Tipress
Le 2'200 firme "per un rafforzamento delle borse di studio" consegnate dal SISA
CANTONE
13.04.2018 - 22:360

Borse di studio: «Un timido passo avanti»

Il Partito Comunista chiede l’abolizione della conversione in prestito di parte degli aiuti e punta il dito contro la destra in Governo e in Parlamento

BELLINZONA - Sicuramente un passo avanti, ma «timido» e quindi insufficiente. Così il Partito Comunista ha commentato l’approvazione da parte del Consiglio di Stato del decreto esecutivo inerente gli aiuti allo studio, che prevede di rendere più accessibili le borse di studio attraverso diverse misure, tra le quali la riduzione da ⅓ ad 1/10 della parte convertita in prestito.

Una misura che andrebbe «direttamente abolita», in quanto «mina il diritto allo studio delle classi sociali meno abbienti e di quel famoso ceto medio che è sulla bocca di tutti», secondo il PC, che non addita il DECS quale responsabile ma le «maggioranze di destra sia in Governo sia in Parlamento che continuano a voler tagliare nella scuola pubblica e a non voler realmente affrontare i problemi di selezione sociale nell’educazione».

Nelle scorse ore, il Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti (SISA) ha consegnato alla Cancelleria dello Stato oltre 2’200 firme a sostegno della petizione “Per un rafforzamento delle borse di studio”. Firme che ora potranno «servire per far cambiare rotta ai granconsiglieri che avranno l'occasione di votare per investire di più nella formazione», conclude il PC.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
samarcanda 2 anni fa su tio
Mi spiace per Fran. È veramente una politica vergognosa.
Fran 2 anni fa su tio
Finalmente quest'anno mi è stato comunicato che ho il diritto all'importo massimo di borsa di studio per il Master, facendo parte non del medio-basso, ma del sotto-terra ceto. In fondo alla comunicazione il calcolo. Il "Hammer" lo chiamano i tudesc. 15'800.00 di qui 10'300 borsa di studio. 5'300.00 convertiti in prestito. 2 anni di Master = 11'000.00 di debito c/o il Cantone. Non tornerò in Ticino a lavorare. Con i salari proposti per chiunque, oggi qui, a casa mia, che non superano i 3000 lordi, faranno in tempo ad arrestarmi per "non estinziine" il debito.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 11:51:21 | 91.208.130.89