Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 min
Tiziano Veronelli è il nuovo Segretario generale del Gran Consiglio
CANTONE
22 min
«Quanto costano i rifugiati ai Comuni ticinesi?»
LUGANO
39 min
È nato il Forum delle Associazioni Ticinesi
LUGANO
1 ora
Affoltern am Albis in visita sul Ceresio
ITALIA / AIROLO
1 ora
Il più grande profiterole al mondo non è più ticinese
BELLINZONA
1 ora
Con il Villaggio dei Pompieri si chiudono i festeggiamenti dei 190 anni
TAVERNE / RIVERA
1 ora
Veicolo in avaria sull’A2, bloccata la corsia di destra
CANTONE
1 ora
Anche gli asilanti sono detenuti
LUGANO
2 ore
Veicolo in omaggio per i pompieri. Ed è subito Tetris Challenge
LUGANO
3 ore
Endorfine Festival da tutto esaurito
CANTONE
3 ore
La frontiera resterà senza droni
DOSSIER
3 ore
Allarme clima: 12 luoghi che rischiano di scomparire
BELLINZONA
3 ore
La Fontana della Foca si tinge di arancione (per una buona causa)
CANTONE
4 ore
La SUPSI riparte con 5’320 studenti
TENERO-CONTRA
4 ore
Il viaggio svizzero della fiamma olimpica parte da Tenero
CANTONE
19.05.2019 - 17:020

PLR: «Finalmente una riduzione della pressione fiscale per le piccole e medie imprese»

Più duro il commento sulla votazione semafori/rotonde: «Quando sarete in colonna, saprete chi ringraziare»

BELLINZONA - Un passo avanti molto importante nella riduzione della pressione fiscale per le piccole e medie aziende svizzere e un’iniezione di fiducia per l’innovazione e i posti di lavoro di qualità in Ticino. Per il PLR sono questi i due aspetti fondamentali emersi dalla tornata odierna di votazioni federali e cantonali. «Il chiaro Sì alla riforma fiscale e finanziamento dell’AVS (RFFA) permetterà alla Svizzera di mantenersi competitiva e attrattiva sul piano fiscale, risanando almeno parzialmente nel contempo il primo pilastro. È ora il momento per il Dipartimento finanze ed economia e per Christian Vitta di indicare i prossimi passi per quanto riguarda il Ticino. La posizione del PLR è molto chiara: la riduzione della pressione fiscale è una priorità e anche chi paga le imposte deve poter beneficiare dell’avvenuto risanamento finanziario evitando una nuova spirale di crescita delle uscite».

Il No all’iniziativa “Giù le mani dalle Officine” «consente analogamente di guardare con fiducia al futuro dello stabilimento industriale delle FFS e allo sviluppo di un polo dell’innovazione vicino alla stazione di Bellinzona connesso all’area di Zurigo».

Per quanto riguarda la votazione sulle armi, il PLR commenta così: «Accettando la revisione della legge sulle armi, la popolazione svizzera ha chiaramente indicato la strada per quanto attiene ai rapporti con l’Europa: dobbiamo difendere i nostri interessi per assicurare le migliori condizioni quadro per la nostra economia pur proteggendo l’autonomia politica svizzera e le sue peculiarità». E sul Ticino quale unico cantone ad aver votato No «non c’è nessuna sorpresa. Il nostro Cantone si è sempre dimostrato il più scettico nei rapporti con l’Europa e molto sensibile a qualsiasi tipo di presunta direttiva».

In ultimo, il PLR si è espresso anche sui semafori tra Cadenazzo e  Quartino: «quando sarete in colonna, saprete chi ringraziare. Purtroppo il Locarnese rimarrà ancora penalizzato per molti anni in attesa del futuro collegamento A2 – A13.».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 15:30:25 | 91.208.130.87