Segnala alla redazione
tipress (archivio)
Il "Guastafeste" aveva avanzato due proposte, una nel 2003, una nel 2014. Entrambe bocciate
ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
2 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
3 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
3 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
4 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
5 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
5 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
6 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
6 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
7 ore
«Altroché allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
8 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
8 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
9 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
9 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
9 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
9 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
CANTONE
02.04.2019 - 10:590
Aggiornamento : 11:38

Ghiringhelli: «Astensionismo? Io le proposte le avevo fatte»

Il "Guastafeste" sulle previsioni di un calo della partecipazione al voto: «A che serve spargere lacrime di coccodrillo?»

BELLINZONA - In base ai sondaggi elettorali e ai primi dati sull’utilizzazione del voto per corrispondenza sembra che alle elezioni del 7 aprile potrebbe registrarsi un calo della partecipazione al voto.

A tal proposito "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli interviene ricordando le sue due proposte, avanzate negli scorsi anni, per ovviare a questo inconveniente: due petizioni trasmesse al Gran Consiglio il 3 maggio 2003 ed il 26 maggio 2014.

Con la prima proponeva delle misure di incoraggiamento, quali ad esempio degli incentivi fiscali o l’abbinamento di votazioni ed elezioni a una lotteria riservata solo ai votanti. Proposta bocciata il 24 novembre 2003.

Con la seconda proponeva invece di seguire l’esempio del Canton Sciaffusa chiamando alla cassa gli astensionisti, facendo loro pagare una “multa” attorno ai 6 franchi, o meglio un contributo destinato a coprire i costi a carico di Cantone e Comuni per la stampa e la spedizione del materiale di voto. Proposta avversata dalla Commissione Costituzione e diritti politici e bocciata dal Gran Consiglio con 59 voti contro 3 il 27 gennaio 2015.

«Quando si decise di introdurre il voto per corrispondenza per tutte le votazioni e tutte le elezioni - sottolinea Ghiringhelli - , ci si era evidentemente illusi che ciò avrebbe contribuito ad accrescere la partecipazione al voto, ma evidentemente questa mossa non si è rivelata sufficiente per contrastare la crescente disaffezione dei cittadini verso la politica. Forse l’insegnamento della civica nelle scuole contribuirà ad accrescere l’interesse dei futuri cittadini verso la cosa pubblica. Ora ci risiamo con le lamentele per il crescente astensionismo. Già, ma di proposte concrete per farvi fronte non ne vedo neppure l’ombra, e dunque a che serve spargere lacrime di coccodrillo quando poco o nulla si era fatto al momento buono per sostenere le proposte del Guastafeste?».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 21:02:36 | 91.208.130.87