ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
54 min
«L’aeroporto può cambiare rotta»
LOSONE
2 ore
Licenziato dalla Agie: «Ora a 58 anni cosa faccio?»
RIVIERA
3 ore
Fiamme all'esterno di un deposito a Cresciano
CANTONE
4 ore
«Il caso Kering faccia scuola, servono condizioni quadro»
CANTONE
5 ore
Riforma fiscale, il messaggio del Governo entro l'estate
LUGANO
5 ore
Sciopero delle donne, "semaforo verde" dal Municipio
CANTONE
5 ore
«Le strutture logistiche resteranno, ma saranno ridimensionate»
LUGANO
6 ore
«Quel semaforo deve restare in versione cantiere?»
CANTONE
6 ore
Radio Ticino, problemi tecnici risolti
MASSAGNO
6 ore
Nuova viabilità vicino alla Migros
CANTONE
6 ore
Dipendenti pubblici: «Alta guardia sindacale sulle trattative»
LUGANO
6 ore
Nuova vicedirettrice per il Liceo cantonale di Lugano 2
MELIDE
8 ore
500 indiani in visita alla Swissminiatur
CANTONE
9 ore
L'ACS ricorda Lauda, poi aggiunge: «Non demonizziamo il trasporto in auto»
CANTONE
9 ore
Consegnati i Master 2019 della Supsi
CANTONE
25.03.2015 - 06:480
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

PS contro la legge sull'apertura negozi

BELLINZONA - "Mezz’ora di lavoro in più: che sarà mai? Invece dietro quella mezz’ora c’è un pericoloso progetto neoliberista di società e di lavoro. Un progetto che possiamo solo combattere. Lo scopo è chiaro: deregolamentare per poter fare i propri comodi. Oggi è una mezz’ora di lavoro in più, dopodomani sarà l’apertura 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. Perché a questo mira, sul lungo termine, la nuova legge sugli orari dei negozi. Legge che è passata in Parlamento con la foglia di fico del contratto collettivo obbligatorio".

Il Partito socialista si schiera contro la nuova legge sui negozi e annuncia che appoggerà il referendum che Unia intende lanciare.

"Da un lato, come lavoratori, sono flessibilizzati, precarizzati, sfruttati, sottopagati, ricattati, perfino licenziati per essere sostituiti con la manodopera frontaliera. Lo dimostrano i risultati dell’inchiesta dell’Ufficio dell’ispettorato del lavoro e la petizione con 3’000 firme per chiedere il ritiro della proposta di legge: tutti segnali di un malessere diffuso già nelle condizioni attuali, che vedono uomini e donne costretti a fare i salti mortali per conciliare il lavoro con la vita privata e la famiglia, spesso per uno stipendio indecente. Un malessere destinato solo a peggiorare con la nuova legge. Fatta eccezione per una parte della grande distribuzione, dove vigono alcuni contratti collettivi (del resto ben lungi dall’essere perfetti), il lavoro nel commercio è una giungla, dove l’abuso è frequente e il dumping è un’abitudine.

Dall’altro lato però, come consumatori, sono anche spinti a consumare, consumare, consumare voracemente fino a indebitarsi, attirati da bonus, sconti, premi proposti da ipermercati sempre più grandi, sempre più aggressivi, sempre più invasivi anche per il territorio. Ma con quali soldi possono consumare, se il lavoro non c’è o, se c’è, è precario? Non solo: qual è il destino dei piccoli commerci, specie nelle regioni più periferiche, dove sono più preziosi?

Con la nuova legge, il sabato diventerà un giorno di lavoro come tutti gli altri, i negozi potranno restare aperti fino alle 19 (ma perché? ma per chi?), l’apertura festiva sarà generalizzata, gli shop senza vincoli di apertura diventeranno ancora più numerosi con la scusa delle vie di traffico (ma quali? ma dove?). Per comprendere le conseguenze di questo delirio non è necessario guardare lontano: basta gettare lo sguardo al di là della frontiera. In Italia il risultato è stato solo la crescita della disoccupazione. E i disoccupati, è ovvio, non spendono, né alle 19 né la domenica. Ma allora a che pro tutto questo?"

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-22 21:39:16 | 91.208.130.87