Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / STATI UNITI
18 min
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
29 min
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
51 min
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
CANTONE
52 min
Legge sugli aiuti allo studio, l'MpS ne chiede lo stralcio
CENTOVALLI
2 ore
Lavori notturni estesi fino alla stazione di Verdasio
CANTONE / ARGENTINA
12 ore
Blackout in Argentina, ma non a... Ticino
CANTONE
12 ore
Sisa: «Borse di studio: più soldi, ma anche più debiti?»
CANTONE
13 ore
Ecco i nuovi docenti della scuola ticinese
CANTONE
15 ore
Palpeggiò una disabile, frate a processo
BELLINZONA / BIASCA
17 ore
Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»
LOCARNO
18 ore
Controlli al Fashion 2Shé: «Perché le guardie di confine?»
CANTONE
18 ore
Nominati tre vicedirettori alle scuole professionali
MEZZOVICO-VIRA
18 ore
Consuntivo positivo per il 14° anno consecutivo
BRUSINO ARSIZIO
18 ore
Il Consuntivo fa l'unanimità
CANTONE
18 ore
Addio ad Antonio Snider
SVIZZERA / CANTONE
12.06.2019 - 12:240

Treni internazionali, i controlli a Chiasso «vanno garantiti»

Il Consiglio nazionale ha adottato un postulato di Marco Romano che chiede al Governo di prendere misure per assicurare controlli al confine

BERNA - La Confederazione deve prendere delle misure per garantire controlli al confine esercitati assieme all'Italia nei treni internazionali. Il Consiglio nazionale ha adottato - con 97 voti contro 91 e 1 astenuto - un postulato del deputato ticinese Marco Romano che chiede al Governo di stilare un rapporto in tal senso.

Il popolare-democratico ticinese si è detto preoccupato sulle conseguenze dei cambiamenti nella mobilità internazionale, che prevedono che i treni non si fermino più al confine a Chiasso, ma a Lugano, 20 chilometri più a nord.

Misure sono già allo studio, ha replicato invano Ueli Maurer per bocca del Consiglio federale. L'Ufficio federale dei trasporti, le FFS e l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) si incontrano regolarmente e le autorità ticinesi, luganesi e italiane sono associate alle discussioni.

Si tratta per esempio di ispirarsi alla situazione di Basilea, dove i passeggeri dei treni in provenienza dalla Germania sono controllati durante il tragitto. In caso di necessità, l'AFD potrebbe esigere in ogni momento che i treni si fermino eccezionalmente a Chiasso, ha precisato Maurer.

Commenti
 
lo spiaggiato 1 sett fa su tio
ottima idea, però dopo i finanzieri che devono controllare assieme alle nostre guardie di confine devono arrivare fino a Lugano e la solita lega dei ticinesi sbraita che invadono la nostra patria... :-/
tip75 1 sett fa su tio
bastano dei controllori sul treno anche per la sicurezza degli utenti,non per forza a chiasso
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 10:21:47 | 91.208.130.87