Ti Press (archivio)
Lo scorso 9 maggio anche il Consiglio federale è stato sollecitato sulla riforma da un'interpellanza di Giovanni Merlini.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
47 min
Auto ticinese parcheggiata di fronte al Duomo... e arriva il carro attrezzi
AVEGNO-GORDEVIO
2 ore
Vaccino alla francese per le bestie infette
CANTONE
3 ore
In 50 per i candidati al Consiglio nazionale del PPD
MENDRISIO
3 ore
La piazza si prepara per la Festa della Musica 2019
CANTONE
4 ore
«E ora aprite le porte e mostrateci come vivono»
CANTONE/EMIRATI ARABI UNITI
5 ore
La sostenibilità ticinese a Dubai
BELLINZONA
5 ore
Distrutta l'opera del progetto "Land Art": «Siamo amareggiati»
ITALIA/CANTONE
6 ore
La madre di Eleonora: «Non ho sbagliato niente»
CANTONE / BERNA
6 ore
Fiscalità dei frontalieri: «Visto chi comanda in Italia ci sono poche speranze»
CANTONE
6 ore
Rally matematico, ecco i vincitori
CUGNASCO
8 ore
Auto svolta e urta una moto, un ferito
CANTONE
10 ore
Cambio di sede per evitare la bocciatura: «È così che si aiutano i nostri ragazzi?»
CANTONE / STATI UNITI
12 ore
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
12 ore
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
12 ore
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
CANTONE
24.05.2019 - 16:300

Erosione delle Guardie di confine, il PLR interroga il Governo

Matteo Quadranti e cofirmatari chiedono al Consiglio di Stato di esprimersi sui progetti di riforma del settore doganale

BELLINZONA - Dopo il Consiglio federale, interpellato lo scorso 9 maggio dal consigliere nazionale Giovanni Merlini, anche il Governo cantonale è stato oggi sollecitato dal gruppo PLR in merito ai progetti di riforma del settore doganale, i cui effetti si ripercuotono anche sulle Guardie di confine attive in Ticino.

Il nuovo progetto pilota - L’interpellanza Merlini si concentrava in particolare sul fatto che la volontà di uniformare in un’unica funzione tutte le competenze delle Guardie di confine avrebbe potuto portare ad alcuni problemi. Nella fattispecie per i compiti di polizia (mansioni con arma), che non possono essere demandati a cittadini stranieri.

Nel frattempo, la direzione delle Guardie di confine ha presentato un altro progetto pilota che partirà nel secondo semestre 2019. Un progetto che comporterebbe cambiamenti sostanziali, visto che anche una serie di compiti di controllo normalmente di competenza delle Guardie di confine svizzere verrebbero pian piano sottratti alle Guardie stesse e demandati ad altro personale con diversa formazione e non necessariamente di nazionalità svizzera (anche all’aeroporto di Lugano Agno). Garantendo pure l’accesso a banche dati sensibili.

L’interrogazione - «Nell’attesa di conoscere che risponderà il Consiglio federale alle domande poste» da Merlini, il gruppo PLR chiede al Consiglio di Stato di esprimersi sulle preoccupazioni legate al progetto di riforma e in particolare sullo «smantellamento in atto delle Guardie di confine».

Quadranti e cofirmatari chiedono inoltre se il Governo sia «a conoscenza della delega concessa all’Amministrazione Federale delle Dogane per i controlli all’Aeroporto di Lugano» e come intenda agire per evitare il «rischio di privatizzazione dei controlli ai confini nazionali» e il conseguente affidamento di questi «ad aziende private in outsourcing».

Le domande dell'interrogazione

  1. Nell’attesa di conoscere che risponderà il Consiglio federale alle domande poste dal Consigliere nazionale Giovanni Merlini, che opinione ha in merito alle preoccupazioni ivi esposte?
  2. Se è a conoscenza e consapevole della delega concessa all’Amministrazione Federale delle Dogane (AFD) per i controlli all’Aeroporto di Lugano e del dettaglio dei progetti descritti sopra?
  3. Che ne pensa dello smantellamento in atto delle Guardie di confine?
  4. Se è consapevole che pian piano, con la demilitarizzazione del personale addetto e la deistituzionalizzazione del corpo, vi è un rischio di privatizzazione dei controlli ai confini nazionali?
  5. Come intende il Consiglio di Stato evitare che in un futuro a breve e medio termine questi controlli non vengano affidati ad aziende private in outsourcing tipo le agenzie private di sicurezza?
Commenti
 
beta 3 sett fa su tio
Povera Svizzera ; in mano a dei perfetti idioti che al posto del cervello hanno rape marce !
Tato50 3 sett fa su tio
Formazione La formazione quale guardia di confine dura tre anni (formazione di base e perfezionamento). È strutturata in moduli con forme di insegnamento e apprendimento moderne come il «learning management system». La formazione teorica ha luogo nel nostro Campus AFD di Liestal (BL). La formazione pratica avviene nella regione a cui si verrà assegnati. Le formazioni iniziano a gennaio e a luglio di ogni anno. Quale formazione avranno chi si assumerà certi compiti ? Gli daranno un giubbotto e gli diranno " alzati e cammina anche se non capisci un tubo" ? Ma stiamo diventando dementi ?
vulpus 3 sett fa su tio
Non abbiamo sufficenti disoccupati svizzeri per queste mansioni? O qualche dirigente delle Guardie, straniero, vuole piazzare qualche accolita d'oltre ramina a fare queste mansioni? Non ne abbiamo già abbastanza di FFS, UBS, CS, Posta usb?
TI.CH 3 sett fa su tio
Mi pare che i nostri consiglieri Federali - Nazionali - di Stato, siano tutti rincitrulliti; e noi stupidi che li abbiamo votati. Equalizer hai ragione siamo proprio specialisti in autolesionismo.
Equalizer 3 sett fa su tio
Ah, ma noi per farci del male siamo Numero 1!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 22:08:14 | 91.208.130.87