TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / STATI UNITI
14 min
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
25 min
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
47 min
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
CANTONE
48 min
Legge sugli aiuti allo studio, l'MpS ne chiede lo stralcio
CENTOVALLI
2 ore
Lavori notturni estesi fino alla stazione di Verdasio
CANTONE / ARGENTINA
11 ore
Blackout in Argentina, ma non a... Ticino
CANTONE
12 ore
Sisa: «Borse di studio: più soldi, ma anche più debiti?»
CANTONE
13 ore
Ecco i nuovi docenti della scuola ticinese
CANTONE
15 ore
Palpeggiò una disabile, frate a processo
BELLINZONA / BIASCA
17 ore
Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»
LOCARNO
18 ore
Controlli al Fashion 2Shé: «Perché le guardie di confine?»
CANTONE
18 ore
Nominati tre vicedirettori alle scuole professionali
MEZZOVICO-VIRA
18 ore
Consuntivo positivo per il 14° anno consecutivo
BRUSINO ARSIZIO
18 ore
Il Consuntivo fa l'unanimità
CANTONE
18 ore
Addio ad Antonio Snider
CANTONE / SVIZZERA
13.06.2019 - 14:020
Aggiornamento : 15:04

Banche ticinesi poco tutelate dal governo federale

Per Abate l'invio del questionario da parte dell'Agenzia italiana delle entrate è solo un modo per far pressione sulle banche

BERNA - Il Consiglio federale fa troppo poco per tutelare le banche, specie quelle operanti in Ticino alle prese con i metodi arbitrari, e forse illegali, dell'Agenzia italiana delle entrate.

È quanto ha dichiarato oggi il "senatore" Fabio Abate (PLR/TI) a Keystone-ATS dopo la risposta, da lui giudicata insoddisfacente, a una sua interpellanza da parte del Consigliere federale Ueli Maurer, in merito al questionario inviato da Roma agli istituti di credito in cui si chiedono informazioni sugli affari transfrontalieri di quest'ultimi con la clientela italiana.

In merito alle richieste dell'Agenzia delle entrate di ottenere informazioni anche sui collaboratori delle banche, Maurer ha ribadito che gli istituti devono rispettare le disposizioni elvetiche sulla protezione dei dati e che un'eventuale cessione di informazioni può avvenire solo col consenso dei diretti interessati.

La controparte italiana è già stata informata dalla Segreteria di Stato su questi aspetti e domani ci sarà un incontro con le banche coinvolte, ha spiegato Maurer. Questi ha poi aggiunto che alcuni istituti si sono già attivati per conto proprio.

Un aspetto, quest'ultimo, che ha fatto arricciare il naso ad Abate, secondo cui un simile comportamento è anche il risultato della passività di Berna nei confronti di quanto sta accadendo. Agendo in questo modo, però, «le stesse banche impediscono la ricerca di una soluzione comune». La banche dovrebbero coordinarsi, anche se Maurer «fa di tutto per schivare l'oliva».

Non mi risulta, ha poi puntualizzato Abate, che un organismo straniero possa rivolgersi direttamente a dei privati senza passare dai canali ufficiali. Stando a Maurer, infatti, l'Amministrazione federale delle contribuzioni è stata ignorata dal momento che il questionario sotto accusa non rappresenta una domanda di assistenza amministrativa.

Per Abate, l'invio del questionario da parte dell'Agenzia italiana delle entrate - dove a suo parere i sentimenti nei confronti della piazza finanziaria ticinese non sono dei più amichevoli - è solo un modo per far pressione sulle banche: «è la solita storia», insomma. C'è poi il rischio che gli istituti paghino due volte tasse sui redditi generati da determinate operazioni.

Commenti
 
Danny50 6 gior fa su tio
Ma fatemi il piacere ! Le banche hanno sbragato su tutta la linea ed ora Abate si stupisce che l’Italia cerca di abusare della debolezza sempre dimostrata da gente come lui ?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 10:17:05 | 91.208.130.87