tipress
+ 1
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
2 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
3 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
3 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
4 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
5 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
5 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
6 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
7 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
7 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
7 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
8 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
10 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
10 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
CANTONE
10 ore
«Attenti ai colpi di calore», ecco le raccomandazioni del Cantone
CHIASSO
11 ore
Ragazzi di terza media in stage
CANTONE
11.01.2019 - 12:510
Aggiornamento : 16:42

Ecco la giovane rosa dei comunisti candidati al Consiglio di Stato

Presentato anche il Piano "Tabù" che si basa su punti quali rinnovamento economico, sociale, ambientale, democratico e culturale

BELLINZONA - È una rosa molto giovane quella presentata oggi dal Partito Comunista (PC) e Indipendenti e candidata a sedere al Consiglio di Stato.

Oltre al Segretario cantonale del PC, Massimiliano Ay (già deputato in Gran Consiglio), corrono per il Governo Edoardo Cappelletti (giurista e consigliere comunale di Lugano), Zeno Casella (consigliere comunale di Capriasca), Lea Ferrari (agronoma e Municipale di Serravalle) ed Alessandro Lucchini (economista e Consigliere comunale di Bellinzona).

Nel corso della conferenza stampa è stato presentato anche il Piano "Tabù" del partito, così soprannominato perché sarebbe «quello che nessuno osa proporre». Cinque i punti sui quali si basa: rinnovamento economico, sociale, ambientale, democratico e culturale.

«Il potere d’acquisto così come le condizioni di lavoro continuano a peggiorare, gli accordi bilaterali con l’Unione Europea hanno liberalizzato il mercato, favorendo il precariato e il dumping salariale - recita il comunicato inviato dal PC -. L’economia nelle mani di un padronato privo di qualsiasi sensibilità sociale e interessato unicamente ai propri profitti sul corto periodo, arranca invischiata in clientelismi vergognosi. C’è bisogno di un rinnovamento che preveda più Stato e meno mercato, che garantisca diritti ai lavoratori impoveriti, ma che dia fiato anche agli artigiani, ai commercianti e piccoli imprenditori che non reggono la concorrenza sleale del grande capitale transnazionale».

tipress
Guarda tutte le 6 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-24 22:10:29 | 91.208.130.87