Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
2 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
3 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
3 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
4 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
5 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
5 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
6 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
7 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
7 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
7 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
8 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
10 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
10 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
CANTONE
10 ore
«Attenti ai colpi di calore», ecco le raccomandazioni del Cantone
CHIASSO
11 ore
Ragazzi di terza media in stage
CANTONE
29.01.2018 - 17:090

Un fondo cantonale «per la sicurezza di bambini e anziani»

Con una mozione Fiorenzo Dadò e Fabio Battaglioni chiedono al Governo di istituire un fondo cantonale per la prevenzione e la sicurezza stradale a disposizione dei Comuni

BELLINZONA - Attraverso una mozione inoltrata al Consiglio di Stato, i granconsiglieri PPD Fiorenzo Dadò e Fabio Battaglioni propongono la creazione di un fondo speciale che vada a finanziare le misure di prevenzione stradale adottate dai Comuni a tutela della popolazione.

Si tratta, per stessa ammissione dei mozionanti, di «un’evoluzione naturale» dalla mozione presentata nel 2014 dallo stesso Dadò e dal democentrista Marco Chiesa, intitolata “Radar mobili: più prevenzione, meno cassetta”, e che chiedeva al Governo di permettere ai Comuni di effettuare controlli di velocità con dei radar mobili solo e soprattutto con il dichiarato e manifesto scopo di prevenire degli incidenti in posizioni particolarmente sensibili.

Con la presente mozione si intende fare un ulteriore passo avanti e si chiede di istituire un fondo apposito, gestito dal Dipartimento delle Istituzioni, a disposizione di quei Comuni che intendono intraprendere opere di prevenzione in campo stradale sul suolo comunale: radar mobili ma anche attività didattiche e segnalazione luminosa della presenza di pedoni in zone sensibili.

Inoltre questo fondo permetterebbe l’acquisto da parte dei comuni interessati del cosiddetto “Radar Amico di nuova generazione”, il quale non si limita a segnalare la velocità ma emette anche un flash, o un segnale, in caso di superamento dei limiti consentiti, inducendo concretamente l’automobilista a rallentare.

Per Dadò e Battaglioni, il nuovo fondo «deve contribuire in modo sostanziale quale incentivo presso le autorità e quindi aiutare i Comuni a finanziare misure di prevenzione degli incidenti, con un’attenzione particolare nei confronti di bambini e anziani»

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-24 22:11:44 | 91.208.130.86