Tipress
BERNA / CANTONE
08.03.2018 - 10:260

Traffico pesante: «Emissioni superiori alla norma in Ticino»

Il trasferimento su rotaia registra risultati positivi, ma gli obiettivi fissati sono ancora distanti

BERNA - Il rapporto sul trasferimento del traffico pesante dalla strada alla rotaia ha fatto discutere a lungo il Consiglio nazionale oggi. La sinistra ha deplorato il fatto che gli obiettivi non siano raggiunti, il PLR si è invece chiesto se questi non vadano rivisti. Il PPD è globalmente soddisfatto, mentre l'UDC ha ricordato il ruolo dell'economia privata.

Benché i risultati finora raggiunti siano positivi, il numero di camion che hanno attraversato le Alpi - 975'000 nel 2016 - è di gran lunga superiore all'obiettivo di 650'000 passaggi che dovrebbe essere raggiunto quest'anno, ha affermato Thomas Hardegger (PS/ZH).

Lo zurighese ha anche detto di essere deluso del fatto che il rapporto non indichi chiaramente quali misure occorra prendere per rispettare l'obiettivo di trasferimento. Regula Rytz (Verdi/BE) ha poi ricordato che le emissioni inquinanti e foniche continuano ad essere superiori ai valori limite, in particolare in Ticino. Secondo Hardegger, si potrebbe migliorare la situazione sottoponendo parzialmente alla tassa sul traffico pesante (TTPCP) anche i camioncini.

Viola Amherd (PPD/VS) ha da parte sua affermato che la politica del trasferimento del traffico perseguita dalla Svizzera è un successo. Per la vallesana, già sindaca di Briga-Glis, non bisogna però dormire sugli allori: resta infatti ancora molto da fare, soprattutto considerando che il numero di camion è in aumento al Sempione e al San Bernardino.

In questo contesto è positivo il fatto che il Consiglio federale non intenda modificare gli obiettivi malgrado questi non saranno raggiunti, ha sottolineato Amherd. Il PLR, per bocca di Hugues Hiltpold (GE), ha invece sollevato dubbi sulla pertinenza di mantenerli, quando già si sa che non potranno essere rispettati.

«Possiamo legittimamente chiederci che senso ha fissare obiettivi irrealizzabili se non per perseguire un ideale», ha sostenuto il ginevrino. Il PLR vedrebbe insomma di buon occhio la creazione di «obiettivi realistici e raggiungibili» e auspica una discussione in merito.

Ulrich Giezendanner (UDC/AG), in un intervento molto vivace, ha ricordato che il successo del trasferimento è dovuto in primo luogo alle imprese di trasporto private. L'argoviese, titolare dell'omonima società di trasporti, ha poi spezzato una lancia a favore del trasferimento del traffico anche nell'asse est-ovest dove c'è un grande potenziale.

«Numeri uno mondiali» - Da parte sua, la consigliera federale Doris Leuthard ha tessuto le lodi della Confederazione, «numero uno a livello mondiale» per quel che concerne il trasferimento del traffico sulla ferrovia. La ministra dei trasporti non ha negato il fatto che gli obiettivi non potranno essere raggiunti, ma ha ricordato che le nuove trasversali alpine generano già ora effetti positivi. Per questo motivo gli obiettivi non vanno modificati. Replicando a Giezendanner, Leuthard ha ricordato che nel futuro sviluppo della rete ferroviaria sono previste misure per potenziare il traffico merci lungo l'asse est-ovest.

All'inizio del dibattito i relatori della Commissione dei trasporti avevano riassunto il rapporto, presentato in dicembre dal Consiglio federale. Per la prima volta dal 1994 il numero di tragitti è risultato inferiore all'obiettivo intermedio di 1 milione l'anno (975'000 nel 2016 e valutati in 960'000 nel 2017). Obiettivo, ha ricordato il relatore commissionale Fabio Regazzi (PPD/TI), che doveva però essere raggiunto già nel 2011.

A fine 2016, la quota di mercato della ferrovia nel traffico merci transalpino, rispetto alla strada, ha raggiunto il 71,0%, un record. Rispetto alla Francia e all'Austria, la Svizzera continua inoltre a vantare una quota ferroviaria molto elevata.

In questi due Paesi, la strada batte infatti nettamente la ferrovia: nell'Esagono la quota di merci in transito trasportate su camion è dell'85,1%, in Austria del 72,1%, ha ricordato l'altro relatore Thierry Burkart (PLR/AG).

La commissione - ha proseguito l'argoviese - si attende ora dal governo che faccia pressione sull'Unione europea affinché vengano realizzati gli accessi nord e sud così come promesso. Questi, in concomitanza con il nuovo tunnel del Ceneri e il corridoio di 4 metri fra Basilea e Chiasso, permetteranno di far ulteriormente calare il numero di camion in transito, ha sostenuto Burkart, invitando i colleghi a prendere atto del rapporto.

Commenti
 
roma 3 mesi fa su tio
Non mi sembra un grande scoop se consideriamo il fatto che il Ticino è stato sacrificato dalla Confederazione in nome dei bilaterali. A proposito: ma non è il Regazzi che vorrebbe far circolare i Tir già alle 04h00 del mattino?
Bandito976 3 mesi fa su tio
Aumentare la tassa sul traffico pesante e obbligare a metterli sui treni. I camion creano inquinamento e sfondano le strade quelle che noi tutti paghiamo.
rompibal 3 mesi fa su tio
Ma chi era quel politico che voleva far circolare i camion già dalle 4 del mattino? On. Regazzi credo o mi sbaglio?
cf. 3 mesi fa su tio
@rompibal non ti sbagli
gabola 3 mesi fa su tio
Continuate a fare spese su Amazon....
Tags
trasferimento
obiettivi
traffico
camion
obiettivo
plr
traffico pesante
trasferimento traffico
rapporto
ppd
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-22 17:22:26 | 91.208.130.87