TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 min
«Il Municipio è d’accordo a bloccare il miglioramento della scuola?»
Ghisletta interpella il Municipio in merito al finanziamento del Cantone
CANTONE
30 min
Galleria del Ceneri, discoteche e spesa in Italia. Norman Gobbi a 360°
Il presidente del Governo ha toccato diversi temi durante un'intervista rilasciata a Radio Ticino.
CANTONE
LIVE
«La ricerca attiva del virus continua, con 100 tamponi al giorno»
In conferenza stampa oggi sono presenti il medico cantonale, il presidente dell'Ordine dei medici Franco Denti e Pizolli
LUGANO
1 ora
Dal 6 giugno riapre la funicolare del San Salvatore
Con uno sconto del 50% per i visitatori ticinesi che varrà fino al 5 luglio
LUGANO
1 ora
L'8 giugno riapre (del tutto) la Biblioteca Cantonale di Lugano
Riattiati tutti i servizi ma i posti saranno limitati e ci sarà il triage all'ingresso
CANTONE
2 ore
Secondo tubo San Gottardo: iniziati i primi lavori
A sud delle Alpi nel corso del 2020 è prevista la costruzione di un silo provvisorio per il sale ad Airolo
CONFINE
3 ore
Auto nel lago, 24enne verso i domiciliari
L'interrogatorio per il giovane accusato di omicidio stradale dovrebbe tenersi tra oggi e domani
CANTONE
3 ore
Riaprono i laghetti, ma «portatevi a casa i rifiuti»
Il Dipartimento del territorio coglie l'occasione per invitare chi frequenta la natura a evitare il littering
AGNO
4 ore
Sui licenziamenti alla Mikron: «Procedure anti sociali e anti sindacali»
La denuncia dell'Organizzazione per il lavoro in Ticino: «Nessuna difesa dei dritti dei lavoratori»
CANTONE
4 ore
"Ma quale calo, gli affitti continuano ad aumentare"
La denuncia dell'Associazione inquilini: "Il problema è che sempre più alloggi appartengono a grandi gruppi immobiliari"
CANTONE
4 ore
Una visita al giorno, al massimo di mezzora
Da lunedì saranno di nuovo possibili gli incontri nelle strutture sanitarie ticinesi.
LOCARNO
4 ore
Riapre il Lido di Locarno
Dopo tre mesi di chiusura sabato si riparte, ma con delle restrizioni
FOTO
GIUBIASCO
4 ore
Lo schianto al mattino. Arriva il carro attrezzi
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite
CANTONE
16.10.2019 - 12:520

Quaranta milioni di franchi per lo sviluppo economico

I principali obiettivi sono l’aumento della competitività delle piccole e medie imprese, il rafforzamento delle destinazioni turistiche e il sostegno alle regioni periferiche a potenziale inespresso

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio per lo stanziamento di un credito quadro di 40 milioni di franchi per attuare le misure di sostegno allo sviluppo economico cantonale nel quadriennio 2020-2023. L’importo si suddivide in 27 milioni di franchi dedicati a misure di politica economica regionale (PER) cofinanziate dalla Confederazione e 13 milioni di franchi destinati a misure complementari cantonali.

Anche un credito federale - Il Programma d’attuazione della politica economica regionale 2020-2023 (PdA 20-23) è stato approvato dal Consiglio di Stato lo scorso 3 luglio 2019. Esso è alla base del messaggio governativo licenziato dal Governo quest’oggi, che chiede lo stanziamento di un credito quadro di 40 milioni di franchi per attuare le misure di politica economica regionale nel quadriennio 2020-2023. Accanto al credito quadro cantonale si aggiungerà il credito federale che sarà concesso dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

PMI, turismo e regioni periferiche - Il Consiglio di Stato conferma i suoi tre principali obiettivi di politica economica regionale, che sono l’aumento della competitività delle PMI (piccole e medie imprese), il rafforzamento delle destinazioni turistiche e il sostegno alle regioni periferiche a potenziale inespresso. Questi tre obiettivi sono accumunati dalla «ferma volontà di mantenere e creare posti di lavoro interessanti e adeguatamente retribuiti». Una particolare attenzione, nell’attuazione della strategia di sviluppo economico, è posta al yrispetto dei principi dello sviluppo sostenibile, dell’uso parsimonioso del suolo e della responsabilità sociale delle imprese» (o corporate social responsibility, CSR). La CSR è uno strumento sia di attrattività territoriale sia di innovazione e di competitività per le aziende. La CSR offre un contributo rilevante alla società e valorizza le imprese.

Uno sviluppo "virtuoso" - Anche in futuro il PdA 20-23 permetterà di sostenere le iniziative che disporranno delle caratteristiche migliori per garantire uno sviluppo virtuoso dell’economia locale, regionale e cantonale, presupposto imprescindibile per la concessione di sostegni finanziari ai sensi dalla politica economica regionale. La politica economica regionale è infatti orientata a incentivare e valorizzare gli elementi positivi dello sviluppo economico. Le dinamiche legate al mercato del lavoro, per contro, sono affrontate sistematicamente con altre misure e con altre leggi settoriali.

La rivoluzione digitale - Con il PdA 20-23 il Ticino intende inoltre affrontare proattivamente la sfida della rivoluzione digitale con un approccio a 360 gradi, che sia il più possibile trasversale ai temi oggetto della politica economica regionale. Solo con un approccio simile si ritiene infatti possibile cogliere le opportunità di tale rivoluzione, minimizzandone gli aspetti critici.

I privati al fianco del Cantone - Le numerose misure messe in atto in ambito di politica economica regionale dal Cantone - si legge nella nota del Consiglio di Stato - vanno infine sempre intese come complementari alla progettualità e allo spirito imprenditoriale da parte del settore privato, senza i quali nessuna politica pubblica può essere efficace.

Uno sviluppo anche "armonioso" - Da diversi anni la politica economica regionale è un tassello imprescindibile della politica di sviluppo economico del Cantone Ticino – assieme al sostegno a progetti specifici garantito dalle leggi settoriali (come, per esempio, la Legge per l’innovazione economica e la Legge sul turismo) e ad azioni mirate di marketing territoriale (recentemente potenziate grazie all’adesione del Ticino alla Greater Zurich Area - GZA) – e tale si è dimostrata anche nel corso del periodo 2016-2019, un quadriennio sostanzialmente positivo, in cui «sono stati raggiunti numerosi e ambiziosi obiettivi» e, non da meno, sono state poste le basi per uno sviluppo armonioso del Cantone.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
samarcanda 7 mesi fa su tio
Dobbiamo decidere se vivere civilmente oppure no. Dovrebbero deciderlo i nostri politici, ma, dal momento che non lo fanno, decidiamolo noi. Prima di tutto, astenendoci dal votarli. Che facce toste! Rovinarci e poi chiederci anche di votarli! Commissariamento, commissariamento, commissariamento...
Francesco Cec Moretti 7 mesi fa su fb
Salari minimi. Niente. Perché negli altri cantoni va tutto bene? Forse perché si paga la gente?
Ivan Galbusera 7 mesi fa su fb
«ferma volontà di mantenere e creare posti di lavoro interessanti e adeguatamente retribuiti» Adeguato, sarà sullo stesso livello del salario minimo, in fra i 19.00-20.00 chf orari?
Maurizio Roggero 7 mesi fa su fb
Praticamente 40 milioni di franchi da mettere nelle tasche dei propri galoppìni....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 16:15:50 | 91.208.130.89