tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
7 ore
Niente Harley Davidson in Piazza Riforma
Il maltempo ha costretto gli organizzatori a rimandare l'evento previsto per sabato
MENDRISIO
7 ore
Si è chiuso l'anno del Club Aperello
Venerdì scorso si è tenuto a Genestrerio l'evento conclusivo del 2019 per l'associazione
BELLINZONA
8 ore
La targa è sbiadita? «Uso lo smalto da unghie»
Circolare con lo stemma ticinese "sbiancato" è passabile di multa. E c'è chi ricorre a stratagemmi fai-da-te
FOTO
URI / CANTONE
9 ore
Un incontro per preparare "ODESCALCHI"
Vertice ad Andermatt tra il divisionario svizzero Lucas Caduff e il generale di corpo d’armata italiano Claudio Berto in vista dell'esercitazione del giugno 2022
VIDEO
LUGANO
10 ore
Manor accende il Natale
Luci e suoni in una Piazza Dante gremita per quella che è diventata una tradizione natalizia a tutti gli effetti
CANTONE
10 ore
Fino a quindici anni di carcere per gli abusi sui figli
La sentenza è stata comunicata poco fa dalla Corte delle Criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta: «Fatti di una gravità mostruosa»
LUGANO
11 ore
Una star del calcio per i diplomi ai nuovi manager
È stato uno degli allenatori più blasonati del calcio. Fabio Capello ha incontrato i diplomati del CAS in Management dello Sport e degli Eventi SUPSI 
FOTO
LOCARNO
11 ore
Si immette sulla strada ma non si accorge del bus
L'incidente è avvenuto all'intersezione fra via in Selva e via Franzoni, a Locarno. Leggermente ferito il conducente dell'auto
CANTONE
11 ore
Arriva la neve, cambiate le gomme
La polizia ricorda che nonostante non siano obbligatorie, chi crea problemi alla circolazione e incidenti a causa dell’inadeguato equipaggiamento invernale può comunque essere punito
BELLINZONA
13.11.2018 - 09:170

Aumento dei premi cassa malati: «Non se ne può più! Sabato tutti alla manifestazione!»

Una decina tra sindacati e organizzazioni della sinistra si troveranno a Bellinzona per manifestare con l'aumento dei premi

BELLINZONA - Una decina tra sindacati (USS, Unia, VPOD) e organizzazioni della sinistra (Forum Alternativo, MPS, PC, POP, PS, Scintilla, Verdi) organizzano questo sabato a Bellinzona, con partenza da Largo Elvezia alle ore 16.00, una manifestazione di protesta contro il continuo aumento dei premi di cassa malati che, per la maggior parte della popolazione, significa una perdita netta del reddito disponibile.

«Dall’entrata in vigore della LAMal - sottolineano in una nota le associazioni partecipanti - i premi sono aumentati all’incirca del 150%, cioè circa il doppio rispetto all’aumento, nello stesso periodo, dei cosiddetti costi della salute». «Già questa discrepanza - prosegue la nota - segnala una grossa debolezza della LAMal, che sin dall’inizio è stata strutturata basandosi sull’ideologia della concorrenza e del libero mercato, principi che nel settore della salute hanno sempre e solo creato problemi e aumento dei costi, come chiaramente dimostra l’esperienza di tutti i paesi dove questi principi sono stati adottati. Se si considera poi che durante lo stesso periodo di tempo i salari sono sostanzialmente rimasti invariati, è evidente che per la maggior parte della popolazione i premi di cassa malati sono ormai diventati un peso economicamente insopportabile».

Secondo sindacati e organizzazioni di sinistra il problema sta nel fatto che «i premi per l’assicurazione di base sono uguali per tutti: miliardario o impiegato». «Nella maggior parte dei paesi europei - viene spiegato - i costi della salute sono invece coperti con prelievi proporzionali al reddito e alla sostanza: da noi invece i ricchi pagano in proporzione molto meno di chi ha redditi bassi: i premi di cassa malati non incidono in nessun modo sul loro livello di vita. Per le famiglie di redditi medio bassi i premi di cassa malati possono incidere fino ad un terzo del reddito famigliare».

«La situazione - prosegue il comunicato - negli ultimi anni è ancora peggiorata, in quanto i sussidi cantonali per le fasce meno abbienti della popolazione sono costantemente diminuiti».

Per queste ragioni le organizzazioni che invitano la popolazione a manifestare hanno preparato un manifesto, nel quale vengono presentate una serie di rivendicazioni immediate. Tra queste le principali sono: moratoria immediata sull’aumento dei premi di cassa malati, creazione di una cassa malati unica finanziata con premi proporzionali al reddito e alla sostanza, aumento dei sussidi per la copertura dei premi, controllo dei costi dei farmaci.

«La protesta è tanto più necessaria in quanto le ultime iniziative politiche indicano chiaramente che ormai non c’è più limite al peggio - conclude la nota -. Così l’UDC propone un taglio drastico alle prestazioni rimborsate dalle casse malati, i liberali vogliono imporci franchigie stratosferiche e trasferire i malati all’estero (con perdite di posti di lavoro in Ticino), mentre nessuno ha capito come si possa realizzare, senza favorire ancora una volta le casse malati, l’iniziativa popolare lanciata recentemente dal PPD sul piano nazionale. Questi partiti hanno qualcosa in comune: tutti i presidenti dei consigli di amministrazione e i CEO delle casse malati, i cui salari sfiorano ormai il milione all’anno, gravitano nella loro area politica. È quindi illusorio sperare che un miglioramento possa venire dai gremi parlamentari: una ragione di più per protestare ad alta voce!».

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 04:54:10 | 91.208.130.89