47%. Invece di risolvere il problema, le misure transitorie lo aggravano».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 00:04:09 | 91.208.130.87