Segnala alla redazione
Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
Fulmini e pioggia anche in Ticino, ma niente nubrifagio
RIVIERA
8 ore
Scontro frontale sulla Cantonale
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
È allerta temporali in (quasi) tutto il Paese
ASCONA
20 ore
«Salviamo il Museum Epper»
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Listeria nei pezzi di cocco venduti da Manor
CANTONE
22 ore
Potenziamento dell'A2 tra Lugano e Mendrisio: «Quali i benefici?»
CONFINE / CANTONE
1 gior
Spacciava cocaina a Como e in Ticino, 28enne in manette
LUGANO
1 gior
Silver Air conferma le sue attività ad Agno
CANTONE
1 gior
Morto il centauro vittima di un frontale a Brione Verzasca
CANTONE
1 gior
L'onda viola travolge Bellinzona
BREGANZONA
1 gior
Fogazzaro riaperto: «Altri studenti a Pomigliano d’Arco per l'esame?»
CANTONE
1 gior
Controlli mobili solo in tre distretti
LUGANO
1 gior
Premiati gli allievi più meritevoli delle medie di Pregassona
LUGANO
1 gior
Il mosaico sulla scalinata «non s'ha da fare»
LAVERTEZZO
1 gior
Centauro in fin di vita dopo lo scontro con un'auto
CANTONE
29.03.2019 - 12:360
Aggiornamento : 15:43

Il TCS si tinge… De Rosa. Ma il candidato dice: «Sono tranquillo»

Una lettera del candidato Ppd per chiedere sostegno elettorale ai delegati dell’associazione crea malumore all’interno del Touring Club Svizzero. Ne discuterà lunedì il comitato del Club.

RIVERA - A mostrarci la lettera che sta creando polemica è un delegato del Touring Club Svizzero. In questi giorni in seno all’associazione circolano le voci più curiose: che l’invio elettorale sarebbe stato mandato a tutti e settantasettemila i soci; che gli indirizzi segretati sarebbero giunti, non si sa bene come, al candidato che ha spedito le missive. Insomma la polemica dentro il TCS s’ingrossa vieppiù e per lunedì è in programma una riunione del comitato, appunto, per far chiarezza.

L’accusa mossa da alcuni è che Raffaele De Rosa, candidato del Ppd al Governo e membro di comitato della sezione cantonale del TCS, avrebbe “usato” il TCS per farsi campagna elettorale contravvenendo alle direttive interne dell’associazione che è apolitica e aconfessionale.

Da alcune verifiche e telefonate abbiamo potuto appurare che l’invio non è stato fatto a cascata a migliaia di soci, ma solo ai delegati e ad altre persone di spicco all’interno del TCS, note a tal punto che i loro nomi, con tanto di indirizzi, figurano nel Rendiconto annuale. Nella lettera De Rosa sottolinea l’importanza dei temi del traffico e il suo impegno per contribuire a risolverli. Senza loghi del TCS, ma con l’indicazione in calce, nella firma, “membro di comitato”.

Sulla vicenda, che sarà approfondita lunedì nella riunione di comitato a Rivera, il punto centrale sarà stabilire se De Rosa non abbia rispettato le severe regole che il Tcs si è dato per non farsi trascinare nella mischia elettorale (al contrario di pescatori, medici, etc). Contattato da Tio/20Minuti, Raffaele De Rosa si limita a dire: «Sono tranquillo e sereno, non ho fatto nulla di illegale. Ma per correttezza verso i miei colleghi di comitato preferisco non commentare».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-16 07:27:12 | 91.208.130.85