Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 min
L’Orchestra della Svizzera italiana al Musikverein di Vienna
CANTONE / SVIZZERA
20 min
Monica Duca Widmer si siede al tavolo della Ruag
CASTEL SAN PIETRO
21 min
Svizzeri un po’ xenofobi e facilmente in disoccupazione
MENDRISIO
2 ore
Pizzica il capo a rubare dalla cassa, parrucchiera licenziata
LUGANO
10 ore
Sole e caldo, è stato uno Scollinando da record
LUGANO
12 ore
«Così ti sfasciamo l'auto»
ITALIA / CANTONE
14 ore
Traghetto si incaglia nel porto di Ischia: «La vacanza non inizia benissimo»
CANTONE
15 ore
«Progresso solo con la fine della maggioranza di destra al Parlamento»
CANTONE
16 ore
Temporali blues a Caslano…
NOVAZZANO
17 ore
Ecco il Boscoiattolo per i bimbi di Novazzano
CONFINE
17 ore
Proto confessa: «Sono dipendente dal gioco d’azzardo»
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Ora è ufficiale: Marina Carobbio correrà su entrambi i fronti
BREGAGLIA (GR)
21 ore
Frana di Bondo: nessun colpevole per otto morti
CANTONE / CONFINE
21 ore
Chiusura valichi secondari, c’è chi dice no
MONTE CARASSO
21 ore
Riapre lo storico oratorio: ed è bagno di folla
SVIZZERA / CANTONE
12.06.2019 - 12:240

Treni internazionali, i controlli a Chiasso «vanno garantiti»

Il Consiglio nazionale ha adottato un postulato di Marco Romano che chiede al Governo di prendere misure per assicurare controlli al confine

BERNA - La Confederazione deve prendere delle misure per garantire controlli al confine esercitati assieme all'Italia nei treni internazionali. Il Consiglio nazionale ha adottato - con 97 voti contro 91 e 1 astenuto - un postulato del deputato ticinese Marco Romano che chiede al Governo di stilare un rapporto in tal senso.

Il popolare-democratico ticinese si è detto preoccupato sulle conseguenze dei cambiamenti nella mobilità internazionale, che prevedono che i treni non si fermino più al confine a Chiasso, ma a Lugano, 20 chilometri più a nord.

Misure sono già allo studio, ha replicato invano Ueli Maurer per bocca del Consiglio federale. L'Ufficio federale dei trasporti, le FFS e l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) si incontrano regolarmente e le autorità ticinesi, luganesi e italiane sono associate alle discussioni.

Si tratta per esempio di ispirarsi alla situazione di Basilea, dove i passeggeri dei treni in provenienza dalla Germania sono controllati durante il tragitto. In caso di necessità, l'AFD potrebbe esigere in ogni momento che i treni si fermino eccezionalmente a Chiasso, ha precisato Maurer.

Commenti
 
lo spiaggiato 4 gior fa su tio
ottima idea, però dopo i finanzieri che devono controllare assieme alle nostre guardie di confine devono arrivare fino a Lugano e la solita lega dei ticinesi sbraita che invadono la nostra patria... :-/
tip75 4 gior fa su tio
bastano dei controllori sul treno anche per la sicurezza degli utenti,non per forza a chiasso
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 09:25:42 | 91.208.130.86