GAMBAROGNO
28.06.2018 - 14:560

«Ecco come fluidificare la percorrenza sulla rotonda di Quartino»

La soluzione di Cleto Ferrari, nel "dopo semafori", per risolvere i problemi di viabilità a Quartino

QUARTINO - Dopo la recente decisione del Gran Consiglio di non accogliere il credito per i semafori "intelligenti" tra Quartino e Cadenazzo, sull'argomento - mediante una mozione all'indirizzo del Municipio - tornano a chinarsi Cleto Ferrari ed altri firmatari.

«Il nostro Municipio - scrivono - ha già fatto numerose concessioni ad interessi superiori come il trasporto merci su rotaia, il traffico di inerti per la chiusura del silos Ferrari e ultimamente la prospettata semaforizzazione delle rotonde sul nostro territorio. In contraccambio abbiamo ricevuto niente, anzi, molto probabilmente perderemo il collegamento TiLo, hanno tolto la ciclopedonale da Vira a Dirinella nel Paloc3 (nel progetto porto ce l’avevano fatta inserire nella domanda di costruzione..). A nostro modo di vedere è tempo di assumere un approccio del tipo “si sta esagerando”».

La mozione denuncia, in particolare dopo la bocciatura del progetto di semaforizzazioni delle rotonde, «immobilismo e pianto di ripicca». «Con il presente atto - sottolinea Ferrari - cerchiamo di mostrare che di potenziali margini di manovra per migliorare la viabilità di questo collegamento stradale, in attesa della realizzazione della A2A13, ne esistono ancora, basta un poco di buona volontà».

Nel corso dei lavori di ammodernamento della linea ferroviaria del Gambarogno, da giugno 2017 a gennaio 2018 la rotonda di Quartino è stata sostituita da «un’enorme triangolo di ca 250 metri di lato, a doppia corsia e a senso unico che si è rivelato molto efficace nel fluidificare il traffico», si legge della mozione. «Insomma se prima la rotonda di Quartino provocava regolarmente colonne, con questo accorgimento, che di fatto tocca solo la segnaletica orizzontale e quindi non particolarmente costoso, non abbiamo più riscontrato colonne. Durante i lavori anche gli autocarri e i bus riuscivano a passare da entrambi i sottopassi. Questa misura potrebbe essere applicata in tempi relativamente brevi», proseguono i firmatari. «Il vantaggio di questo modello viario è che rispetto a semafori o rotonde non avviene un’interruzione del flusso delle auto bensì il cambiamento di corsia è possibile lungo il percorso».

La mozione chiede al Municipio di assumere una posizione «contraria ed intransigente» in merito ad una eventuale futura posa di semafori e di chiedere in tempi brevi di ripristinare al posto della rotonda di Quartino le stesse modalità viarie applicate durante i lavori citati ossia, triangolo a senso unico e a doppia corsia che congiunge le direzioni di Locarno, Gambarogno e Cadenazzo.

Per l’accesso al ristorante la Pergola di ripristinare l’uscita sulla strada cantonale a nord est del posteggio del ristorante con una zona 20 km sul ristorante.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 12:08:09 | 91.208.130.85