TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
2 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
6 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
6 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
9 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
9 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
9 ore
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
10 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
11 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
12 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
12 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
13 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
15 ore
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
1 gior
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
1 gior
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
BELLINZONA
02.05.2019 - 13:010

“Giù le mani”: «Esito non scontato se avessero votato gli operai»

Il Municipio risponde all’interrogazione di Käppeli, Ambrosini, Guscio e Züger in merito ai fondi utilizzati per il finanziamento del “sì” il 19 maggio

BELLINZONA - L’associazione “Giù le mani dall’Officina” ha deciso di stanziare per la campagna 120’000 franchi provenienti dalle donazioni fatte al comitato di sciopero nel 2008.

Uno stanziamento di fondi che ha fatto nascere polemiche e un’interpellanza, poi diventata interrogazione, presentata da Fabio Käppeli (PLR) e i capigruppo in Consiglio comunale Ivan Ambrosini (PPD), Lelia Guscio (Lega) e Renato Züger (PS).

E la posizione del Municipio, nella risposta, appare chiara: «Evidentemente e logicamente nessuno aveva versato dei contributi pensando che quel denaro venisse utilizzato 10 anni dopo per un altro scopo e addirittura suscettibile di mettere a rischio i posti di lavoro».

Nel 2008 il comitato aveva raccolto 1,38 milioni di franchi. Avevano donato i Comuni che oggi compongono la “nuova Bellinzona”, le AMB, partiti, enti, associazioni. «Si presume - scrive l’Esecutivo cittadino - che nelle intenzioni di chi aveva versato dei contributi il denaro doveva servire per sostenere la lotta degli operai, principalmente per garantire alle maestranze il salario anche durante lo sciopero, e secondariamente per finanziare le azioni organizzate in quel frangente».

L’Esecutivo cittadino ribadisce inoltre di «avere preso nota che l’assemblea degli operai delle Officine si è divisa in due sull’iniziativa» e che «207 su 370 operai ha scritto una lettera al CEO delle FFS Meyer indicando il proprio sostegno al progetto di Castione». In base a questo, «è presumibile - aggiunge come ultima stoccata - che se la proposta di stanziamento di 120’000 franchi a favore della campagna, anziché dall’associazione, fosse stata votata dall’assemblea degli operai, l’esito non sarebbe stato scontato».

La Città, a firma del sindaco Mario Branda e del segretario Philippe Bernasconi, ribadisce il proprio appoggio al nuovo stabilimento industriale a Castione, definendo la soluzione dell’iniziativa “Giù le mani” «una soluzione impraticabile tecnicamente e fragile giuridicamente».

2 mesi fa Officine, gli operai scelgono il binario che porta a Castione
2 mesi fa Campagna con i soldi degli operai? Interpellato il Municipio
2 mesi fa Appoggio del Municipio alla petizione Tre Valli
Commenti
 
Nmemo 3 sett fa su tio
Ve lo immaginate lo Stato del canton Ticino mettersi a fare l’imprenditore nel campo ferroviario? Il tutto su un progetto SUPSI che non si sa a quale titolo riponga “lunga esperienza” di tecnologia ferroviaria! Ma quale cittadino potrebbe sostenere siffatta iniziativa? Qualcosa stavolta, infine è deragliata.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 23:36:09 | 91.208.130.87