Segnala alla redazione
Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
20 min
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
49 min
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
1 ora
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
ITALIA / CANTONE
2 ore
Scomparso in Italia, è ricoverato in un ospedale di Berna
LUGANO
3 ore
Advanced Studies Supsi, ecco i diplomati
CANTONE
4 ore
Borse di studio più generose, ma resta il prestito per il master
CAMORINO
4 ore
La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»
CANTONE
5 ore
Tram-Treno, sì al credito e all'emendamento socialista
CANTONE
5 ore
Chiusure dei negozi, la trattativa s'inceppa
LUGANO
5 ore
Ex Macello: il Molino è pronto a scendere in piazza
CANTONE
5 ore
Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»
MURALTO
6 ore
Morte della 22enne inglese: la polizia torna in hotel
CAMORINO
7 ore
Asilanti in sciopero, il DSS: «Lo facciamo per loro»
CANTONE
7 ore
Ricercato in assistenza in Ticino: «Non ha ricevuto qua il permesso»
ITALIA / CANTONE
7 ore
Scomparso dalla Provincia di Asti, potrebbe essere in Ticino
CANTONE
10.04.2019 - 17:300

Dimitri Bimbi lascia la Lega Verde

Il candidato per il movimento alle ultime elezioni annuncia le dimissioni: «Un movimento con un pensiero unico e tanti yes men»

GRAVESANO - Dimitri Bimbi, candidato al Consiglio di Stato e al Gran Consiglio nelle ultime elezioni cantonali, si separa ufficialmente dalla Lega Verde. Ad annunciarlo è lui stesso in una lettera inviata a Werner Nussbaumer in cui motiva la propria decisione attraverso le «profonde differenze di idee e di progettualità emerse durante gli ultimi mesi».

Ma non solo. Nel mirino di Bimbi vi è infatti anche l’intenzione comunicata nelle scorse ore dalla Lega Verde di volersi presentare alle elezioni federali del prossimo mese di ottobre. «Ma le sembra normale che un membro del comitato venga a sapere dalla stampa le decisioni di un comitato mai convocato in modo formale?» chiede Bimbi al fondatore del movimento, sottolineando però di non essere «troppo sorpreso» in quanto «situazioni simili erano già capitate in passato».

«Come ho già cercato di far capire piú volte agli altri membri del comitato - incalza -, questo atteggiamento non rappresenta altro che l’esternazione della sua idea di “partito politico”, ovvero un movimento con un pensiero unico e tanti yes men, che non hanno altra scelta se non quella di accettare le sue decisioni».

2 mesi fa La Lega Verde guarda già alle elezioni federali
2 mesi fa «Io non mi farò mai chiudere la bocca da nessuno»
Commenti
 
Evry 2 mesi fa su tio
Lega verde ??? Lega dei rompiscatole delusi...
marco17 2 mesi fa su tio
Più che un pensiero unico, pare che questo partito abbia un solo pensiero, o forse nemmeno uno.
Arciere_ 2 mesi fa su tio
Strano peró che un candidato e membro del comitato sia stato informato delle decisioni di un comitato mai convocato ufficialmente per le federali dai giornali.... e sembra fosse una consuetudine..... pensiero unico e tanti yes men... Magari non ha voluto fare casini durante la campagna elettorale per non “danneggiare” ( per modo di dire) ... solo una interpretazione in base a quanto scritto... io, l’ho letto tutto... ma forse sedelin, SGG, vupus e Fafner ne sanno di più e mi possono illuminare. Grazie
Fafner 2 mesi fa su tio
Fosse stato eletto avrebbe fatto lo stesso? La domanda ovviamente è retorica...
vulpus 2 mesi fa su tio
Purtroppo la nostra democrazia permette questi opportunisti di mettersi in corsa. Ma se questo è uno, pensiamo all'ammucchiata tra lega, udc e destra...dove l'unico scopo era ramazzare schede. Non hanno ancora finito di contarle e già ognuno va per la sua strada. Ma che serietà è? Ma a ottobre questi signori cosa si aspettano? Speriamo che si facciano molte illusioni, così che magari qualcuno di più impegnato riesca ad andare a Berna
SSG 2 mesi fa su tio
Scrivo qui perché l'altro articolo non si può commentare. Ronnie David lascia- «Mi avete sostenuto in tanti. E questo lo porterò nel cuore a lungo. La mia elezione in Gran Consiglio è però un problema». Dopo ci lamentiamo della politica, ma fino quando c'è gente che pensa che sia un gioco e si candida senza sapere i doveri, gli impegni e il pensiero del proprio partito (vedi questo articolo) non si va tanto lontano. E' ovvio che la gente va più a votare, ne vota uno e questo in segno ri riconoscimento volta le spalle!!! Grave.
Um999 2 mesi fa su tio
Però mi verrebbe da dire: c’è ne faremo una ragione, se non dal fatto che sinceramente non so chi sia costui. La mia non è una offesa o sarcasmo ma sinceramente costui chi è? E cosa ha fatto politicamente?
sedelin 2 mesi fa su tio
chi é costui? uno che lascia a pochi giorni dalle elezioni non é un tizio serio.
marco17 2 mesi fa su tio
Urca che notizia; uno sconosciuto qualsiasi lascia un partito di cui quasi nessuno ha sentito parlare. W l'ombelico del mondo.
Zarco 2 mesi fa su tio
Capirlo prima ?
albertolupo 2 mesi fa su tio
Eh bon. Almeno ha lasciato un segno indelebile nella politica del nostro Cantone. I prossimi libri di storia lo menzioneranno assieme ai vari Franscini, Quadri, Celio vari, Canevascini, ai fatti di Stabio, ecc.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 22:46:43 | 91.208.130.85