Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
2 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
3 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
3 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
4 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
4 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
4 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
6 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
6 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
7 ore
«Altroché allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
8 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
8 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
9 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
9 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
9 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
9 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
BELLINZONA
19.01.2018 - 14:060

Chi trae vantaggio dalla differenziazione scolastica?

Interpellanza dell'MPS alla luce di un progetto pilota lanciato in una classe delle elementari delle scuole nord di Bellinzona

 

BELLINZONA - Stando ad alcune informazioni raccolte dall’MPS, presso una classe di seconda elementare delle scuole nord di Bellinzona ha preso avvio un progetto-pilota che prevede l’intervento di una docente di appoggio per 8 ore alla settimana durante le quali la classe viene divisa in 3 gruppi in base alle capacità scolastiche (avanzati, medi, allievi con difficoltà). In questo modo il gruppo dei bravi avrà per due mezze giornate alla settimana una docente speciale e seguirà un programma specifico.

Per Angelica Lepori e Monica Soldini si tratta di un’idea «pericolosa», perchö contraria al principio di inclusione ma volta soprattutto a sostenere i "migliori", che seguendo un programma avanzato anticipano già alcuni elementi del programma delle classi successive. E questo a discapito di quelli più deboli e del principio secondo cui la scuola dovrebbe attenuare le differenze sociali.

L’MPS ha dunque deciso di interpellare il Municipio per porre le seguenti domande:

Esiste un progetto pedagogico didattico dettagliato che motiva e giustifica il progetto pilota summenzionato? Se si da chi è stato elaborato? Sulla base di quali principi e motivazioni?

  • Il Municipio da quando è a conoscenza del progetto? Ne condivide l’impostazione del progetto?
  • Sulla base di quali considerazioni è stata scelta la classe-pilota?
  • Quali competenze e conoscenze sono state prese in considerazione per formare i gruppi di allievi?
  • I genitori della classe sono stati resi partecipi del progetto e hanno avuto modo di esprimersi su di esso prima che questo fosse implementato?
  • Quale sarà il futuro di questo progetto? I bambini coinvolti quest’anno come proseguiranno il percorso scolastico l’anno prossimo?
  • Sono coinvolte altre sedi e classi delle scuole della città? Si pensa di estendere in futuro questo modello ad altre sezioni?
  • Il Municipio ritiene corretto che si utilizzino risorse pubbliche per favorire un gruppo di allievi privilegiati? Non teme che questi progetti possano creare dinamiche negative all’interno delle classe e della scuola in generale?
  • E’ questa l’interpretazione che il Municipio vuole dare della differenziazione pedagogica?
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 20:54:03 | 91.208.130.86