TiPress
CANTONE
18.02.2019 - 14:570

L’impatto ambientale entra nei messaggi governativi

Lo chiede una mozione interpartitica presentata da Nicola Pini, Bruno Buzzini, Ivo Durisch e Giorgio Fonio. «Il tema sia valutato in maniera costante da Governo e Parlamento»

BELLINZONA - In ogni messaggio governativo all’indirizzo del Gran Consiglio dovrebbe essere inserito un breve capitolo sulle conseguenze ambientali (esistenti o inesistenti) dello stesso, analogamente a quanto avviene attualmente per le conseguenze sul personale, sugli enti locali e sul piano finanziario. È quanto chiede una mozione interpartitica presentata oggi al Consiglio di Stato.

In questo modo - scrivono i firmatari - Governo e Parlamento saranno obbligati a considerare questo importante aspetto per ogni decisione.

Nicola Pini (PLR), Bruno Buzzini (Lega), Ivo Durisch (PS) e Giorgio Fonio (PPD) ritengono che i giovani che hanno manifestato in favore della sensibilizzazione ai cambiamenti climatici - anche in Ticino, a Bellinzona - si rivolgano direttamente alle autorità politiche e debbano essere ascoltate.

Parallelamente, viene quindi chiesto al Consiglio di Stato di farsi promotore nella prossima legislatura di un Tavolo dell’Ambiente, magari partendo da quanto organizzato sul riscaldamento climatico lo scorso 12 febbraio su impulso del Dipartimento del Territorio. «L’intento deve essere quello di fare un bilancio di quanto si sta facendo e trovare nuove vie da percorrere, insieme».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Parole, parole, parole, canta la mitica Mina. Sarebbe già qualcosa mettendo in pratica il famoso principio ,tanto in voga, del " prima i nos", e questo non solo per l'occupazione , ma anche per l'approvvigionamento. Si favoriscano le aziende in loco, che creano posti di lavoro e pagano le tasse:ricordatevi che in Ticino , anche se le cose possano costare qualcosa di più ,si crea ricchezza , e si trova di tutto !
sedelin 1 anno fa su tio
@vulpus hai commentato un articolo diverso da quello che intendevi!
vulpus 1 anno fa su tio
@sedelin Ta ghet reson :(
sedelin 1 anno fa su tio
finalmente, sperando che siamo ancora in tempo per evitare il peggio! é vero che siamo un fazzolettino sulla terra, ma se qualcuno comincia subito non può che far bene ;-)
shooter01 1 anno fa su tio
le elezioni si avvicinano e bisogna far vedere che si fa... UN PIFFERO. Basterebbe diminuire il traffico frontaliero. E' inutile girare intorno al... TAVOLO
sedelin 1 anno fa su tio
@shooter01 che palle! anche se nell'articolo si parlasse di ortensie troveresti da ridire contro i frontalieri. si chiama mania di persecuzione.
il saggiatore 1 anno fa su tio
I soliti tavoli... saranno contenti i falegnami! Come al solito si parla tanto e si combina poco (a onor del vero, non che a livello cantonale si possa incidere così tanto sull'ambiente). Oltretutto mi paiono dichiarazioni strumentali alla campagna elettorale: l'ambiente viene in mente adesso, a due mesi e mezzo dalle elezioni?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 19:58:29 | 91.208.130.87