ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
08.11.2018 - 06:060
Aggiornamento : 09:40

Indicazioni da Zurigo per la Lega

Suggerimenti dal "tribuno" Christoph Blocher per far cambiare idea ai colonnelli recalcitranti di via Monte Boglia e aggregare l'area Lega-Udc in vista delle elezioni

BELLINZONA - Avrebbe fatto storcere il naso addirittura a Christoph Blocher il mancato accordo elettorale tra Udc e Lega. Tanto che il tribuno zurighese, e sono più che voci, si sarebbe mosso per resuscitare il patto, che era stato praticamente formalizzato in vista delle cantonali di aprile e delle Federali dell’autunno 2019.

L’accordo era quasi fatto, quando si erano trovati Piero Marchesi (presidente UDC) e Sergio Morisoli (UDC) con Antonella Bignasca e Norman Gobbi della Lega. L’intesa prevedeva due opzioni: 3 candidati leghisti e 2 UDC per il Consiglio di Stato, più 1 candidato Lega e 1 UDC per il Consiglio agli Stati; oppure 4 leghisti e 1 UDC per la corsa di aprile e 1 solo candidato UDC agli Stati. Due opzioni che però sarebbero risultate indigeste ai colonnelli di via Monte Boglia.

La novità, che potrebbe rimescolare le carte, è rappresentata dalla discreta discesa in campo di Blocher. Non per richiamare i suoi al tavolo (che del resto all’accordo erano pronti), ma per convincere i leghisti a cambiare idea. Il suo forte ascendente su alcuni leghisti, in primis il consigliere di Stato Norman Gobbi e la coordinatrice ombra Antonella Bignasca potrebbe provocare un sorprendente dietrofront. Sempre che la parte recalcitrante della Lega accetti le pressioni, che la linea originaria definiva "balive", provenienti da oltre Gottardo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 17:29:21 | 91.208.130.86