Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
12 ore
«Senza misure niente deroga»
L’OCST controllerà l’applicazione rigorosa delle norme a protezione della salute dei lavoratori
LAVIZZARA
12 ore
Covid-19: la singolare iniziativa di tre preti
L'idea dei sacerdoti delle 18 parrocchie dell'Alta Vallemaggia sta raccogliendo ampi consensi nella regione
CANTONE
12 ore
Disinfettanti prodotti “in casa” e gratis
Paolo Rezzonico utilizza il suo birrificio per produrre etanolo a partire da tre semplici ingredienti
CANTONE
13 ore
I Verdi: «Semi e piantine sono beni di prima necessità»
L'appello degli ambientalisti è in favore dell'autosostentamento e contro lo spreco
CANTONE
14 ore
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
14 ore
«Bene il Ticino, ora tocca alla Svizzera»
Il sindacato Unia Ticino e Moesa accoglie positivamente l'odierna risoluzione governativa ticinese
CANTONE
15 ore
Un'autocertificazione? «Quest'opzione non esiste»
Il Governo smentisce l'odierna anticipazione del Caffé: le attività restano ferme
CANTONE
15 ore
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
TESSERETE
15 ore
Annullato anche lo Scenic Trail
La manifestazione si sarebbe dovuta svolgere tra il 12 e il 14 giugno
BERNA
17 ore
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
19 ore
La musica dell'OSI passa da Facebook
Un'iniziativa per portare un messaggio di speranza al pubblico dell'orchestra
CANTONE
10.10.2019 - 11:530
Aggiornamento : 12:33

L'Mps tira le orecchie a Helvetia

Aut-aut a cinquanta consulenti: il partito accusa la compagnia assicurativa di «dumping salariale e sociale»

LUGANO - È polemica sul caso di una cinquantina di consulenti messi con le spalle al muro da Helvetia. Costretti a scegliere tra un nuovo contratto "capestro", e il licenziamento. Oggi a prendere posizione sulla vicenda - riferita nei giorni scorsi da tio/20minuti - è l'Mps, che in una nota ha parlato di «un caso chiaro di dumping salariale». E annuncia il lancio di un'iniziativa popolare a sostegno dei diritti dei lavori, settimana prossima. 

La presa di posizione: 

«Negli stessi giorni in cui a Lugano si celebrava il processo Consonni, un triste esempio di abusi salariali nei confronti dei lavoratori, ecco che viene annunciata una vera e propria operazione di dumping salariale e sociale effettuata dalla compagnia di assicurazione Helvetia nei confronti di una cinquantina di propri consulenti attivi in Ticino (assicurazione alla cui testa, nel nostro cantone, figura Michele Morisoli, l’”uomo cerca” del PLRT…)

La scelta proposta ai dipendenti è tra l’adesione ad una modifica verso il basso delle condizioni salariali (con l’introduzione di assurde ed illegali clausole retroattive) o la perdita del posto di lavoro: mai una illustrazione di cosa sia il dumping salariale è stata più chiara.

Alla base di tutto questo vi è certo la concorrenza sempre più esasperata nel settore assicurativo: una concorrenza che tuttavia ha come motore principale la volontà di chi dirige le aziende di mantenere o aumentare il tasso di redditività del capitale investito, attraverso un aumento dei profitti che, evidentemente, va a scapito delle remunerazioni dei salariati.

A conferma di questo basterà ricordare che Helvetia è una delle compagnie assicurative più remunerative: nel solo 2018 ha generato un utile di quasi mezzo miliardo (431 milioni). La sua quotazione in borsa negli ultimi anni, proprio in seguito ai profitti conseguiti incessantemente, ha subito un incremento cospicuo a tal punto da necessitare uno “splitting” del valore delle azioni (5 nuove azioni per una vecchia). Significativo, malgrado questo elemento appena ricordato, l’aumento del dividendo per il 2018, passato da 1 franco per azione a 24 franchi.

Questi attacchi contro le condizioni di salario e di lavoro avvengono per due ragioni.

Da un lato perché il settore terziario soffre di una mancanza cronica di una presenza sindacale in grado di assicurare un minimo di protezione e di mobilitazione dei salariati.

Dall’altro la latitanza degli organismi pubblici (ispettorato del lavoro) di controllo e monitoraggio del mercato del lavoro. Gli strumenti e le forze a disposizione per un controllo serio del mercato del lavoro sono nettamente insufficienti.

Ed è in questo contesto che il mercato del lavoro in Ticino da tempo oramai è diventato un mercato selvaggio, nel quale vige la legge del più forte a scapito dei diritti di chi lavora, aprendo le porte a soprusi evidenti (come testimonia la vicenda Helvetia), mettendo con le spalle al muro lavoratori che non hanno strumenti di difesa.

Il caso in questione (così come altre vicende che ormai quasi quotidianamente ci segnalano il degrado delle condizioni di lavoro dei salariati e della salariate in questo cantone) necessita , oltre alla necessità di un rilancio dell’azione di difesa sui luoghi di lavoro, anche proposte per rafforzare il controllo del mercato del lavoro e delle condizioni di salario e di lavoro.

Proprio perché cosciente di questa situazione, che negli ultimi anni non ha cessato di denunciare e di combattere, l’MPS lancerà la prossima settimana un’iniziativa popolare denominata “Rispetto per i diritti di chi lavora. Combattiamo il dumping salariale e sociale”. Un’iniziativa che vuole rafforzare in modo decisivo il controllo del mercato del lavoro e delle condizioni salariali offerte ai lavoratori e alle lavoratrici: un passo fondamentale nella lotta contro il dumping salariale e sociale».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 07:38:24 | 91.208.130.85