TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
POSCHIAVO (GR)
58 min
Incidenti sul lavoro: un imprenditore poschiavino condannato in Italia
Le vittime del sinistro, un uomo decapitato dal cavo di una teleferica e un ferito grave, si trovavano a Grosio (Sondrio)
LUGANO
2 ore
Risultato record: 103'000 utenti al giorno per Tio
Per la prima volta i lettori online superano quelli dei media cartacei. Enrico Morresi: «I contenuti sono più importanti del supporto»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
4 ore
Si pattina a suon di Sgaffy. È partito Locarno On Ice
La manifestazione invernale più apprezzata del Ticino festeggia 15 anni con tante novità
CANTONE
5 ore
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
5 ore
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
AIROLO
5 ore
A Pesciüm si scia dal 30 novembre
Le condizioni meteo particolarmente favorevoli hanno permesso di preparare le piste
SAN BERNARDINO
6 ore
La neve è arrivata: parte la pre-season
L'apertura parziale delle infrastrutture invernali è prevista per il 23 e il 24 novembre
CANTONE
6 ore
Fumo o svapo: «Meglio buttarsi dal primo piano, piuttosto che dal quinto»
I medici americani chiedono lo stop alla sigaretta elettronica. Tanti i dubbi sullo svapo. Ma in Svizzera il mercato è in ascesa. Ecco cosa ne pensano gli esperti ticinesi. Guarda il video
CANTONE
04.12.2018 - 08:440

Rimborsopoli: «Un regalo a Gianella di 16'000 franchi»

Matteo Pronzini ha trovato un errore in entrambi i rapporti della Commissione della gestione: il forfait per il cancelliere previsto dalla NAP44/2011 è di 5'000 franchi e non 6'000

BELLINZONA - Di “Rimborsopoli” - così è stata ribattezzata la questione dei rimborsi spese e dei diritti di carica dei Consiglieri di Stato, insieme a “Pensionopoli” - si parlerà nella seduta del 10 dicembre in Gran Consiglio. La Commissione della gestione ha ridotto a due i possibili scenari in merito alla questione dei rimborsi del Consiglio di Stato.

Due rapporti che l’MPS ha definito una «sceneggiata» tra poliziotto buono e cattivo: «Da un lato quindi quelli che chiedono ai consiglieri di Stato un obolo di tre mesi; dall’altro i cattivi, quelli che vorrebbero che i consiglieri di Stato restituissero qualcosa in più».

Ma in entrambi i rapporti - di maggioranza e di minoranza - sarebbe presente secondo Matteo Pronzini - che si è rivolto al presidente della Commissione della Gestione e Finanze - «un errore sostanziale e formale». Il Rapporto commissione riferisce infatti che «il Consiglio di Stato ha adottato un regolamento interno sui diritti di carica dei consiglieri» che prevede, tra le altre cose, «l’estensione dei diritti al Cancelliere, limitando il forfait per spese a 6’000 franchi».

Peccato che la NAP 44/2011 - prosegue Pronzini - preveda un forfait di 5’000 franchi e non i 6’000 percepiti dal precedente Cancellerie dal 1999 al 2015 per importo quantificato in 16’000 franchi. «Una distrazione» della Commissione della Gestione e Finanze - accusata di «superficialità» - che risulta come «un regalo» all’ex cancelliere Giampiero Gianella, a cui il Governo lo scorso mese di marzo ha chiesto di restituire due stipendi "extra" previsti a fine mandato per il Consigliere di Stato uscente per l'affiancamento post-elettorale al successore ed estesi all'ex cancelliere, nonostante il passaggio tra lui e Arnoldo Coduri fosse avvenuto già prima del pensionamento.

Commenti
 
vulpus 11 mesi fa su tio
Il Gran Consiglio dovrebbe pretendere che il dovuto venga tutto reso,non solo quello che suggerisce la maggioranza della commissione. Anche se involontariamente hanno incassato, ora ci sono le evidenze che ci sono stati degli "errori", ma questo non giustifica che tengano l'abuso. E per il buon Gianella, bè è anche facile sbagliare tra un 5 e un 6: cosa scommettiamo?
siska 11 mesi fa su tio
ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah eh eh eh eh eh eh eh eh...non finirò mai di ripetermi:DDDDDDD
castigamatti 11 mesi fa su tio
ma dai ...è stata solo una svista... sembra che i nostri Consiglieri ultimamente si divertano parecchio con secchiello e paletta ...ahahaha
Nmemo 11 mesi fa su tio
Prima di calare un velo pietoso sull’ “affare” si dovrebbero accendere i riflettori. Serve trasparenza. Serve il coraggio di fare in modo che la votazione avvenga per appello nominale. Nessuno deve passare l’esame senza essere rilevato, anche poiché tra qualche mese il cittadino dovrà ponderare chi elegge.
noci 11 mesi fa su tio
Diventa difficile capire cosa è vero ma se è come dice Pronzini allora mi chiedo cosa fanno i Gran Consiglieri e il Consiglio di Stato, a meno che non si voglia insabbiare tutto. Se invece i pasticci sono fatti da parte dei servizi interni allora si prenda le dovute misure ma basta con questo spettacolo, è ora di abbassare il sipario. Quest'anno si sono già visti troppi teatri e gli spettatori sapranno valutare gli attori al momento opportuno.
Nmemo 11 mesi fa su tio
Vedremo se hanno il coraggio di fare in modo che la votazione sull’ ”affare” avvenga per appello nominale.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:36:26 | 91.208.130.86