Pini Swiss (piniswiss.com)
MONTECENERI
24.10.2018 - 10:060

Montessori al villaggio Alptransit: niente da fare

La scuola non si insedierà presso l'infocentro di Sigirino

MONTECENERI - La scuola Montessori non si insedierà presso il villaggio Alptransit di Sigirino. «Era chiaro fin da subito che, una volta concluso il cantiere, i prefabbricati sarebbero stati dismessi e il sedime ripristinato allo stato originale, ovvero adibito a zone agricole, SAC e bosco», scrive in una nota l’Esecutivo di Monteceneri.

«A seguito di un’analisi approfondita di ordine pianificatorio, ambientale, paesaggistico, giuridico e strutturale,- prosegue il Municipio - si è deciso di riconfermare quanto pattuito a suo tempo tra ATG e l’allora Comune di Sigirino, ossia il ripristino completo del sedime a opere terminate». Una decisione mai «messa in discussione da Enti pubblici e tantomeno da privati», «inserita a PR del comparto di Sigirino» e «nel frattempo cresciuta in giudicato».

Altro aspetto che ha determinato la scelta del Municipio è quello relativo all’occupazione degli indici di costruzione disponibili per l’intero Comune di Monteceneri. Infatti «l’area e le imponenti volumetrie che gli attuali edifici occupano sul sedime in questione, andrebbero debitamente ricalcolati, tenendo in considerazione gli indici a disposizione di altri sedimi del comune di Monteceneri dove sono previsti importanti progetti di interesse pubblico».

Commenti
 
Mattiatr 1 anno fa su tio
Per quanto non si possa pensare anche le strutture hanno una data di scadenza e uno scopo. Lo scopo di queste strutture è di dare alloggio a degli operai per esser poi smantellate. Immagino che sia una struttura modulare prefabbricata, ciò comporta l'impossibilità di modificare la posizione per le pareti, cosa spesso utile per una scuola. Posso intuire anche che i materiali non siano dei migliori, scarse isolazioni termiche, pavimenti non molto durevoli, pareti facilmente rovinabili, ... Quelle strutture non sono fatte per essere una scuola ma per essere delle strutture, certo tutto può essere rinnovato ma ciò comporterebbe delle spese non indifferenti e delle possibili rogne per i venditori.¶ Senza contare che probabilmente ci sono già stati i concorsi per lo smantellamento, delle ditte hanno già in previsione il lavoro. Se questo dovesse mancare ci saranno sicuramente dei ricorsi, chi li pagherà?
MIM 1 anno fa su tio
Importanti progetti di interesse pubblico... mi viene da ridere
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 01:36:26 | 91.208.130.89