Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Bloccata in un viaggio da sogno
La testimonianza di una ticinese sulla Costa Deliziosa: «Spero di tornare in Ticino il più tardi possibile»
CANTONE
3 ore
E gli altri lavoratori indipendenti?
Per molti non c'è ancora alcun aiuto malgrado la loro perdita di guadagno dovuta al coronavirus
CADEMPINO
4 ore
L'insalata era nell'orto
Il decreto di chiusura riguarda anche i negozi di piantine e sementi. Caminada: «L'orto come occasione per stare a casa»
CANTONE
4 ore
La replica di Regazzi: «l’MPS preferisce creare disoccupati»
Il consigliere nazionale reagisce agli attacchi: «Privilegiati? Il rischio di fallimenti a catena è del tutto reale»
GRIGIONI
7 ore
Vendita "No food": cartellino giallo
La Polizia ha effettuato 140 controlli nei negozi: «La maggior parte rispetta la normativa»
BIASCA
8 ore
Covid-19, chiesto un Gruppo di lavoro per salvare l'economia locale
La richiesta arriva dal Gruppo PPD+GG attraverso una mozione inoltrata oggi al Municipio
MENDRISIO
8 ore
Quattro mesi di carcere per ripetuti furti
Processo a porte chiuse e condanna per un uomo autore di numerosi furti nel mese di novembre
LUGANO
8 ore
«Gli affitti devono essere pagati»
La Camera Ticinese dell'Economia Fondiaria: "Il coronavirus non giustifica una riduzione della pigione"
CANTONE
9 ore
Riorganizzazione per il servizio ambulanze
Predisposte tre basi operative: a Biasca e Magadino nel Sopraceneri e a Bissone nel Sottoceneri
CANTONE
9 ore
«Non è previsto per ora un lockdown come in Italia»
Il consigliere federale in diretta da Palazzo delle Orsoline. Ignazio Cassis a 360 gradi sull'emergenza in corso
CANTONE / CINA
9 ore
Mascherine, guanti e camici arriveranno dalla Cina
La richiesta di aiuto è stata gestita dalla Camera di commercio Cina-Svizzera.
CANTONE
9 ore
L'Mps bacchetta Regazzi
Al Governo l'interpellanza per chiedere lumi sull'atteggiamento, definito «riprovevole», del consigliere nazionale
CANTONE
10 ore
Coronavirus in Ticino: negli ospedali sono guarite 58 persone
Sono 415 le persone attualmente ricoverate nelle strutture dedicate alla cura dei pazienti Covid-19.
MENDRISIO
10 ore
Niente Monte Generoso fino a fine maggio
«Vogliamo essere certi che nessuno corra alcun rischio»
BALERNA
10 ore
Una mano «alle piccole aziende e ai più vulnerabili»
Una mozione per creare un fondo e un Gruppo di lavoro
CANTONE
12 ore
Superati i cento morti in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore altre 125 persone sono risultate positive al Covid-19. Dodici i nuovi decessi
CANTONE
12 ore
La richiesta di prestazioni complementari si fa online
Il modulo è ora disponibile direttamente sul sito dell'Istituto delle assicurazioni sociali
CANTONE
13 ore
OpenDay (virtuali) alla Supsi
La Scuola universitaria professionale propone presentazioni in live streaming dal 4 all'8 aprile
CANTONE
13 ore
Covid-19, i dubbi delle donne incinte
Intervista ad Andrea Papadia, primario in ginecologia e ostetricia presso l’ospedale Civico di Lugano (EOC)
LUGANO
14 ore
Anche la StraLugano cede al virus
La 15esima edizione della popolare corsa è stata rinviata al weekend del 29-30 agosto
CANTONE
15 ore
Coronavirus: Ermotti dona 1 milione di franchi per il Ticino
«La situazione è drammatica - sottolinea -. Ognuno dovrebbe almeno chiedersi se possa aiutare».
LUGANO
15 ore
«Ho dovuto rintanarmi in cantina»
Il diario scritto durante la quarantena: una famiglia bellinzonese contagiata, un 72enne intubato alla Carità
CANTONE
22 ore
Se gli anziani fanno gli “gnorri” al supermercato
C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce
CANTONE
1 gior
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
CANTONE
1 gior
«Al personale domestico chi ci pensa?»
L’MPS denuncia la mancanza di lavoro ridotto per chi si occupa di pulire la casa alle coppie anziane
LUGANO
1 gior
La mensa dei poveri fa l'asporto
Fra' Martino Dotta non si ferma con il coronavirus. «Restiamo vicini ai bisognosi»
CANTONE
1 gior
Hanno fornito il loro aiuto, ora possono ripartire
Missione compiuta per i militi della compagnia di trasporto 1/4, i primi impiegati in Ticino nell'emergenza Covid-19.
CANTONE
1 gior
Mon Repos conferma: «Comunali rinviate»
Il Tribunale federale di Losanna non ha concesso l'effetto sospensivo al ricorso effettuato da tre locarnesi
BELLINZONA
1 gior
Covid-19, Cassis arriva in Ticino
Il consigliere federale incontrerà domani il Consiglio di Stato
LUGANO
1 gior
Votazione sull’aeroporto: «Tutto tace»
I Verdi ne chiedono il rinvio. «Quali sono le priorità»
VIDEO
BIASCA
1 gior
Covid-19: il commovente show di Miriam
Un concerto in diretta Facebook, da parte della voce di Doppia Linea e La Nuova Libertà: «Non molliamo»
CANTONE
1 gior
Hai esperienza in ambito sanitario? Fatti avanti
L’appello è rivolto a medici e operatori del settore che ad oggi non sono ancora attivi sul campo contro il coronavirus
CANTONE
1 gior
Ultime fermate: «Chiasso e Stabio»
I treni della rete TILO termineranno la loro corsa all'ultima stazione su suolo ticinese
CONFINE
1 gior
Controsenso-mascherina: a peso d'oro in Ticino, gratis oltreconfine
Indossarle non è obbligatorio ma solo – in certi casi – consigliato.
CANTONE
1 gior
È morto Attilio Bignasca
Il rappresentante leghista era gravemente malato
CONFINE
1 gior
Musica contro il Covid-19, coraggio con il medico-pianista
Esibizione improvvisata nella struttura lombarda, impegnata nella lotta al virus.
CANTONE
10.06.2018 - 16:020
Aggiornamento : 22:30

Le urne sotterrano il Parco

Solamente due comuni su otto hanno dato il loro appoggio al progetto. La presidente Zaninelli: «Occasione persa, ma la decisione va rispettata. Alla fine la differenza è stata fatta da 109 voti»

LOCARNO - Il Parco Nazionale del Locarnese è stato sotterrato oggi dai cittadini di sei degli otto comuni che avrebbero dovuto farne parte. 

Solamente Ascona e Bosco Gurin - due territori agli antipodi (geograficamente parlando) - hanno infatti aderito al progetto. Il "sì" del 59.4% dei cittadini del Borgo (1'084 voti) e del 54.1% di quelli del villaggio Walser (20 voti) non sono però serviti a nulla.

Sì, perché tutti i comuni della parte centrale del Parco hanno bocciato il progetto. I "no" più convinti sono arrivati da Centovalli (54.47%) e Brissago (54.30%). Anche Losone (52.71%), Onsernone (51.10%) e Terre di Pedemonte (51.27%) hanno rigettato il Parco. Mentre a Ronco sopra Ascona i contrari l'hanno spuntata per un solo voto di scarto (140 a 139).  «Senza questi comuni non ci sono i presupposti per realizzare il progetto», conferma la presidente del Consiglio del Parco Tiziana Zaninelli. «È un peccato perché difficilmente la nostra regione potrà contare su un'altra opportunità simile».

La Presidente del Consiglio del Parco si inchina però al volere popolare. «In democrazia, la decisione dei cittadini va rispettata», ricordando comunque che la differenza è stata fatta da solo 109 voti (4170 "sì" e 4279 "no"). «Questo dato ci invita a continuare come abbiamo fatto finora, ad impegnarci e a lavorare per il bene comune del nostro territorio», conclude Zaninelli.

Insomma dopo l'affossamento del Parc Adula, era il 27 novembre 2016, oggi il Ticino dice per la seconda volta "no" alla creazione di un Parco Nazionale. Il meno che si può dire, parafrasando un celebre film, è che il nostro «non è un Cantone per Parchi».

Le reazioni:

I Verdi del Locarnese: «Siamo delusi» - Delusione è la parola d'ordine per i Verdi del Locarnese. «Nonostante i toni del dibattito, soprattutto da parte dei contrari, potessero far presagire a questo risultato, eravamo speranzosi». Invano. La bocciatura fa male alla sezione ecologista della regione soprattutto perché la maggioranza della popolazione non voluto dare una possibilità al Parco. «Benché vi fosse la possibilità di valutare l’abbandono del progetto dopo 10 anni». I Verdi incitano adesso i contrari ad «assumersi le proprie responsabilità» nello sviluppare altre idee o proposte per rilanciare le queste zone e concretizzare la proposta di parco regionale.

La rete dei parchi svizzeri: «Palla al Governo» - Con la legislazione attuale la creazione di un parco nazionale «non è realista» e il Consiglio federale deve prendere le dovute misure: ne è convinta Rete dei parchi svizzeri, l'associazione federativa dei parchi e dei relativi progetti in Svizzera. In seguito al rifiuto sul Parco del Locarnese e a quello del Parc Adula (GR/TI) del 2016, la Rete dei parchi svizzeri invita il governo federale «a sviluppare un nuovo approccio che metta in primo piano il potenziale delle aree protette in Svizzera».

Giovani PPD: «Persa una grande opportunità» - I giovani PPD si «rammaricano» per il risultato scaturito dalla urne degli otto comuni del Locarnese. «Riteniamo che si sia persa una grande opportunità per dare una maggior visibilità ad una regione periferica del nostro cantone». Secondo il Comitato di Generazione Giovani PPD questi i fondi federali non sarebbero solo serviti per «finanziare progetti di rivalorizzazione delle nostre valli o creare posti di lavoro ed introiti diretti ed indiretti dalla presenza del Parco», ma anche «per tutelare la natura che è uno dei patrimoni del Ticino». Un patrimonio che secondo i giovani PPD va «protetto anche per le generazioni future».

PS: «Esito deludente» - Anche per il Partito socialista, il no al Parco nazionale del Locarnese rappresenta «un’occasione persa: un esito deludente». Secondo i socialisti, «si è lasciata scappare un’opportunità che avrebbe permesso di proteggere un prezioso patrimonio naturalistico, la sua biodiversità e che, oltre a ottenere degli importanti contributi di oltre 50 milioni in dieci anni, avrebbe significato un importante stimolo all’economia regionale delle zone periferiche e di montagna».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Hai toccato uno dei tanti tasti giusti ! Chi è rispettoso della natura lo sarà sempre senza bisogno che gli venga imposto. Chi non lo è nella vita in generale gode di brutto a fare tutto ciò che è proibito o regolamentato. Mi sa, visto come gira il mondo adesso, che per certa gentaglia sarebbe stata ottima occasione per invitarli alla trasgressione.
Greta_953 1 anno fa su tio
@Tato50 Scusa Tato, non capisco, era in risposta a me o a qualcun altro?
Tato50 1 anno fa su tio
@Greta_953 Era una risposta al tuo scritto dove dici "Sono giunta alla banale conclusione che i maleducati e i menefreghisti ci sono con e senza parco e non sono le limitazioni a rendere un territorio migliore". Ho solo confermato la tua tesi quindi sono in sintonia con te ;-)
Greta_953 1 anno fa su tio
@Tato50 Okay ahahah non essendoci stato il nome non avevo capite fosse rivolto a me :-) Buona giornata
Tato50 1 anno fa su tio
@Greta_953 Effettivamente accanto al mio Nik non c'è il tuo ;-)) È dura di lunedì ;-)) Ciao, scusami e buona giornata anche a te ;-))
Greta_953 1 anno fa su tio
Io sono felice così! Abito nelle Centovalli e trovo che sia già tutto bello così com'è. Rispetto le motivazioni del Sì e ho votato con consapevolezza, informandomi sui pro e i contro di questo progetto e tenendo tutti i punti in considerazione. Sono giunta alla banale conclusione che i maleducati e i menefreghisti ci sono con e senza parco e non sono le limitazioni a rendere un territorio migliore. Penso che chi, come me, ama la natura la rispetti anche senza avere delle "dritte" e chi invece, al contrario, è un maleducato se ne frega punto e basta. Ma il discorso è lungo e questo è solo un piccolo tassello. Vi prego, se rispondete, di fare commenti costruttivi e di non attaccare, io rispetto le altre opinioni, questa è la mia, facciate lo stesso.
ziopecora 1 anno fa su tio
scommettiamo che i contrari al parco ce li ritroveremo fra poco a pretendere chissà quali investimenti a fondo perso? Hanno il sacrosanto diritto di non volere parchi e ingerenze nei loro territori. Noi dovremmo avere il diritto di lasciarli nel loro brodo e non essere obbligati a mantenerli con mille e una sovvenzioni
Mattiatr 1 anno fa su tio
@ziopecora In Ticino vi è un pensiero collettivo che descrive bene la differenza di stipendi e servizi rispetto alla Svizzera interna. Loro guadagnano 3000 franchi in più col mio stesso stipendio, loro pagano meno i bus e ne hanno di più, da loro tutto va bene e da noi tutto fa pena. Un sentimento di forte disuguaglianza rispetto alla Svizzera tedesca.¶ Il ticinese medio è convinto di essere quello trattato peggio della Svizzera e quindi si lamenta, malgrado ciò riserva lo stesso trattamento che subisce.¶ Nelle valli (una delle quali ha l'onore di avermi come abitante) i servizi sono una vera merd* in confronto al resto del Ticino. Tutti a lamentarsi per qualche minuto di ritardo dei Tilo, la densità dei treni è troppo ridotta, ... Niente va bene insomma. Nelle valli, sopra tutto quelle più discoste vi è una scarsità di servizi che nel piano non si immaginano nemmeno, probabilmente non è nemmeno per tutti. L'intervallo minimo fra una posta e l'altra (considerando la direzione) è di almeno due ore e l'ultima corsa verso monte è alle 19.00. La fortuna maggiore del mio caso in particolare è che due corse (sempre per direzione) al giorno saltano il mio paese perché comporta un KM (UN KM) di tragitto in più per il postale. Gli orari sono così "drastici" che non potrei recarmi a lavoro in orario senza la moto o l'auto.¶ Altro fattore molto discusso nel mio comune è la connessione internet, voi in piano o nel fondovalle avete almeno la banda larga o addirittura la fibra ottica, noi ci dobbiamo accontentare della connessione del natel. Il discorso sembra più un capriccio che altro ma una connessione adatta agli usi del 2018 consentirebbe alla popolazione locale di lavorare da casa con meno problemi e magari (molto difficile) l'apertura di piccoli(ssimi) uffici.¶ Io la reale situazione della valle Onsernone in questi ambiti non la conosco ma posso presumere che i problemi delle valli siano sempre gli stessi.¶ Volendo scherzare si può dire che l'unico motivo per cui uno resta nella valle e per la quale spero di riuscire a non spostarmi è la libertà. La possibilità di fare qualche chilometro senza traffico, l'aria fresca e pulita, vedere i bambini (quei pochi che ancora ci sono) giocare in strada senza paura di esser tirati sotto, ... Non dimenticherò mai quello che una mia compaesana (madre di una mia coetanea) disse una volta, "non so come avrei fatto a vivere in città con i figli, tutti è un pericolo, come fanno a crescere?". Sono sicuro che questo parere lo direbbero anche i cittadini Lorarno doc. se vivessero in valle, ma oramai sono spaventati proprio dalla distanza e dalla mancanza di servizi. Anche se oramai la distanza non è più un problema visto che da Locarno a Bellinzona impieghi lo stesso tempo che da Bignasco a Locarno.¶ Il no al parco da parte delle vali non è un rifiuto all'innovazione ma un messaggio chiaro: Non è un parco che cambierà le cose, quelli sono soldi buttati per proteggere una natura perfetta. Se volete investire per rilanciare l'economia della valle create strutture che attirino le persone, non limitategli la libertà nel loro territorio. Se posso fare un esempio prenderei Cevio che ha investito in un percorso per le bici (quelli dove fanno quei salti giganti senza nemmeno pedalare) garantita a livello federale, fra qualche mese squadre saranno possibili allenamenti anche professionali sul tracciato. Quelli sono progetti utili non un parco. Inoltre secondo questo ragionamento dovremmo tagliere i fondi a tutto il piano di Magadino, a Bellinzona e a Locarno perché anni fa rifiutarono il collegamento A13-A2?
DfG 1 anno fa su tio
E' già un parco. Perché introdurre limitazioni e buttare milioni per una cosa che i residenti hanno già saputo egregiamente mantenere?
F.Netri 1 anno fa su tio
Io sarei molto favorevole alla creazione dei parchi nazionali, solo se tutti i verdi si trasferissero entro i loro confini. E lì restassero in eterno.
Lokal1 1 anno fa su tio
@F.Netri Tipo riserve degli indiani
Tato50 1 anno fa su tio
@F.Netri E magari metterci gli orsi ? ;-))
F.Netri 1 anno fa su tio
@Tato50 E pure i lupi! :-))
F.Netri 1 anno fa su tio
@Lokal1 Esattamente! :-))
Evry 1 anno fa su tio
Il popolo Svizzero e sopratutto i ticinesi sanno salvaguardare e curare da soli il loro territorio senza inutili proibizioni, leggi e mangerie e senza le sparlate dei finti protezionisti che concretamente, oltre tante parole e teorie non fanno niente sul e per il territori
fenius 1 anno fa su tio
Così potrete andare a caccia indisturbati, a cercare funghi ed a chiudervi a riccio contro qualsiasi opportunità. Alla fine non ci si sorprenda quando l'economia ed il turismo nelle valli non decolla. Rimane solo la grande virtù di vendere i rustici ai Confederati....
Lokal1 1 anno fa su tio
@fenius Bla bla bla bla..... il turismo qua il turismo la.... allora se il parco prometteva che con 1fr speso l'incasso era di 6fr.... qualcuno saprebbe dirmi oggigiorno come stanno le cose? Per ogni franco speso dal ente turistico e affini, per sentieri hotel ecc ecc, a quanto ammonterebbe l'incasso.... secondo me stiamo parlando di 1fr speso 5 di guadagno. Quindi fatta la differenza il parco con tutte le sue restrizioni ecc ecc portava solo 1fr di incremento ( puramente una mia ipotesi). Ma fosse veramente nato questo parco... io come turista... veramente sarei andato a soggiornare in un posto remoto dell'Onsernone? Oppure avrei scelto il Locarnese con svago ristoranti Spa ecc ecc... e sicuro un qualche bussino privato degli Hotel che su richiesta ti portavano in valle per la tua escursione, e ritornati alla sera per riportarti all Hotel....
Mattiatr 1 anno fa su tio
@fenius Non so dove vivi tu, ma da abitante di una valle (e ti assicuro che la zona in cui vivo è più staccata da una città rispetto alla valle Onsernone.) Posso garantirti che non sarebbe stato un parco a rilanciare la zona. Sarebbe stata solo una serie di limitazioni imposte senza senso con la promessa di un credito federale. Non sarà un parco a far aumentare il numero di abitanti delle valli. Io non conosco la situazione precisa in fatto di servizi in valle Onseronone ma so che nella mia valle per poter aumentare la popolazione si dovrebbero aumentare i servizi. Infatti da noi non c'è il cavo per la connessione e mancano posti dove vivere. Più volte con il comune abbiamo tentato di convincere la swisscom a investire sul nostro territorio ma (ovviamente) non essendo territorio di guadagni siamo stati ignorati. Quindi lavorare da casa ci è molto complicato. Per i luoghi di affitto il discorso si complica, dal 2016 ci sono un'elevata mole di limitazioni per le ristrutturazioni, il popolo si è espresso in favore del ''mantenimento'' dei beni culturali. Più volte nel mio villaggio hanno fatto domanda di costruzione per riattare delle vecchie case oramai inabitabili ma il comune è stato costretto a rifiutare per poter conservare il valore storico.¶ Quindi in valle non potendo svolgere lavori d'ufficio e non potendo creare abitazioni come vivo? Non è un parco a risollevare l'economia locale, sono solo false illusioni.
Lokal1 1 anno fa su tio
@Mattiatr Assolutamente d'accordo
Tato50 1 anno fa su tio
@Mattiatr Più chiaro di così ;-)) Mettici poi anche la lex Weber e sem a posct;-)
crapadagat 1 anno fa su tio
@Lokal1 Il problema è che non ci sono controprove e soprattutto mancano progetti alternativi... e se oggi spendiamo 1 e incassiamo 5 e restiamo fermi, tra 5 anni spenderemo 1 e incasseremo 2 e così via.
Lokal1 1 anno fa su tio
@crapadagat Punto uno non ci sono controprove che il parco tutto era rosa e fiori... la mancata trasparenza dei promotori ne è la conferma. Un vero e proprio punto della situazione odierna non è stata fatta, ma basta guardarsi in giro... il territorio è gia bello come è ora... e progetti alternativi validi...non mi sembra obbligatorio per forza averne o voler a tutti i costi cambiare la nostra regione?!!! Sopratutto con l'ennesimo progetto che portava soldi in tasca dei soliti ignoti...e lasciava raccogliere le briciole ai poveretti per dargli il contentino
ceto1960 1 anno fa su tio
La presidente pro sacocia legge solo i dati come fa comodo a lei dicendo che la differenza è di solo 109 voti dimenticando di dire che 6 comuni su 8 l'hanno bocciato. Siccome Ascona che sono in tanti e si sono espressi favorevolmente lei pensa che contano di più. E' solo un comune e niente più e direi che se loro sono cosi favorevoli di proseguire li con un bel progetto di recinzione di tutto il territorio di Ascona e metterci dentro lupi, linci, orsi, volpi e chi più ne ha più ne metta
vulpus 1 anno fa su tio
Per pochi voti è stato respinto uno dei pochi progetti dove la popolazione poteva rifare la verifica dopo 10 anni ed aver investito 10 milioni. Ma anche se avesse vinto il sì per pochi voti, i contrari avrebbero continuato a bloccare il tutto. L'alternativa, un parco regionale? Chi era contrario al progetto sarà ugualmente contrario anche a un progetto ridotto. Si continuerà a cecare di attirare il turismo con i grotti, il fiume, i boschi, come ora.
Lokal1 1 anno fa su tio
@vulpus Squadra che vince non si cambia
Led Swan 1 anno fa su fb
Dopo il Parco dell'Adula, ora quello del locarnese. Perché non provate a promuovere un parco tra i vostri giardini confinanti?
Davide Toscanelli 1 anno fa su fb
Due sconfitte su due , prima per il parc Adula , adesso per il parco nazionale del locarnese , spero che ora tra verdi e tanti altri a favore , promotori del parco , o parchi, la smettano di rompere i co......., se il Ticino si deve abbassare a queste soluzioni , per renderlo attrattivo , siamo messi veramente male, 5,2 milioni di franchi All anno , per 10 anni , cioè 52 milioni , ma vi rendete conto , poi quando dobbiamo andare a Bellinzona , lugano , Locarno , non abbiamo neanche abbastanza parcheggi , con 52 milioni se ne fanno di posteggi , ma cerchiamo di usare i soldi in modo sensato , senza inventare L acqua calda , che forse il futuro ci riserverà qualcosa .
Nadine Ferrari 1 anno fa su fb
Riassumendo: Meno parchi - più parcheggi!!! ? Non male come slogan...
Maria Lotti 1 anno fa su fb
peccato!
fenius 1 anno fa su tio
L'importante è poter andare a caccia, raccogliere funghi e portare sempre i paraocchi! Attenti al lupo!????
Tato50 1 anno fa su tio
@fenius Perché, è l'unico posto dove si va a caccia e raccogliere funghi ? Io abito in un luogo circondato da montagne, non vado a caccia ma a funghi si. Non mi passa nemmeno per la testa di fare 40 chilometri quando in cinque minuti a piedi ho la montagna davanti al naso !!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Tato50 Poi se ci pensi i promotori sono stati di una stupidità e di un'arroganza non indifferente. Hanno avuto a disposizione 20 mio, anche usandone uno solo in promozione e pubblicità non sono riusciti a rendere interessante il parco. I contrari avevano solo i cartelloni e il web. Arroganza perché già da una settimana dal voto mostravano mancanza di rispetto per chi ci vive nel parco. Sembrava lo volessero imporre e tutt'ora dopo il voto non è cambiato nulla. Non riescono ad accettare la sconfitta e non provano nemmeno ad ammettere che l'errore di non fare un progetto a prova di cittadino è loro. La cosa che mi ha dato più fastidio (dopo un articolo dove si aggrediva i 4 gatti che vivono in valle, ma quello non era direttamente da parte dei SI) è il video in cui mostravano i monti con le rispettive domande: e tu andresti a raccogliere funghi - camminare - fare parapendio il questo posto? Come se chi ci va fosse un idiot4. Sono cose che possono dare solo fastidio. Un'aggressione (percepita) contro i cittadini, il tutto perché non sono stati in grado di essere chiari, e di accettare compromessi per accontentare tutti.
Anto Ferrari 1 anno fa su fb
Viva la libertà ?????
Sandrini Sirio 1 anno fa su fb
Se e' come la vitazione del 9 febbraio non c' e' da meravigliarsi se trovano il sistema di sconfessare la votazione. Altro che democrazia, Vedremo? ci sono troppi intrallazzi in gioco.
Ornella Guerra 1 anno fa su fb
Quattro gatti hanno vinto contro 1 ,3 milioni di pubblicità pro parco, senza appoggio di giornali! Professionisti in prima linea, vecchi politici , dipartimento del territorio tutti pro... noi 4 gatti radicati nel nostro territorio con unghie e graffi abbiamo vinto
Kevin Cescotta 1 anno fa su fb
Brava. Basti guardare La Regione... solo articoli Pro Parco ???
Roberto Barboni 1 anno fa su fb
Vittoria di Pirro!!!! Ha perso il Ticino intero!
Ornella Guerra 1 anno fa su fb
Ti sbagli di 4 gatti contro i TITANI???
Anairim Rodrigues Bezzola 1 anno fa su fb
Ora i loro cartelli con scritto "si" possono metterseli dove non batte il sole??
ugobos 1 anno fa su tio
no al parco si alla limitazione dei suv, risacaldamenti accesi anche in estate per l acqua sanitaria con tutto il sole che ce. l unica cosa che v interessava sono i soldi della confederazione e cantone. sarebbe bello vedervi a far progetti sensati e non parchi in una zona che con tutte le regole che ci sono ti fa passar la voglia di far qualcosa. leggetevi il puch peic. una boiata unica
Kevin Cescotta 1 anno fa su fb
ParcAdula ❌ Parco Nazionale del Locarnese ❌ Ci riproveranno? ????
Iris Turri 1 anno fa su fb
Forse hanno imparato la lezione?
Kevin Cescotta 1 anno fa su fb
Non ci metterei la mano sul fuoco ??
Iris Turri 1 anno fa su fb
Kevin Cescotta ???
Daniele Righetti 1 anno fa su fb
Detto da uno che non c'entra niente con la valle di Blenio!!
fenius 1 anno fa su tio
Tanti ottusi, purtroppo
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-30 22:49:02 | 91.208.130.87