Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
MEZZANA
31 min
Incontro della Regio Insubrica, sul tavolo anche la situazione debitoria di Campione d'Italia
CANTONE
33 min
Tassista provoca il ferimento di un agente, sette mesi sospesi
CANTONE
1 ora
Fallimenti pilotati nel mirino
BELLINZONA
1 ora
Si torna a camminare sulla Murata di Castelgrande
ACQUAROSSA
2 ore
Veicolo agricolo distrutto dalle fiamme
CANTONE
2 ore
Centro collaudi e OSC nella morsa della canicola: «Il Governo agisca»
LUGANO
2 ore
33 donne e un uomo. Sono i nuovi assistenti di farmacia
CANTONE
2 ore
Troppo ozono nell'aria, scattano gli 80 km/h sull'A2
COLDRERIO
3 ore
Nuovo vicedirettore per il Centro di Mezzana
MENDRISIO
3 ore
Un giovedì da 18'000 franchi (in beneficenza)
CANTONE
4 ore
Una pagina web sullo sviluppo degli insediamenti
ASTANO
4 ore
«Serve un progetto solido con l'aiuto del Cantone»
CENTOVALLI
4 ore
Il paesino dei turisti in burn-out
LUGANO
6 ore
Estate di lavori e traffico deviato
CANTONE
6 ore
Ecco la rosa UDC per le federali
CANTONE
26.05.2019 - 17:040

«Mike Pompeo è persona sgradita in Ticino»

Il segretario USA si recherà nel nostro Cantone. Ma il Partito Operaio e Popolare non ci sta «e lo metterà al corrente»: «Ha le mani e la coscienza sporche di sangue»

BELLINZONA - La notizia che il Segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo si recherà prossimamente a Bellinzona è stata accolta con grande disappunto dal Partito Operaio e Popolare Ticino, «che si impegnerà a metterlo al corrente che non è una persona benvenuta nel nostro Cantone».

Durante il suo mandato a capo della CIA e in seguito come Segretario di Stato, Pompeo avrebbe infatti «perpetuato una politica guerrafondaia che colpisce come sempre le classi meno abbienti di quei pochi Paesi (Venezuela, Cuba, Iran) che osano alzare la voce contro uno Stato che non rispetta alcun accordo in materia di pace internazionale». E ancora sarebbe stato uno degli artefici di una politica «fautrice del massacro che sta avendo luogo in Yemen, o la Colombia».

Per il POP, Mike Pompeo e l’intero Governo degli Stati Uniti «hanno le mani e la coscienza sporche di sangue» e non si può quindi accettare che la Svizzera, né tanto meno il Ticino, lo accolgano. Mobilitando per giunta forze e «ingenti» mezzi economici.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 13:18:47 | 91.208.130.87