Tipress
La mozione di Abate non è piaciuta alla Berna federale.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
14 min
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
16 min
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
AIROLO
21 min
A Pesciüm si scia dal 30 novembre
Le condizioni meteo particolarmente favorevoli hanno permesso di preparare le piste
SAN BERNARDINO
1 ora
La neve è arrivata: parte la pre-season
L'apertura parziale delle infrastrutture invernali è prevista per il 23 e il 24 novembre
CANTONE
1 ora
Fumo o svapo: «Meglio buttarsi dal primo piano, piuttosto che dal quinto»
I medici americani chiedono lo stop alla sigaretta elettronica. Tanti i dubbi sullo svapo. Ma in Svizzera il mercato è in ascesa. Ecco cosa ne pensano gli esperti ticinesi. Guarda il video
LUGANO
1 ora
«Chi di conflitto di interessi parla, in conflitto di interesse è!»
Il PLR replica alle accuse leghiste rivolte nei confronti della loro capogruppo in consiglio comunale, Karin Valenzano Rossi
CANTONE
1 ora
I social media riscuotono interesse turistico
Oltre trenta le persone che hanno preso parte a una formazione proposta ai partner di Lugano Region e Mendrisiotto Turismo
LOCARNO
2 ore
Monte Brè, l'incontro in Municipio
L'Esecutivo cittadino ha incontrato i promotori del progetto privato che mira a edificare nuove costruzioni di stampo turistico e alberghiero nel quartiere
BELLINZONA
2 ore
Il premio Robert Wenner ad Andrea Alimonti
Il capogruppo dell'Istituto oncologico di ricerca di Bellinzona riceverà 100'000 franchi per le sue scoperte sulle cellule tumorali
MENDRISIO
3 ore
Un nuovo contratto collettivo per FoxTown
Ne beneficeranno, dal 1° gennaio, oltre 1200 collaboratori attivi nei 160 negozi del Centro
CANTONE
3 ore
«Servizio espresso», basta pagare e ti arriva la patente
Su Facebook compare la pagina "patente di guida". Si ottiene senza esami né prove, ma pagando
CANTONE
3 ore
Violenze contro i figli, confermate le pene
Per i fatti relativi ai genitori di Chiasso, la madre è stata condannata a otto anni mentre il padre a tre. Condannato anche il nonno per non aver sporto denuncia
SVIZZERA / CANTONE
23.08.2018 - 11:460
Aggiornamento : 13:10

Lavoratori esteri distaccati in Ticino: «Nessun obbligo di salario minimo»

Il Consiglio federale ha consigliato di respingere la mozione di Fabio Abate che chiedeva di completare la legge federale tenendo conto dell'iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino»

BERNA - Le aziende estere che distaccano lavoratori in Ticino non saranno obbligate a rispettare i salari minimi proposti dal Consiglio di stato, e non ancora entrati in vigore, in applicazione dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino!", approvata il 14 giugno 2015. È quanto si deduce dalla risposta del Consiglio federale a una mozione del Consigliere agli Stati Fabio Abate (PLR/TI), mozione che l'esecutivo federale raccomanda di respingere.

Col suo atto parlamentare, il "senatore" ticinese - che si non ripresenterà alle elezioni del 2019 dopo vent'anni - chiedeva se non fosse il caso di completare la Legge federale sui lavoratori distaccati (LDist), prevedendo anche il rispetto dei salari minimi adottati a livello cantonale.

Attualmente, infatti, l'articolo 2 della normativa prevede che il datore di lavoro debba garantire «ai lavoratori distaccati almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro...».

Per Abate è chiaro: «Qualora la legge d'applicazione ticinese dovesse entrare in vigore, «sarà fondamentale - tenuto conto della particolare situazione del mercato del lavoro del Cantone Ticino - poter rendere obbligatorio il rispetto di questi salari anche da parte delle ditte estere che distaccano lavoratori in Ticino (prestatori transfrontalieri di servizio)».

Stando al consigliere agli Stati PLR, la questione ha un respinto nazionale, e non riguarda solo il Ticino. Altri Cantoni, infatti, sono in procinto di adottare legislazioni analoghe.

Nella sua risposta il Consiglio federale ricorda l'importanza e l'efficacia delle misure collaterali volte a proteggere i lavoratori, sia a livello di condizioni di lavoro che di salari.

Tuttavia, diversamente dalle misure collaterali, l'introduzione di salari minimi da parte dei Cantoni serve a lottare contro la povertà. In base a una sentenza del Tribunale federale, il salario minimo è conforme al principio di libertà economica sancito dalla Costituzione e al diritto federale soltanto in quanto misura di politica sociale. L'inserimento nella LDist di una disposizione relativa ai minimi salariali, scrive il governo, sarebbe inoltre in contraddizione con il campo d'applicazione delle leggi cantonali.

Oltre a ciò, secondo il messaggio del Consiglio di Stato ticinese concernente la nuova legge sul salario minimo, «alla legge sono sottoposti tutti i rapporti di lavoro che si svolgono abitualmente in Ticino. (...) Sono pertanto esclusi i rapporti di lavoro che si svolgono solo in modo occasionale nel Cantone Ticino».

In linea di principio, dunque, i lavoratori distaccati non rientrano nel campo d'applicazione di questa legge cantonale. Una norma simile figura anche nei testi legislativi del Cantone di Neuchâtel.

Un ampliamento del campo d'applicazione delle leggi cantonali sui salari minimi mediante la modifica della LDist, per includervi anche i lavoratori distaccati, esula dalle competenze della Confederazione.

Commenti
 
Mat78 1 anno fa su tio
Che schifo...non c'è limite al peggio. Disdire bilaterali, altro che accordo quadro, 7 pagliacci!
F/A-18 1 anno fa su tio
Le frontiere sono aperte, l'Europa è grande e la piccola Svizzera verrà mangiata e digerita in poco tempo. Sempre più convinto che l'ora per le valige è sempre più vicina, un bel dolce far niente in riva al mare può senz'altro rientrare quale ottima alternativa.
Equalizer 1 anno fa su tio
Ennesima dimostrazione dell'incapacità di Berna di capire cosa è l'Italia.
vulpus 1 anno fa su tio
@Equalizer Ennesima dimostrazione che Berna non sa e non vuole difendere i cittadini sul proprio territorio.Inutile che vengano a sbavare in Ticino , con tanza comprensione e paternalismi, se poi alla prova dei fatti se ne fregano con scuse allucinanti. Stà ora ai politici ticinesi convincere i colleghi della bontà dell'iniziativa di Abate
volabas 1 anno fa su tio
non c'è limite al peggio, un consiglio federale da brividi
roma 1 anno fa su tio
...nausea
BP69 1 anno fa su tio
Bella politica. Niente salari minimi, e avanti così con la concorrenza sleale. Sempre più ditte ticinesi chiuderanno , e Berna se ne lava le mani. SCHIFO!!!!!!!!
Nicklugano 1 anno fa su tio
@BP69 Infatti
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:27:40 | 91.208.130.86