TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
Tramonta il posto fisso, decolla l'interinale
I dati sono incoraggianti e il mondo del lavoro interinale è in continua espansione, tanto che fino al 20% delle persone che (ri)trovano un posto fisso vengono proposte dalle agenzie specializzate
CUGNASCO-GERRA
7 ore
È nata la nuova Associazione Anziani Cugnasco-Gerra
Eletta la presidenza e il comitato. Lo scopo? Prevenire e combattere l’emarginazione delle persone anziane
CONFINE
7 ore
Lieve terremoto avvertito in Valposchiavo
La terra ha vibrato, ma non si attendono danni
CANTONE
8 ore
Caccia sì, ma non stressiamo gli animali al gelo
Si apre la caccia tardo autunnale. Cervi, caprioli e cinghiali sono le prede. Ma con dei limiti: «Le condizioni sono estreme, bisogna evitare che gli animali disperdano le loro energie»
CANTONE
9 ore
La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»
Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»
CANTONE
11 ore
Uccise la moglie: condannato a diciotto anni di carcere
È colpevole di assassinio il 57enne macedone comparso alle Criminali per il delitto di Ascona
ROVEREDO (GR)
11 ore
Equilibri in Municipio di nuovo in discussione
Il Tribunale federale ha accolto in parte il ricorso della sezione Liberale democratica sul conteggio delle schede dell'elezione dell'ottobre 2018
CANTONE
11 ore
Un anno impegnativo per il sindacato dei docenti
Dalla pausa per i docenti di scuola dell’infanzia, all’ottimizzazione dei consigli di classe, fino alla riforma del liceo
CANTONE / URI
11 ore
Scontro nel San Gottardo, circa 40mila franchi di danni
L'impatto contro un pullman è costato un bello spavento all'automobilista, che ha effettuato un testacoda prima di andare a sbattere contro la parete della galleria
LUGANO
12 ore
«Ma quale conflitto d'interessi?», Valenzano Rossi risponde alla Lega
La capogruppo PLR sottolinea come la collaborazione, legale, fosse nota da tempo. E rilancia: «Attaccata per indurre al silenzio le voci critiche e per mancanza di argomenti validi»
CANTONE
16.04.2018 - 09:430
Aggiornamento : 10:02

Il Ps vuole alzare le borse di studio a 20’000 franchi

Con un’iniziativa parlamentare viene inoltre chiesto di abrogare l’articolo della Legge che prevede la conversione in prestito di parte dell’importo concesso per il master

BELLINZONA - Anche il partito socialista si è chinato sull’argomento delle borse di studio e l’ha fatto con un’iniziativa parlamentare.

Il Consiglio di Stato ha approvato il decreto esecutivo per l’anno scolastico 2018/2019 che prevede la riduzione da 1/3 a un 1/10 della parte di borsa di studio automaticamente convertita in prestito i richiedenti che frequentano il master, l’allargamento dei parametri per l’ottenimento di un prestito di studio e la concessione di prestiti eventualmente convertibili successivamente in borse studio qualora la situazione economica di uno studente di grado terziario sia cambiata negli anni successivi alla tassazione determinante.

La deputata in Gran Consiglio Daniela Pugno Ghirlanda - e i cofirmatari Heinrich Bang, Lisa Bosia, Gianrico Corti, Jacques Ducry, Ivo Durish, Milena Garobbio, Raoul Ghisletta, Pelin Kandemir Bordoli, Gina La Mantia, Carlo Lepori, Tatiana Lurati Grassi e Bruno Storni - chiedono che l’importo massimo degli aiuti allo studio (attualmente pari a 16’000 franchi) venga aumentato fino a 20’000 franchi annui.

L’iniziativa propone inoltre - come già sostenuto dal Partito comunista - di abrogare l’articolo 14 capoverso 2 della Legge sugli aiuti allo studio del 23 febbraio 2015, secondo cui «le borse di studio per i richiedenti che seguono un master possono essere convertite fino a un massimo di un terzo in prestiti per decisione del Consiglio di Stato» (per l’anno 2018/2019 è stato decisa la conversione di un 1/10).

Commenti
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
Le università dovrebbero offrire dei corsi che permettano di lavorare e di studiare contemporaneamente, in modo tale da potersi mantenere con i propri mezzi affinché, al termine degli studi, i ragazzi possano entrare nel mondo del lavoro senza il debito verso lo stato.
Danny50 1 anno fa su tio
@pillola rossa D’accordissimo di aiutare i nostri studenti e la formazione generale in CH. I soldi però non crescono sugli alberi, perciò decurtiamo aiuti a nonsisachi all’estero, regali di 1,3 miliardi a paesi che hanno un PIL più alto del nostro e una disoccupazione ILO più bassa, miliardi a falsi rifugiati come gli eritrei, centinaia di milioni (Schengen) per rinunciare alla sicurezza delle nostre frontiere. Poi si puó anche versare 40’000.-/franchi per universitario che va da una cultura linguistica ad un’altra. Sarebbe un ottimo investimento.
samarcanda 1 anno fa su tio
@pillola rossa O si lavora o si studia. Studiare è un impegno molto pesante. Non c'è routine e il tempo e le energie da dedicare sono moltissime. Non capisco questo falso mito di studio e lavoro.
miba 1 anno fa su tio
Va bene, ma suppongo che ci sia un "budget" per le tasse che entrano allo Stato....
GI 1 anno fa su tio
Trovo corretto un "aggiornamento" dell'importo....ma poi bisogna aver averli......in cassa...
samarcanda 1 anno fa su tio
Ma dai!?!?!? E il dipartimento di cui si occupano, che cos'ha combinato finora?
miba 1 anno fa su tio
Io sarò anche stupido e non capisco molto di politica ma se vengono concessi soldi da una parte poi ne mancano dall'altra e non ho letto da DOVE vorrebbero prendere i soldi i socialisti....
samarcanda 1 anno fa su tio
@miba Ma dalle esose tasse che il nostro governo preleva!
miba 1 anno fa su tio
@samarcanda (incaricato di valutare i casi di assenza superiori ai 30 giorni)
miba 1 anno fa su tio
@samarcanda Va bene, ma suppongo che ci sia un "budget" per le tasse che entrano allo Stato.... (scusa il commento precedente che non centra nulla)
samarcanda 1 anno fa su tio
@miba Basta non buttarli, specialmente nelle pagone degli amici degli amici (che spesso non hanno nemmeno titoli universitari) o in investimenti sballati e dubbi tipo Argo 1. Dare la possibilità alle persone di formarsi serenamente e, dunque, meglio è vantaggioso per tutti.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 05:41:59 | 91.208.130.87