Tipress
La mozione di Abate non è piaciuta alla Berna federale.
ULTIME NOTIZIE Ticino
ACQUAROSSA
5 min
Veicolo agricolo distrutto dalle fiamme
CANTONE
31 min
Centro collaudi e OSC nella morsa della canicola: «Il Governo agisca»
LUGANO
40 min
33 donne e un uomo. Sono i nuovi assistenti di farmacia
LOCARNO
46 min
Pardo 2019: il futuro del cinema salvato dai ragazzi
CANTONE
58 min
Troppo ozono nell'aria, scattano gli 80 km/h sull'A2
COLDRERIO
1 ora
Nuovo vicedirettore per il Centro di Mezzana
MENDRISIO
1 ora
Un giovedì da 18'000 franchi (in beneficenza)
CANTONE
2 ore
Una pagina web sullo sviluppo degli insediamenti
ASTANO
2 ore
«Serve un progetto solido con l'aiuto del Cantone»
CENTOVALLI
2 ore
Il paesino dei turisti in burn-out
LUGANO
4 ore
Estate di lavori e traffico deviato
CANTONE
4 ore
Ecco la rosa UDC per le federali
CANTONE
5 ore
Il Ticino infastidito dai moscerini
CANTONE
5 ore
«Il problema? Progettano male!». Stan, Ata e Cittadini ribattono a Zali
LOSONE
5 ore
L'incontro tra due compagnie di danza: mondi che s'incrociano
SVIZZERA / CANTONE
23.08.2018 - 11:460
Aggiornamento : 13:10

Lavoratori esteri distaccati in Ticino: «Nessun obbligo di salario minimo»

Il Consiglio federale ha consigliato di respingere la mozione di Fabio Abate che chiedeva di completare la legge federale tenendo conto dell'iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino»

BERNA - Le aziende estere che distaccano lavoratori in Ticino non saranno obbligate a rispettare i salari minimi proposti dal Consiglio di stato, e non ancora entrati in vigore, in applicazione dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino!", approvata il 14 giugno 2015. È quanto si deduce dalla risposta del Consiglio federale a una mozione del Consigliere agli Stati Fabio Abate (PLR/TI), mozione che l'esecutivo federale raccomanda di respingere.

Col suo atto parlamentare, il "senatore" ticinese - che si non ripresenterà alle elezioni del 2019 dopo vent'anni - chiedeva se non fosse il caso di completare la Legge federale sui lavoratori distaccati (LDist), prevedendo anche il rispetto dei salari minimi adottati a livello cantonale.

Attualmente, infatti, l'articolo 2 della normativa prevede che il datore di lavoro debba garantire «ai lavoratori distaccati almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro...».

Per Abate è chiaro: «Qualora la legge d'applicazione ticinese dovesse entrare in vigore, «sarà fondamentale - tenuto conto della particolare situazione del mercato del lavoro del Cantone Ticino - poter rendere obbligatorio il rispetto di questi salari anche da parte delle ditte estere che distaccano lavoratori in Ticino (prestatori transfrontalieri di servizio)».

Stando al consigliere agli Stati PLR, la questione ha un respinto nazionale, e non riguarda solo il Ticino. Altri Cantoni, infatti, sono in procinto di adottare legislazioni analoghe.

Nella sua risposta il Consiglio federale ricorda l'importanza e l'efficacia delle misure collaterali volte a proteggere i lavoratori, sia a livello di condizioni di lavoro che di salari.

Tuttavia, diversamente dalle misure collaterali, l'introduzione di salari minimi da parte dei Cantoni serve a lottare contro la povertà. In base a una sentenza del Tribunale federale, il salario minimo è conforme al principio di libertà economica sancito dalla Costituzione e al diritto federale soltanto in quanto misura di politica sociale. L'inserimento nella LDist di una disposizione relativa ai minimi salariali, scrive il governo, sarebbe inoltre in contraddizione con il campo d'applicazione delle leggi cantonali.

Oltre a ciò, secondo il messaggio del Consiglio di Stato ticinese concernente la nuova legge sul salario minimo, «alla legge sono sottoposti tutti i rapporti di lavoro che si svolgono abitualmente in Ticino. (...) Sono pertanto esclusi i rapporti di lavoro che si svolgono solo in modo occasionale nel Cantone Ticino».

In linea di principio, dunque, i lavoratori distaccati non rientrano nel campo d'applicazione di questa legge cantonale. Una norma simile figura anche nei testi legislativi del Cantone di Neuchâtel.

Un ampliamento del campo d'applicazione delle leggi cantonali sui salari minimi mediante la modifica della LDist, per includervi anche i lavoratori distaccati, esula dalle competenze della Confederazione.

Commenti
 
Mat78 10 mesi fa su tio
Che schifo...non c'è limite al peggio. Disdire bilaterali, altro che accordo quadro, 7 pagliacci!
F/A-18 10 mesi fa su tio
Le frontiere sono aperte, l'Europa è grande e la piccola Svizzera verrà mangiata e digerita in poco tempo. Sempre più convinto che l'ora per le valige è sempre più vicina, un bel dolce far niente in riva al mare può senz'altro rientrare quale ottima alternativa.
Equalizer 10 mesi fa su tio
Ennesima dimostrazione dell'incapacità di Berna di capire cosa è l'Italia.
vulpus 10 mesi fa su tio
@Equalizer Ennesima dimostrazione che Berna non sa e non vuole difendere i cittadini sul proprio territorio.Inutile che vengano a sbavare in Ticino , con tanza comprensione e paternalismi, se poi alla prova dei fatti se ne fregano con scuse allucinanti. Stà ora ai politici ticinesi convincere i colleghi della bontà dell'iniziativa di Abate
volabas 10 mesi fa su tio
non c'è limite al peggio, un consiglio federale da brividi
roma 10 mesi fa su tio
...nausea
BP69 10 mesi fa su tio
Bella politica. Niente salari minimi, e avanti così con la concorrenza sleale. Sempre più ditte ticinesi chiuderanno , e Berna se ne lava le mani. SCHIFO!!!!!!!!
Nicklugano 10 mesi fa su tio
@BP69 Infatti
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 11:18:56 | 91.208.130.85