Ti Press (archivio)
CANTONE
29.05.2019 - 11:200

Clima, dopo il sit-in il Governo apre ad un incontro

Il Consiglio di Stato ha risposto alle cinque lettere inviate dal coordinamento per lo "Sciopero per il Clima" lo scorso mese

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha risposto alle cinque missive consegnate dal coordinamento cantonale “Sciopero per il Clima” lo scorso aprile, confermando la propria disponibilità ad incontrare una delegazione del movimento per una riunione nella quale approfondire gli orientamenti di politica ambientale del nostro Cantone.

Per quanto riguarda i temi sollevati dalle cinque lettere, in linea generale le risposte del Governo sono accomunate dalla volontà di ricordare che negli scorsi anni e decenni la politica – a livello federale, cantonale e nei Comuni – non è rimasta immobile. «Se è vero che le trasformazioni climatiche in atto a livello globale suscitano legittima preoccupazione - si legge in un comunicato -, la Svizzera e il Ticino si sono mossi in anticipo e con grande decisione per ridurre l’impatto negativo delle attività umane sull’equilibrio ambientale».

Il Consiglio di Stato sottolinea pure come la qualità dell’aria e delle acque del nostro Cantone – pur continuando a suscitare giustificati timori, specialmente nel Sottoceneri – è nettamente migliorata rispetto agli scorsi decenni.«I risultati positivi fin qui ottenuti, naturalmente, non giustificano né l’inazione né una minimizzazione della portata delle sfide che attendono la popolazione svizzera e l’umanità tutta», prosegue il Governo confermando la volontà di «proseguire i propri sforzi a favore della sostenibilità ambientale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 1 anno fa su tio
Il Governo apre a un precedente. Il sedicente "coordinamento cantonale Sciopero per il Clima" non sembrerebbe essere dotato di statuti associativi. Non sono conosciuti i rappresentanti legalmente designati. Insomma, chi, ammesso che al Governo ne avesse tante da dire, non sarà mai né ricevuto, né ascoltato, diversamente da questi. Esibizioni finalizzate a consensi non sono giustificate.L'interlocutore del Governo è il GC.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-01 18:06:49 | 91.208.130.86