TIpress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
55 min
Gender freedom": il gruppo transgender della Svizzera italiana si fa conoscere
Nato sotto l'egida di Imbarco Immediato, presenterà le sue attività domenica al LUX di Massagno: «Ci ha contattati anche un genitore per il figlio in età prescolare»
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Schianto nella notte a Sementina
Poco dopo le 4.00 un'auto ha divelto i paletti della segnaletica spartitraffico sulla Cantonale. Le condizioni del conducente non sono note
POSCHIAVO (GR)
8 ore
Incidenti sul lavoro: un imprenditore poschiavino condannato in Italia
Le vittime del sinistro, un uomo decapitato dal cavo di una teleferica e un ferito grave, si trovavano a Grosio (Sondrio)
LUGANO
10 ore
Risultato record: 103'000 utenti al giorno per Tio
Per la prima volta i lettori online superano quelli dei media cartacei. Enrico Morresi: «I contenuti sono più importanti del supporto»
FOTO E VIDEO
LOCARNO
12 ore
Si pattina a suon di Sgaffy. È partito Locarno On Ice
La manifestazione invernale più apprezzata del Ticino festeggia 15 anni con tante novità
CANTONE
13 ore
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
13 ore
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
CANTONE
06.06.2018 - 12:570

Gli impiegati di commercio sostengono "la Scuola che verrà"

SIC Ticino è favorevole al credito quadro di 6.7 milioni necessario per la sperimentazione del progetto

BELLINZONA - «Invitiamo tutti a sostenere il progetto di prova della "Scuola che verrà", votando un sì convinto il prossimo 23 settembre». Gli impiegati di commercio si schierano a favore del credito quadro di 6,7 milioni necessari per la sperimentazione del progetto. «L'assemblea di SIC Ticino aveva già adottato una risoluzione a sostegno durante l’assemblea annuale 2015».

La "Scuola che verrà" - scrive la società degli impiegati di commercio ticinesi in una nota stampa - è «la chiave per rinnovare la scuola e fornirle le risorse per i nuovi compiti che è chiamata ad assolvere in una società in continua e rapida evoluzione. Grazie a questo progetto la scuola dell’obbligo consentirà ai docenti di poter essere più vicini a ogni allievo, dando maggior valore alle capacità di ognuno».

Questo perché, secondo la SIC Ticino, tutti gli istituti «applicheranno lo stesso modello organizzativo di base, ma nelle scuole medie verranno implementate due varianti relative alla composizione dei gruppi per i laboratori (ore con solo metà classe) al terzo e quarto anno per quattro materie». Questo progetto di prova per 3 anni in 7 sedi ticinesi, finanziato da un credito di 6,7 milioni di franchi, verrà valutato da esperti di università svizzere sulla base dei risultati degli allievi e sulla base delle esperienze dirette dei docenti. I risultati concreti degli allievi saranno decisivi per la definizione finale del progetto e per la sua applicazione in tutte le sedi della scuola dell’obbligo.

Gli istituti per la formazione professionale e i datori di lavori beneficeranno di una scuola in grado di dare più valore alle competenze degli allievi, superando il sistema dei livelli A e B. «Questo progetto permetterà di valorizzare meglio le capacità personali di ogni allievo. La separazione in classi in due livelli penalizza infatti gli allievi che pur avendo competenze da sviluppare restano bloccati da un programma non adatto alle loro capacità». Un programma che secondo SIC Ticino non può che portare vantaggi: «Qualora infatti i risultati fossero soddisfacenti, la scuola potrà meglio rispondere alle sfide poste dalla società in cui viviamo. In caso i risultati dovessero essere valutati negativamente, potremo comunque fare esperienze utili e preziose in ottica di un necessario rinnovamento della nostra scuola».

 

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 07:17:33 | 91.208.130.87