Tipress
Una conferma tutt'altro che buona per Sanvido.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
"Io l'8 ogni giorno" a fianco delle donne del Rojava
Il collettivo femminista ha incontrato alcune curde residenti in Svizzera e ha appreso il loro dramma. «Siamo solidali con la popolazione del Kurdistan siriano e denunciamo la politica delle autorità»
LUGANO
2 ore
La pista galleggiante rischia di "spiaggiarsi" sulla sicurezza
Sul tavolo del Cantone il progetto finanziato da privati per un impianto sul lago dove pattinare a Natale. Decisiva sarà la perizia del geologo sulla tenuta dei fondali a riva
FOTO
LUGANO
3 ore
Oltre cento nuovi laureati all'Usi
La Facoltà di scienze della comunicazione ha consegnato i diplomi a 47 neolaureati di Bachelor, 52 di Master biennale e 3 di dottorato
CANTONE
3 ore
Olio sull'A2, ritardi verso sud
Tra Lugano e Chiasso gli automobilisti si devono armare di pazienza. E l'A13 è chiusa ai mezzi pesanti a causa della neve
ASCONA
3 ore
"Grandi Speranze" giungono al Monte Verità
Il festival Eventi letterari, in programma dal 2 al 5 aprile 2020, arriva così all'ottava edizione
MENDRISIO
5 ore
Incredibile alla roulette dell'Admiral: «Il 18 è uscito per sei volte consecutive»
L'evento, più unico che raro, è avvenuto giovedì sera alla casa da gioco di Mendrisio: «Le probabilità sono di una su settanta milioni»
BELLINZONA
5 ore
Il Social Truck arriva nella capitale
Nel pomeriggio del 16 novembre il furgoncino sarà posteggiato in Piazza del Sole per la sua prima attesa tappa
LUGANO
5 ore
Genitore minacciato (con la pistola) dalla baby gang
Cinque giovani, di cui tre minorenni, sono stati arrestati negli scorsi giorni. Sono accusati di minaccia e coazione, ma anche di spaccio di stupefacenti e infrazione alla Legge sulle armi
NOVAZZANO
5 ore
Un accesso privilegiato per i clienti commerciali della Posta
Il nuovo punto d’accesso di via Pietro Bernasconi è stato presentato oggi
CANTONE
14.10.2019 - 19:130
Aggiornamento : 20:19

Cda dell'EOC: «Sanvido e Bersani dovrebbero rinunciarvi»

L'MPS attacca ferocemente i due neo-nominati (al secondo scrutinio) dal Gran Consiglio: «Il presidente uscente ha ottenuto 31 voti. Bersani un risultato penoso. Il Cda esce parecchio malconcio»

BELLINZONA - È scoppiata la polemica - oggi nella sala del Gran Consiglio - durante il rinnovo del Consiglio di amministrazione dell'Ente Ospedaliero Cantonale. Ad accendere la miccia erano stati gli esponenti dell'MPS che avevano chiesto il rinvio della discussione.

La proposta, rispedita al mittente, non ha però spento l'ardore di Matteo Pronzini e soci che hanno attaccato soprattutto Paolo Sanvido e Andrea Bersani. Entrambi, infatti, hanno dovuto ricorrere al secondo scrutinio per venire eletti in seno al Cda. Nel primo (nel quale era necessaria una maggioranza assoluta) Sanvido si è fermato a 39, mentre Bersani addirittura a 35 (84 le schede distribuite).

Nella seconda, che ha portato alla loro elezioni, ben 44 schede delle 82 rientrate erano bianche. «Non vi sono dubbi che il Cda dell'EOC esca un po' malconcio», chiosano quelli dell'MPS. «Basti pensare che il presidente uscente ha ottenuto 31 voti, nemmeno la
maggioranza dei deputati presenti. E che dire poi del penoso risultato (27 voti) ottenuto dalla new entry Andrea Bersani».

Visti i risultati, per l'MPS a Sanvido e Bersani non resta che una sola scelta. «Dovrebbero, se hanno un minimo di dignità politica, rinunciare a questa elezione. E un pensiero simile dovrebbero fare tutti gli altri membri rieletti».

Anche l'UDF deplora «l’eticamente scorretta» elezione del CdA dell’EOC - Anche Unione Democratica Federale deplora l'elezione del CdA dell’EOC definendola senza mezzi termini «eticamente scorretta». «Il CdS - sottolinea il deputato Edo Pellegrini - proponeva 7 candidati per 7 posti, cosa poco opportuna dal nostro punto di vista e che non dava, in sostanza, alcuna possibilità di scelta al Gran Consiglio».

«Al primo scrutinio - prosegue Pellegrini - era necessaria la maggioranza assoluta dei presenti che non è stata raggiunta da due candidati che, evidentemente, non sono graditi alla netta maggioranza del Gran Consiglio. Si è resa necessaria una seconda votazione, a maggioranza relativa, con due candidati per due posti da occupare!». Pur riconoscendo la legalità dell’elezione, UDF ritiene tutto ciò «una evidente forzatura delle regole democratiche poiché i due candidati sono stati eletti da una netta minoranza dei Granconsiglieri». UDF si augura che «entrambi traggano l’unica conclusione eticamente accettabile e l’unica rispettosa della volontà della chiara maggioranza del Parlamento e rinuncino alla carica».

Commenti
 
Nmemo 3 sett fa su tio
Con quella procedura di voto poteva essere nominato anche il Gigi di Viganello, se proposto dal Partito giusto. Fatti pregiudizievoli, ben noti anche al Gran Consiglio e ai Partiti della politica, per cariche pubbliche precedenti che prevaricano i limiti di una limpida amministrazione, rendono inaccettabile che personaggi non “illibati” politicamente parlando, siano proposti o ri-proposti ad assumere cariche pubbliche. Sia ancora ribadito che per l’adempimento di un mandato pubblico è indispensabile una reputazione irreprensibile, sotto ogni profilo e che per l’autorità di nomina debba prevalere l’interesse generale, ne va della credibilità delle Istituzioni. Semplicemente scandaloso quanto avviene in Ticino.
miba 3 sett fa su tio
Vedo che quando si tratta di poltrone siamo molto più vicini alla mentalità italiana che non a quella svizzera.......
albertolupo 3 sett fa su tio
scommettiamo?
Nmemo 4 sett fa su tio
Che tolla i Partiti a sollecitare ad oltranza le candidature, quali le persone non fossero sostituibili! Prevarrà l’arroganza a dispetto di valori istituzionali fondamentali, creando un danno d‘immagine che non giustifica l’interesse pubblico preminente? Rinunceranno spontaneamente gli interessati al mandato? In buona sostanza è il risultato di un sostegno incrociato Lega-PLRT di candidati improponibili.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-11 22:22:31 | 91.208.130.87