TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / ITALIA
3 ore
Le mani della ‘ndrangheta in Liguria, spunta anche Lugano
Uno dei quattro arrestati si appoggiava a un avvocato per spostare soldi verso gli Emirati Arabi Uniti
CANTONE
4 ore
Altre giornate con temperature che superano i 30 gradi
Lunedì il giorno più caldo, anche in montagna. Il sole sarà protagonista.
CANTONE
13 ore
Nuove norme nei locali: GastroTicino fa chiarezza
Dalla capienza massima alla raccolta dati, chi non le rispetta rischia sanzioni amministrative e penali.
FOTOGALLERY
ASCONA
13 ore
Si suona per New Orleans (e per Ascona)
Si è concluso l'evento organizzato da chi, ogni anno, allestisce JazzAscona sulle rive del Verbano
FOTO
CHIASSO
15 ore
Il mercato serale d'estate, per riscoprire il centro di Chiasso
Primo appuntamento con la manifestazione, che si protrarrà per tutti i sabati di luglio
LUGANO
17 ore
Passaggio di testimone per il Lions Club Lugano
L’uscente Dario Curti ha dato il cambio al neo-presidente Pietro Croce davanti al Municipio
FOTOGALLERY
LUGANO
21 ore
"Nuvole colorate" nei cieli ticinesi
Tante le fotografie giunte in redazione. Si tratta di un parelio, come spiegato da MeteoSvizzera
CANTONE
1 gior
Al portale nord del San Gottardo "solo" tre chilometri di coda
Attese di molto inferiori rispetto allo stesso periodo degli anni passati
ROVEREDO (GR)
1 gior
A Rorè si pensa al prossimo carnevale
Una decisione definitiva sul carnevale previsto dal 2 al 7 febbraio seguirà a fine ottobre/inizio novembre
CANTONE
1 gior
Niente weekend in discoteca, ecco le prime chiusure
Vanilla Riazzino e Pix Club Ascona tornano a serrare le porte, per «rispettare le norme e la salute dei clienti».
CANTONE
16.04.2018 - 09:430
Aggiornamento : 10:02

Il Ps vuole alzare le borse di studio a 20’000 franchi

Con un’iniziativa parlamentare viene inoltre chiesto di abrogare l’articolo della Legge che prevede la conversione in prestito di parte dell’importo concesso per il master

BELLINZONA - Anche il partito socialista si è chinato sull’argomento delle borse di studio e l’ha fatto con un’iniziativa parlamentare.

Il Consiglio di Stato ha approvato il decreto esecutivo per l’anno scolastico 2018/2019 che prevede la riduzione da 1/3 a un 1/10 della parte di borsa di studio automaticamente convertita in prestito i richiedenti che frequentano il master, l’allargamento dei parametri per l’ottenimento di un prestito di studio e la concessione di prestiti eventualmente convertibili successivamente in borse studio qualora la situazione economica di uno studente di grado terziario sia cambiata negli anni successivi alla tassazione determinante.

La deputata in Gran Consiglio Daniela Pugno Ghirlanda - e i cofirmatari Heinrich Bang, Lisa Bosia, Gianrico Corti, Jacques Ducry, Ivo Durish, Milena Garobbio, Raoul Ghisletta, Pelin Kandemir Bordoli, Gina La Mantia, Carlo Lepori, Tatiana Lurati Grassi e Bruno Storni - chiedono che l’importo massimo degli aiuti allo studio (attualmente pari a 16’000 franchi) venga aumentato fino a 20’000 franchi annui.

L’iniziativa propone inoltre - come già sostenuto dal Partito comunista - di abrogare l’articolo 14 capoverso 2 della Legge sugli aiuti allo studio del 23 febbraio 2015, secondo cui «le borse di studio per i richiedenti che seguono un master possono essere convertite fino a un massimo di un terzo in prestiti per decisione del Consiglio di Stato» (per l’anno 2018/2019 è stato decisa la conversione di un 1/10).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 2 anni fa su tio
Le università dovrebbero offrire dei corsi che permettano di lavorare e di studiare contemporaneamente, in modo tale da potersi mantenere con i propri mezzi affinché, al termine degli studi, i ragazzi possano entrare nel mondo del lavoro senza il debito verso lo stato.
Danny50 2 anni fa su tio
@pillola rossa D’accordissimo di aiutare i nostri studenti e la formazione generale in CH. I soldi però non crescono sugli alberi, perciò decurtiamo aiuti a nonsisachi all’estero, regali di 1,3 miliardi a paesi che hanno un PIL più alto del nostro e una disoccupazione ILO più bassa, miliardi a falsi rifugiati come gli eritrei, centinaia di milioni (Schengen) per rinunciare alla sicurezza delle nostre frontiere. Poi si puó anche versare 40’000.-/franchi per universitario che va da una cultura linguistica ad un’altra. Sarebbe un ottimo investimento.
samarcanda 2 anni fa su tio
@pillola rossa O si lavora o si studia. Studiare è un impegno molto pesante. Non c'è routine e il tempo e le energie da dedicare sono moltissime. Non capisco questo falso mito di studio e lavoro.
miba 2 anni fa su tio
Va bene, ma suppongo che ci sia un "budget" per le tasse che entrano allo Stato....
GI 2 anni fa su tio
Trovo corretto un "aggiornamento" dell'importo....ma poi bisogna aver averli......in cassa...
samarcanda 2 anni fa su tio
Ma dai!?!?!? E il dipartimento di cui si occupano, che cos'ha combinato finora?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-05 12:55:49 | 91.208.130.87