ULTIME NOTIZIE Ticino
CURIO
12 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
13 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
13 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
14 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
15 ore
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
16 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
FOTO E VIDEO
STABIO
16 ore
Rapina in coppia a un distributore di benzina del Mendrisiotto
Il colpo è avvenuto questo pomeriggio alla Tamoil di San Pietro di Stabio. Gli autori in fuga a bordo di un'auto rubata
CANTONE
17 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
18 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
18 ore
Seicento giovani: «Giù le mani dal nostro futuro»
Come in altre parti del mondo, anche a Bellinzona gli attivisti sono scesi in piazza per denunciare la crisi climatica.
CANTONE
19 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
19 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
20 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
VIDEO
LOCARNO
22 ore
Sparatoria a Solduno, il video dell'arresto
Emergono nuovi dettagli sul fatto di sangue di ieri sera. Le condizioni della 22enne restano gravi.
CANTONE
23 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
CANTONE
21.01.2019 - 15:080
Aggiornamento : 17:11

Rimborsi ai consiglieri di Stato, il Gran Consiglio decide di non decidere

Dopo il pareggio sull'entrata in materia di dicembre, il Parlamento si è nuovamente chinato sulla pretesa di risarcimento presentata da Matteo Pronzini. Con un nulla di fatto

BELLINZONA - Con 41 voti contro 31 (10 astensioni), il Gran Consiglio ha bocciato le conclusioni del Rapporto di maggioranza sulla pretesa di risarcimento contro i Consiglieri di Stato del deputato Matteo Pronzini. Il rapporto chiedeva che il Consiglio di Stato restituisse i rimborsi percepiti illegalmente, lasciando la possibilità al Governo di decidere se e quanto restituire, da luglio 2018. Bocciato anche l'emendamento del PPD che spostava l'asse temporale fino al novembre del 2011.

Durante la discussione, è intervenuto a nome del PPD Fiorenzo Dadò, che ha parlato di «atto di irresponsabilità civile che non si può sottacere e che bisogna chiudere nel modo meno disonorevole possibile». Gli ha fatto eco Germano Mattei, il quale ha precisato di essersi astenuto in dicembre per la mancanza, inaccettabile, di un terzo dei deputati durante la votazione.

Più duro nei toni, c'era da aspettarselo, Matteo Pronzini, che non ha partecipato al voto «perché si tratta di una pagliacciata e una presa per i fondelli della popolazione ticinese, che devono pagare tutto fino all’ultimo centesimo». Ha pure descritto il Parlamento come «arrogante con la popolazione e succube del Governo».

Il capogruppo del PLR Alex Farinelli ha ricordato che il Parlamento non è un tribunale, «non può stabilire se è stata violata una legge». Aspetto questo ribadito anche dal relatore di maggioranza Fabio Bacchetta-Cattori: «Spetterà poi al Consiglio di Stato prendere delle decisioni personali. Ma non è compito del Gran Consiglio dire loro quello che devono fare». Il deputato ha poi aggiunto che parte del Parlamento ha perso un po' di credibilità: «Siamo stati chiamati ad esercitare l'alta vigilanza. Questo è un rapporto che andava nella direzione di fare chiarezza, ma purtroppo la maggioranza del Gran Consiglio questa chiarezza non l'ha votata».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pizzic 2 anni fa su tio
boh!!! ma che problema c'era a mettere in regola il tutto già anni fa? ma perché 300. fr. per spese telefoniche quando oggi con neanche 150. fr. navighi e telefoni quanto vuoi) ma perché solo 1 ha restituito e gli altri 4 no? ma quanto abbiamo speso noi contribuenti per pagare tutti quelli che hanno studiato il caso e fatto rapporto per arrivare a questa conclusione? ma, ma, ma....
casi89 2 anni fa su tio
perche i nostri "alti"politici vogliono imitare d.trump?vergoniatevi siete solo una banda di energumeni inutili.
Lore62 2 anni fa su tio
Hihihi...provate VOI Cittadini a ricevere un rimborso illegale, poi vedrete cosa ci mette la giustizia ("uguale per tutti") a chiedere la restituzione...
Dioneus 2 anni fa su tio
Qua l'unico ad essere uscito pulito è Bertoli. Se non votassi già PS, inizierei da aprile e invito tutti a pensare a questi 4 anni e a chi ha fatto realmente qualcosa di utile nel cantone.
pardo54 2 anni fa su tio
@Dioneus E chi invece ha fatto di tutto e di più per distruggere quanto il ministro Bertoli voleva costruire. Ecco perché il PS merita ben altra considerazione.
pardo54 2 anni fa su tio
Ormai comanda la maggioranza liberal leghista con il sostegno del PPD. Ma la gente continuerà a votarli, quindi va bene così. Però se il semplice cittadino ritarda di un giorno nel saldare le imposte, zacchete subito contabilizzati gli interessi. Cambiamogli il nome da gran consiglio (volutamente in minuscolo) in Gran Coniglio.
Dioneus 2 anni fa su tio
Che pena
Nicklugano 2 anni fa su tio
Toh, ma guarda che sorpresa !!
seo56 2 anni fa su tio
Vergognatevi!!!!!!!
Gus 2 anni fa su tio
Un Governo a maggioranza leghista; un Gran Consiglio ostaggio dei leghisti. Votate Lega!
Fabio bianconero 2 anni fa su tio
E i politici mangiano...mangiano...mangiano...mangiano, credo sia giusto che il GC decida così, altrimenti salterebbero fuori un ulteriore miriade di casi analoghi magari sotto altra forma….l'importante è mangiare, mangiare e ancora mangiare, BUON APPETITO
Salbra 2 anni fa su tio
PS: Mi dimenticavo ...l'anno prossimo al 15 novembre ....quando riparte dal Ticino il Circo Knie ....salite anche voi sulle roulotte !!! Sezione Pagliacci !!
Tato50 2 anni fa su tio
Venditti sarà ospite del GC e canterà "In questo mondo di ladri" ! L'incasso sarà devoluto ai magnifici 4 ;-((
Salbra 2 anni fa su tio
Una cosa è sicura ! PLR e specialmente Lega( partito dei radar e delle tasse)..non li voterò mai più ! Mi viene voglia di votare il partito di Bertoli ! L'unico che si è degnato d'ascoltare e prendere le dovute decisioni guardando in faccia ai ticinesi !
vulpus 2 anni fa su tio
Farinelli, candidato con aspirazioni alla carica di consigliere di stato.Se questi sono i principi con i quali il rappresentante PLR intende acceder allo scranno, non ci siamo. Sicuro che non è un tribunale ma è il GC che decide chi e cosa deve remunerare. Se è emerso che non dovevano percepire, non è il tribunale che deve sentenziare, in quanto c'è ben da sperare che non siano in malafede.Probabilmente qualcuno ha perpetuato i rimborsi senza chiarificare chi li ha iniziati o non avvallati. Per cui c'era da aspettarsi , visto che l'esecutivo dovrebbe dipendere dal legislativo, che fosse loro rdinato di restituire quanto non autorizzato. Ma oramai non c'era da aspettarsi altro: siamo alle elezioni e a furia di nascondere scheletri speriamo che questi armadi scoppino. E chi è ancora in corsa faccia un atto di correttezza verso i cittadini rendendo quanto non di diritto.
marco17 2 anni fa su tio
Ecco dove ha condotto il Ticino il morbo leghista. A uno scadimento senza precedenti della politica che ha finito per contaminare quasi tutti i partiti. In questa squallida vicenda si salva soltanto la sinistra e anche Bertoli che ha restituito le somme percepite senza base legale.
Nmemo 2 anni fa su tio
Farinelli PLRT, a rigore ha ragione il Gran consiglio non è un tribunale. Ma la figura per le irresponsabilità sotto il profilo dell’opportunità politica di decidere qualcosa, la fa chi ha respinto proposte ponderate che giuridicamente sarebbero anche potuto essere impugnate da chi toccato direttamente.
KilBill65 2 anni fa su tio
il Gran Consiglio decide di non decidere per i rimborsi.....Allora ha ragione Pronzini....Vogliono insabbiare il tutto!!....Possibile che possono fare sempre come vogliono?....Andiamo a fondo a questa storia, altrimenti per il futuro sara' sempre peggio.....
tip75 2 anni fa su tio
politici della domenica
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 09:24:07 | 91.208.130.86