Segnala alla redazione
TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
2 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
3 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
3 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
4 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
5 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
5 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
6 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
6 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
7 ore
«Altroché allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
8 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
8 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
9 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
9 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
9 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
9 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
COMANO
23.03.2019 - 18:340
Aggiornamento : 26.03.2019 - 15:09

"Più donne" «esclusa dai dibattiti, e dal pubblico»

Tamara Merlo, responsabile della lista, denuncia una «mancanza di correttezza»

COMANO - La responsabile di "Più donne", Tamara Merlo, non ha digerito le risposte della RSI in merito alla partecipazione della lista ai dibattiti televisivi. 

Per il primo confronto televisivo, avvenuto l'11 febbraio, la Rsi aveva comunicato alle candidate di "Più donne" che non potevano partecipare «perché la lista non è presente in Gran Consiglio», racconta Tamara Merlo. Pertanto le candidate si sono sedute tra il pubblico, con limitato diritto di parola. 

Il 25 marzo, data del secondo dibattito, le candidate erano pronte a sedersi nuovamente tra il pubblico, ma la Rsi, sempre stando alla testimonianza della Merlo, avrebbe comunicato loro che avendo due deputate in Gran Consiglio non potevano partecipare tra il pubblico. «Ma nemmeno al dibattito. E per lo stesso motivo!» lamenta la responsabile, che aggiunge: «C'era uno straccio di regola che non ci rendeva certo felici, ma adesso l'hanno pure ribaltata, apposta per escluderci del tutto». 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 20:59:27 | 91.208.130.87