Ti Press
LOCARNO
04.06.2018 - 13:300

«Locarno città della cultura e della spazzatura»

I Verdi del Locarnese prendono posizione dopo il mancato obbligo di utilizzo di stoviglie e bicchieri multiuso o compostabili durante le manifestazioni cittadine

LOCARNO - I Verdi del Locarnese esprimono la loro profonda delusione per la bocciatura da parte del Consiglio Comunale di Locarno dell'emendamento al regolamento sulla tassa causale dei rifiuti, che chiedeva l’obbligo da parte degli organizzatori di manifestazioni su suolo pubblico di utilizzare stoviglie e bicchieri multiuso o compostabili.

«Mentre a livello mondiale appare in tutta evidenza la problematica della plastica, mentre la Comunità Europea si sta muovendo verso il bando delle stoviglie e bicchieri usa e getta e in molti comuni della svizzera tedesca e francese (ad esempio Basilea Città, Berna Thun, Burgdorf, Ginevra, ecc.) è già in vigore il divieto di uso di stoviglie e bicchieri usa e getta non compostabili o lavabili - si legge nel comunicato -, Locarno mostra in tal senso ancora poca voglia di cambiamento e poca coerenza con il marchio Città dell'Energia».

Come esempio del buon funzionamento dei sistemi di stoviglie e bicchieri multiuso, i Verdi citano l’ultimo slow-up, dove sono stati distribuiti 4400 piatti, 3200 bicchieri, che invece di venire gettati al primo uso, sono stati lavati e saranno riutilizzati almeno altre 200 volte. Al contrario di quanto avvenuto a Locarno per la stessa manifestazione.

Recentemente, inoltre, è stata fondata in Ticino una start-up, che offre il noleggio di stoviglie multiuso e che il Comune avrebbe potuto sostenere adottando l'emendamento. I Verdi del Locarnese ritengono che i soli auspici previsti nel regolamento e l'eventuale volontà da parte degli organizzatori di manifestazioni non bastino né garantiscano l'adozione di pratiche più sostenibili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 2 anni fa su tio
Costano di più e vengono in ogni caso buttate nel sacco dei rifiuti che come tutti gli altri sacchi verrà bruciato. Bisogna inoltre prendere le manifestazioni almeno per categoria, slow up è tranquilla come manifestazione, puoi bere in tutta calma. Voglio vedere quante persone sotto il palco davanti al Palacinema durante la Notte Bianca sarebbero tornati al bar per restituire il bicchiere, che getterebbe a terra, che verrebbe raccolto dagli operatori ecologici, che finirebbe in un sacco del rut.
sedelin 2 anni fa su tio
@Mattiatr costano di più ma durano 200 (DUECENTO) volte, quindi a conti fatti costano moolto moolto meno. sotto il palco o sopra o in qualsiasi luogo, la gente restituisce il bicchiere se gli fai pagare il deposito di 5 fr, come a zurigo per esempio.
sedelin 2 anni fa su tio
l' UE sta vietando le stoviglie di plastica, il ticino deciderà fra 10 anni.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 09:16:29 | 91.208.130.85