Tipress
Xenia Peran in corsa per il Consiglio degli Stati
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
13 min
La città continuerà ad occuparsi di Villa Heleneum
CANTONE
15 min
Un'iniziativa per semplificare la legge sulle commesse pubbliche
MENDRISIO
16 min
Per due settimane via Confine a senso unico
CANTONE
24 min
Terreni agricoli, l’UDC: «Il Governo si faccia avanti a Berna»
CANTONE
37 min
Dopo i funghi tocca alle castagne. E sarà un'ottima annata
MURALTO
1 ora
"Diversamentelago” approda sul bacino svizzero del Verbano
BELLINZONA
2 ore
«La Polcom è di nuovo sulla bocca di tutti e non è una novità»
LUGANO
2 ore
«Vogliamo correggere l’immagine distorta delle cliniche private»
PARADISO
2 ore
In piazza si celebra Bacco
BELLINZONA
3 ore
Acqua potabile, arrivano nuovi erogatori
BELLINZONA
3 ore
Anche il PS condanna il radar di Camorino: «Così si creano inutili attriti con la polizia»
LOCARNO
4 ore
Dibattito dei GLR sul clima per le elezioni federali
LUGANO
4 ore
La boxe maestra di vita: «Quando cadi ti devi rialzare subito»
LUGANO
4 ore
Premiati i vincitori del concorso Prix SVC
LUGANO
4 ore
Ca’ Rezzonico, Beltraminelli nel Consiglio di Fondazione
CANTONE
23.08.2019 - 18:420

Casellario lindo per i candidati senatori, tranne Xenia Peran

In corsa per la Lega Verde la 56enne ha commesso lo scorso anno un’infrazione grave alle norme della circolazione nel canton Svitto

BELLINZONA - La politica è metterci la faccia, ma sotto elezioni uno ce la deve mettere due volte. Candidarsi significa infatti essere disposti a rendere pubblico il proprio casellario giudiziario. Fa parte del gioco e sul Foglio Ufficiale di oggi, oltre all’elenco completo di tutti i candidati in corsa per il Consiglio nazionale, per i nove che si contenderanno le due poltrone al Consiglio degli Stati vengono rese pubbliche anche le eventuali condanne penali.

E se per otto di loro appare la scritta “Nessuna iscrizione”, per la candidata della Lega Verde Xenia Peran s’accende la spia rossa. Ma sorprendentemente non si tratta della condanna a 20 mesi sospesi per due anni emessa a gennaio dalla Corte d’appello e revisione penale per appropriazione indebita ai danni di un suo cliente (e confermata lo scorso 11 luglio dopo che il Tribunale federale ha respinto una domanda di revisione).

No, sul casellario di Peran compare una condanna per infrazione alle norme della circolazione. Un’infrazione grave avvenuta sulle strade del canton Svitto e punita dal tribunale lo scorso 11 dicembre. Cosa sia successo non si sa, ma ha ricevuto una multa di 2’200 franchi, nonché una pena pecuniaria di 20 aliquote giornaliere a 320 franchi sospese per due anni di prova. 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 15:34:11 | 91.208.130.89