Segnala alla redazione
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
15 min
Tamponamento a Lugano Sud ed il traffico va in tilt
CAPRIASCA
21 min
Cade da un muretto, interviene la Rega
CANTONE
31 min
Approvvigionamento dell'acqua, una nuova ordinanza in caso di penuria
CAMPIONE D'ITALIA
48 min
«I debiti di Campione li paghi l'Italia»
CANTONE
1 ora
Il comitato del Kiwanis si rinnova
CANTONE
1 ora
«La dott.ssa Lesmo non è contraria ai vaccini. Ha vaccinato i suoi figli»
MASSAGNO
1 ora
I sindacati contro il CdT: «I vertici non hanno voluto incontrarci»
MENDRISIO
2 ore
Festa della Musica, tante luci e qualche ombra (sul futuro)
CANTONE
3 ore
Un'azione speciale per promuovere la donazione di sangue
BELLINZONA
3 ore
Premiati i migliori studenti delle Scuole Medie di Giubiasco
CANTONE
4 ore
Arcobaleno scontato per gli apprendisti
BIDOGNO
4 ore
Il parcheggiatore abusivo è stato estradato in Italia
CANTONE / BERNA
4 ore
«Gli ex dipendenti di Campione guadagnano di più di quando lavoravano?»
CANTONE
5 ore
E voi? La comprereste questa auto?
CANTONE
5 ore
È nato un Gruppo di riflessione sul mercato del lavoro
CANTONE
27.03.2019 - 06:570
Aggiornamento : 16:04

Si fa consegnare le schede, sospetta frode elettorale in Vallemaggia

Una persona, già attiva politicamente a livello cantonale, si sarebbe recata al domicilio di un’anziana signora. La Procura ha aperto un'inchiesta

BELLINZONA - Qualcuno in Vallemaggia si sarebbe spinto un po' troppo in là con il galoppinaggio. Se infatti andare di casa in casa per "raccomandare" questo o quel candidato è consentito dalla legge, farsi consegnare il materiale di voto da chi non è in grado di votare, o non è interessato a farlo, rappresenta un reato penale. Ed è questo che sarebbe accaduto nei giorni scorsi, come riferisce la Regione, quando una persona nota nel Locarnese per la sua professione e legata agli ambienti Ppd, partito per il quale è stato politicamente attivo a livello cantonale, si sarebbe recata al domicilio di un’anziana signora residente nella regione.

Alla porta non si sarebbe però presentata la donna, attualmente ospite di una casa anziani, ma un suo parente, al quale il galoppino avrebbe chiesto, ottenendolo, il materiale di voto e la carta di legittimazione (datata e firmata) per poter inviare il materiale votato per corrispondenza. 

Il caso è stato segnalato alla Procura dal granconsigliere e candidato di Montagna Viva Germano Mattei. Il sostituto procuratore generale Nicola Respini ha quindi aperto un incarto ipotizzando, per ora contro ignoti, i reati di incetta di voti e di frode elettorale. A tal proposito sarebbero già stati fatti degli interrogatori per chiarire la vicenda e per verificare se non ci siano stati episodi analoghi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 17:42:42 | 91.208.130.86