tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
4 ore
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
6 ore
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
7 ore
Sebalter per festeggiare il 25esimo anniversario di Apple da Manor
SEMENTINA
7 ore
Associazione dei Contabili-Controller, premiati i neo-diplomati
CANOBBIO
8 ore
Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia
CADENAZZO
9 ore
Tamponamento sull'A2 prima della galleria del Monte Ceneri
CANTONE
10 ore
L'occhio del radar scruta mezzo cantone
MUZZANO
10 ore
I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»
CANTONE
11 ore
Erosione delle Guardie di confine, il PLR interroga il Governo
CANTONE
11 ore
«Bisogna incentivare i giovani ad usare i mezzi pubblici»
AQUILA
11 ore
Incidente nel nucleo di Aquila
BELLINZONA
11 ore
Giovani in piazza per salvare il clima
CANTONE
12 ore
Due importanti nomine per De Rosa
BELLINZONA
12 ore
«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»
LUGANO
12 ore
Appartamenti sussidiati a 400 franchi in più: «Il Municipio lascia fare?»
CANTONE
07.12.2018 - 13:300

Salario minimo: «I padroni non hanno fretta»

I Verdi del Ticino criticano «il temporeggiare ingiustificato» del Parlamento nell’applicazione dei salari minimi

BELLINZONA - I Verdi del Ticino si dicono «decisamente contrariati» per «il temporeggiare ingiustificato» del Parlamento nell’applicazione della volontà popolare di introdurre salari minimi in Ticino.

«Gli imprenditori meno corretti - sottolineano i Verdi in una nota odierna - continuano a guadagnare sulla pelle dei lavoratori rendendo difficile l'accesso al lavoro alle persone residenti, con la complicità di quei partiti che li rappresentano».

«Sono passati quasi sei anni da quando I Verdi iniziarono a raccogliere le firme per istituire un salario minimo sociale nel nostro cantone - prosegue la nota -. Ne sono passati più di tre da quando la popolazione ha espresso il proprio favore all'iniziativa, che mira a proteggere le lavoratrici e i lavoratori più fragili da un mercato del lavoro allo sbando. Una situazione da tempo insostenibile con stipendi assolutamente non dignitosi, che di fatto favoriscono la sostituzione di manodopera locale con quella frontaliera».

Non manca la frecciatina al PLRT che «afferma di sostenere gli impresari onesti, ma continua a ritardare il rapporto commissionale sul salario minimo. Forse perché tra questi imprenditori onesti ve ne sono anche alcuni un po' meno propensi a pagare compensi dignitosi?».

Di fronte a questi segnali i Verdi del Ticino invitano quindi le forze politiche in parlamento a darsi da fare in tempi brevi, evitando ulteriori speculazioni sulle spalle di lavoratrici e lavoratori ticinesi.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 03:30:41 | 91.208.130.87