Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
14 min
La parola fine sul caso Sogevalor
CANTONE
41 min
«Vogliamo insegnare ai ragazzi a studiare forse meno... ma meglio»
CANTONE
1 ora
Un esercito di ticinesi senza licenza media
BELLINZONA
7 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
10 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
10 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
11 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
LUGANO / ITALIA
11 ore
Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli
MENDRISIO / CANTONE
13 ore
Tutti questi alberi verranno abbattuti?
AIROLO
13 ore
Cent'anni e non sentirli per Aldo Piccinonno
LOCARNO
13 ore
Cartelli illegali: «Il Municipio ha fatto una doppia figuraccia»
MENDRISIO
13 ore
Tre condanne e un arresto per i migranti passatori
CANTONE
14 ore
Abusi al Dss: la nomina fa discutere
LUGANO
15 ore
Campioni del mondo alla Lugano Bike Emotions
CANTONE
15 ore
Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione
CANTONE
06.02.2019 - 06:530
Aggiornamento : 08:22

Comunicazione del Cantone: «Facciamo ordine, per essere credibili»

Cleto Ferrari e Paolo Pamini interrogano il Consiglio di Stato e chiedono una chiara delimitazione delle competenze tra Governo e Dipartimenti

BELLINZONA - «La comunicazione è molto importante per la credibilità dello Stato». Ne sono convinti Cleto Ferrari e Paolo Pamini (UDC), secondo i quali «andrebbe fatto un po' di ordine», visto che negli ultimi anni si sta assistendo «ad un decadenza di stile», «ad una corsa per accaparrarsi spazio».

Per questo hanno deciso di interrogare sulla questione il Consiglio di Stato, in particolare per chiedere una chiara delimitazione delle competenze nella comunicazione tra Consiglio di Stato e Dipartimenti, che «non può che giovare alla credibilità e all’efficacia lavorativa dell’esecutivo». Fra le domande poste al Governo, Ferrari vuole inoltre sapere quanti comunicati all’anno escono nelle varie modalità a nome del Dipartimento e quanti a nome del Consiglio di Stato, «per capire se si sta esagerando, per capire se il problema esista o meno».

I due deputati propongono infine di affidare all’USI una valutazione delle attuali modalità di comunicare della macchina statale e valutare se non possa essere migliorata.

 

Commenti
 
seo56 7 mesi fa su tio
Scusate ma...... hahahahahaha!!
Nmemo 7 mesi fa su tio
Non è mai troppo tardi, è vero. Ma prima di essere in campagna elettorale il binomio dove stava? Dormiva?
miba 7 mesi fa su tio
Figuriamoci, insabbiano ed intrallazzano già adesso (v. articolo parallelo) immaginiamoci poi dopo, alias gli insabbiamenti e gli intrallazzi verranno abilmente dissimulati in maniera professionale...
Dioneus 7 mesi fa su tio
visto che negli ultimi anni si sta assistendo «ad un decadenza di stile», «ad una corsa per accaparrarsi spazio». Però, da che pulpito! :)
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 07:41:07 | 91.208.130.87