Tipress
CANTONE / BERNA
06.03.2018 - 15:410

"Sì" ai rinforzi militari al confine sud

Il Consiglio nazionale ha approvato oggi una mozione del gruppo UDC che chiede di poter rafforzare in tempi brevi le Guardie di confine in caso di necessità

CHIASSO - In caso di necessità, il Corpo delle guardie di confine (Cgcf) stanziato alla frontiera sud della Svizzera deve poter essere rafforzato in tempi brevi con almeno 50 membri della Sicurezza militare. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale approvando, con 102 voti contro 91, una mozione del gruppo UDC. Gli Stati devono ancora esprimersi su questo atto parlamentare che, de facto, è già attuato.

Nel testo della mozione, depositata nel maggio dello scorso anno, viene ricordato il forte aumento dei migranti giunti in Italia. Per l'UDC - alla tribuna si è espresso Albert Rösti (BE) - è chiaro che molti di loro continueranno il loro viaggio verso nord.

In queste circostanze, il Cgcf necessiterà verosimilmente del rinforzo professionale da parte della polizia militare. Rösti ha anche ricordato che tra il 1997 e il 2012 in media 84 poliziotti militari hanno supportato le guardie di confine, le capacità ed esperienze necessarie sono quindi già disponibili.

Le richieste della mozione sono però già soddisfatte, ha replicato, invano, il consigliere federale Ueli Maurer. L'esercito e il Cgcf hanno infatti già elaborato una pianificazione dettagliata per impiegare in caso di necessità fino a 50 membri della Sicurezza militare. Questi possono essere messi a disposizione in tre giorni per sostenere le guardie di confine nella gestione della situazione migratoria.

Tags
confine
guardie confine
mozione
guardie
sud
udc
cgcf
necessità
caso necessità
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-16 07:44:19 | 91.208.130.87