ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
22 min
«Un riconoscimento atteso da anni e che va alla gente»
L'iscrizione delle Processioni nella lista Unesco «non dev'essere un punto d'arrivo» per il presidente Gabriele Ponti. Nadia Lupi di Mendrisiotto Turismo: «Uno stimolo, ma anche responsabilità in più»
LUGANO
35 min
L’UDC dice sì al moltiplicatore al 75%
Il Comitato direttivo della sezione cittadina si è riunito ieri per discutere diversi temi d'attualità
CHIASSO
1 ora
Ecco a voi il nuovo Nebiopoli
Il carnevale chiassese si reinventa. E presenta il programma del 2020
MENDRISIO / COLOMBIA
1 ora
Le Processioni storiche sono patrimonio dell'umanità
L'Unesco ha deciso di includere le celebrazioni della Settimana Santa nella lista del patrimonio culturale immateriale
BELLINZONA
2 ore
Promozioni e partenze alle cerimonia annuale della Polizia cantonale
Norman Gobbi: «In Svizzera l'istituzione che gode della maggiore credibilità è proprio la polizia»
CANTONE
2 ore
«Ha ucciso la nonna per darle una lezione»: 18 anni al nipote
L’autore del delitto di Caslano è stato condannato per assassinio. La pena sospesa a favore di un trattamento stazionario
LUGANO
3 ore
Mezzo milione per uno studio: obiettivo lungolago
Il Municipio di Lugano ha licenziato il messaggio per il credito al masterplan. Al via la progettazione
FOTO E VIDEO
LOCARNO
3 ore
Un mare in tempesta? No, solo nebbia
Spettacolare scenario, quello ripreso dalle webcam da Cimetta
CASTEL SAN PIETRO
3 ore
«A me, il salario minimo non cambia niente»
L'imprenditore Alberto Siccardi sulla soglia dei 19.50 franchi orari
SERRAVALLE
3 ore
Materiale in ritardo: «Hanno votato pure dal Canada»
Il Municipio prende posizione e spiega che l'informazione sarebbe «priva di fondamento»
CANTONE
04.09.2017 - 21:050
Aggiornamento : 22:05

Civica a scuola, quale informazione?

BELLINZONA - Il 24 settembre 2017 le cittadine ed i cittadini ticinesi aventi diritto di voto in materia cantonale saranno chiamati a decidere se accettare le proposte di modifica degli artt. 23a e 98 della Legge della scuola. Tali modifiche mirano ad introdurre nella Scuola media e nelle scuole medie superiore un insegnamento della civica valutato con nota a sé stante e, laddove possibile, con materia separata.

Dato il confronto molto acceso fra favorevoli e contrari Paolo Pamini, Lara Filippini, Tiziano Galeazzi, Sergio Morisoli e Gabriele Pinoja (AreaLiberale e UDC) hanno inviato un’interpellanza al Consiglio di Stato per avere delucidazioni in merito alla corretta informazione delle cittadine e dei cittadini ticinesi in relazione alla votazione.

Attualmente, gli argomenti a sostegno delle suddette modifiche della Legge della scuola sono presentati sul sito web www.lacivicainticino.ch, mentre quelli dei contrari sul sito web www.cittadinanza.ch.

Chiediamo al lodevole Consiglio di Stato di verificare e confermare che in nessuna sede scolastica cantonale organi di direzione abbiano scritto al relativo corpo docenti, tramite posta cartacea o elettronica intestata o recante un indirizzo ufficiale, prese di posizione e istruzioni circa cosa votare e far votare in relazione alla votazione popolare cantonale del 24 settembre 2017 “Educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia”. 

Chiediamo al lodevole Consiglio di Stato di verificare e confermare che in nessuna sede scolastica cantonale si sia dedicato del tempo ufficiale di riunione dei consigli docenti e consigli di istituto (pagato dai contribuenti ticinesi), tenutisi in concomitanza con l’inizio del nuovo anno scolastico, per organizzare le azioni contrarie alla proposta in votazione popolare cantonale del 24 settembre 2017 “Educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia”. Infatti, finché vale lo statu quo e la proposta non sia approvata dai cittadini in votazione popolare, le sedi scolastiche non necessitano discutere ed implementare alcuna misura in relazione al tema oggetto della presente interpellanza. Naturalmente, ciò non esclude che nel proprio tempo libero docenti prendano pubblicamente posizione a favore o contro le proposte di modifica della Legge della scuola messe in votazione popolare.

Chiediamo al lodevole Consiglio di Stato di verificare e confermare che in nessuna sede scolastica cantonale vi siano state comunicazioni in forma scritta o orale verso i genitori delle alunne e degli alunni circa cosa votare e far votare in relazione alla votazione popolare cantonale del 24 settembre 2017 “Educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia”, né tantomeno comunicazioni circa la portata ed il contenuto dell’oggetto in votazione. Infatti, non sta agli istituti scolastici cantonali orientare i genitori delle alunne e degli alunni circa i contenuti delle votazioni popolari.

Qualora ai punti 1., 2. e 3. risultasse che organi di una o più sedi scolastiche abbiano diffuso tali informazioni o abbiano dedicato tempo di lavoro al tema in votazione, si chiede di rendere note tali sedi.

Qualora ai punti 1., 2. e 3. risultasse che organi di una o più sedi scolastiche abbiano diffuso tali informazioni o abbiano dedicato tempo di lavoro al tema in votazione, chiediamo al Consiglio di Stato se ritiene che tale comportamento sia esemplare, in particolare in relazione alla funzione sociale e all’autorità che la Scuola ha nel trasmettere informazioni e sapere alla cittadinanza. 

Qualora al punto 5. il Consiglio di Stato ritenesse che tale eventuale comportamento di organi di una o più sedi scolastiche sia criticabile, chiediamo al Consiglio di Stato se e quali misure disciplinari esso intende deliberare nei confronti di tali organi.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-12 19:54:33 | 91.208.130.87