Segnala alla redazione
tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
22.03.2019 - 16:250
Aggiornamento : 25.03.2019 - 10:51

Righini accusa liberali, PPD e destra di fare il doppio gioco. Marchesi risponde

È un fiume in piena il presidente del PS che chiede di mantenere una voce di sinistra al Governo. Dall'UDC: «Voi pensate ai cittadini di mezza Europa, ma non ai ticinesi»

BELLINZONA - Un «doppiogioco da smascherare» che rivelerebbe la necessità di mantenere una voce di Sinistra al Governo e rafforzare la presenza socialista in Gran Consiglio. La denuncia arriva dal PS e precisamente dal suo presidente, Igor Righini.

«Il Ticino esige delle risposte alle urgenze dei salari e delle condizioni di lavoro, della continua riduzione del potere d’acquisto dei Ticinesi, in materia di protezione dell’ambiente», sottolinea Righini puntando il dito contro liberali, Ppd e destra. Questi ultimi, per il presidente dei Socialisti, «dimostrano ancora una volta il loro doppio gioco a livello cantonale e federale con discorsi, in vista delle Cantonali del 7 aprile, chiaramente contraddetti dai fatti».

Righini cita come esempio «il dietro front all’ultimo minuto sull’aumento delle franchigie di cassa malati, bloccato grazie al PS insieme al fronte Rosso-Verde». La destra - precisa il Presidente PS - continua a impedire l’introduzione di un salario minimo dignitoso superiore ai 20 franchi all’ora, ha votato contro le misure per la protezione dell’ambiente e ha fatto pressione per fare aumentare le franchigie di cassa malati. La paura del referendum annunciato dal PS insieme al fronte Rosso-Verde e a una grande coalizione di altre organizzazioni a livello nazionale ha fatto fare marcia indietro a Udc e Ppd sulla vergognosa proposta, sostenuta comunque dai liberali, di fare aumentare senza limite le franchigie di cassa malati sulle spalle dei malati cronici e delle economie domestiche già in difficoltà che necessitano costanti cure mediche».

Quello portato avanti dalla destra a livello cantonale e federale, secondo il PS, sarebbe quindi «un doppio gioco di nuovo smascherato».

Righini incalza ricordando come nell’ultima legislatura cantonale Plr, Ppd e Lega abbiano «imposto tagli alla politica familiare, agli assegni integrativi e per la prima infanzia AFI/API, ai sussidi cassa malati e alle cure a domicilio». Tutto ciò viene definito letterlamente «uno smantellamento della politica sociale».

«A Berna - prosegue ancora il socialista -, la destra ha fatto gli interessi della lobby delle casse malati, facendo pressione per fare aumentare le spese per la salute degli assicurati e delle assicurate. Il PS invece s’impegna per la popolazione: abbiamo fatto fare dietro front sull’aumento delle franchigie e abbiamo lanciato l’iniziativa “Per premi meno onerosi” che chiede di limitarne il peso al 10% massimo del reddito delle economie domestiche. Grazie a un nostro emendamento, durante la discussione del preventivo cantonale 2019, sono stati aumentati i crediti per i sussidi cassa malati e per il potenziamento dell’Ispettorato del lavoro».

Anche sui salari Righini ha da parole da spendere. «In materia di lavoro - aggiunge -, il Consigliere di Stato liberale Christian Vitta dice di sostenere il no del Cantone all’accordo quadro con l’Europa, mentre a Berna Ignazio Cassis e il suo partito continuano a portare avanti un progetto che intende smantellare la protezione dei salari svizzeri, una garanzia in assenza della quale non potremo dare il nostro consenso. A livello cantonale, Plr, Ppd e Lega fanno muro contro le misure per la tutela delle condizioni di lavoro e dei salari. Nel contempo, alle Camere federali, sono sempre i partiti borghesi e la destra a respingere le proposte di protezione del mercato del lavoro e dei salari ticinesi».

Lo stesso, a detta dei socialisti, avverrebbe per la protezione dell’ambiente, del territorio e del clima. «Plr, Ppd e la destra si vantano improvvisamente di avere a cuore questi importanti temi, ma fino a ieri, in Gran Consiglio, si sono opposti ai deflussi minimi mentre a Berna hanno recentemente bocciato 8 misure concrete per la protezione del clima!»

«L’abisso che separa la destra dal PS è evidente! - conclude -. Contrariamente alla destra, che rappresenta gli interessi delle lobby e del grande capitale, noi siamo la voce dei bisogni della popolazione, della parità di genere, delle persone in difficoltà, di un ceto medio strozzato dall’esplosione dei premi cassa malati e degli affitti, di un’azione concreta per la protezione dell’ambiente e del clima. Per questo il 7 aprile bisogna assolutamente impedire che la politica ticinese si sbilanci completamente a destra, votare la Lista 4. Partito Socialista – Gioventù Socialista per far sì che la Sinistra mantenga una voce in Governo, rafforzando la presenza socialista in Gran Consiglio».

La risposta di Marchesi - «Noi la volontà popolare la rispettiamo. Voi del PS?». Ci pensa Piero Marchesi, presidente UDC, a rispondere per le rime a Igor Righini. «Il Presidente del partito socialista pur di salvare il seggio in Governo le spara grosse».

Al centro delle accuse rivolte all'UDC è l'aver cambiato idea sull'aumento delle franchigie di cassa malati. «Se l’UDC sostiene l’aumento delle franchigie, come inizialmente si ipotizzava, allora siamo dei cattivoni indifferenti ai bisogni del ceto basso - risponde Marchesi -. Se bocciamo l’aumento, come poi fatto alle Camere federali, allora agiamo solo per scopi elettorali».

Il presidente dell'UDC, dal canto suo, invita il PS a cambiare idea sostenendo l’attuazione della preferenza indigena, dei contingenti e dei tetti massimi: «Festeggerei per almeno una settimana, perché così potremmo dare una risposta ai molti ticinesi che sono tagliati fuori dal mercato del lavoro a causa della libera circolazione». I socialisti, invece, «anziché pensare a chi vive in questo cantone preferiscono fare gli interessi dei cittadini di mezza Europa lasciando i nostri - anche il ceto basso che tanto affermano di difendere – in balia della libera circolazione».

E sul salario minimo Marchesi precisa che «la proposta di 20 franchi all’ora sostenuta dal PS, non solo non risponde a quanto votato dal popolo, ma sarà un vero e proprio regalo per i frontalieri». A Righini provocatoriamente chiede: «E ai ticinesi chi ci pensa?». L’UDC ha però già dichiarato di essere d’accordo di applicare salari minimi differenziati. Resta il pensiero che «non sia una soluzione», ma «il popolo ha però votato e noi rispettiamo il suo volere, anche quando non ci piace».

Ai socialisti il presidente dell'UDC domanda se «è pronto il PS a tornare sui suoi passi, come fatto dall’UDC sull’innalzamento delle franchigie delle casse malati, per applicare la Prima i nostri anche nel settore privato? Penso già di conoscere la risposta - conclude Marchesi -, ma sarei davvero felice caro Righini, di festeggiare una settimana di fila».

Commenti
 
Evry 2 mesi fa su tio
Ma guarda un pò, i sinistroidi alzano la cresta ma assomigliano agli ipopotami, fino al naso mnella m.. ma la ganassa sempre spalancata ;-O
Libero pensatore 2 mesi fa su tio
Bah, che dire? Messi male un po’ tutti questi partiti. C’è una forte polarizzazione che in pratica blocca quasi tutte le riforme. Di certo la destra non fa gli interessi del ceto medio e dei meno abbienti, ma a sinistra sono anni che perdono consensi perché sono vecchi, dogmatici e difendono sopratutto i dipendenti pubblici è quello che è, o era, il suo elettorato. Vedo pochi principi, pochi ideali e tantissima disonestà intellettuale un po’ ovunque. Non possiamo mettere in pratica sia prima i nostri che il salario minimo? Sarebbe meglio no? Ci si scanna e non viene messo in pratica nulla. Così chi già naviga bell’oro ha buon gioco e i poveretti lo prendono in C..o.
Andrea Weber 2 mesi fa su fb
Sarebbe ora di smetterla di votare ppd plr udc lega
Nmemo 2 mesi fa su tio
È un proclama di partito in prossimità delle elezioni cantonali, tenendo d’occhio le elezioni federali. I socialisti dovrebbero fare i socialisti a corrente continua. Dovrebbero occuparsi dei conflitti sociali generati dai problemi del lavoro e dell’immigrazione. Lì sono alquanto latitanti. Il dipartimentalismo connesso al CdS di partito e le conseguenze dei problemi generati da funzionari statali è una zavorra. Parimenti fare i verdi integralisti non è funzionale, tutti sono verdi.
Roberto Egan Dall'Aglio 2 mesi fa su fb
Non fatevi fottere da questi zingari, ogni volta che PLR PPD o Lega vi deludono e vi viene voglia di votarli pensate a noi, pensate all'Italia
Nmemo 2 mesi fa su tio
È un proclama di partito in prossimità delle elezioni cantonali, tenendo d’occhio le elezioni federali. I socialisti dovrebbero fare i socialisti a corrente continua. Dovrebbero occuparsi dei conflitti sociali generati dai problemi del lavoro e dell’immigrazione. Lì sono alquanto latitanti. Il dipartimentalismo connesso al CdS del partito e le conseguenze dei problemi generati da funzionari statali sono una zavorra. Parimenti fare i verdi integralisti non è funzionale, tutti sono verdi.
Alessandro Petrantoni 2 mesi fa su fb
vulpus 2 mesi fa su tio
Avete rotto le scatole a tutti con le vostre pagliacciate. Si mescolano temi federaki e cantonali, che c'entrano un cavolo con il Ticino. Datevi da fare per il cantone e non solo begare per idiozie. Tanto per: salario minimo a 19.50 o a 20.- cosa cambia? Assolutamente nulla: l'importante era bloccare tutto. Franchigie : tanto per romper le scatole ai meno abbienti. Non sarà con l'aumento delle franchigie che si contengono le spese sanitarie. Fate ridere i sassi tutti quanti. Non avete ancora avvanzato una proposta per il contenimento di queste spese. Il motivo è semplice: tutti sono invischiati, medici, assicurazioni, sanità in generale, ospedali pubblici e privati. La natura fa il suo corso sull'essere umano.Perchè continuare ad illudere la gente che può campare mille anni?
Sabina Campi 2 mesi fa su fb
La politica svizzera e ticinese si basa sul dialogo e soprattutto sul compromesso. Indipendentemente dall' appartenenza politica un governo di solo destra non puo'certamente essere sano.
Mi Pa 2 mesi fa su fb
Vero, la Sinistra ci vuole per mantenere un equilibrio, purtroppo il PS ticinese si penalizza da solo quando parlano di "adesione UE", e i voti andranno ai soliti noti... quando vedi che la gente non ti segue più, dovrebbe suonare un campanello d'allarme e non continuare per anni con la stessa politica
Tessiner Polemik 2 mesi fa su fb
Sti qua rappresentano 1 cittadino su 10 (lo dicono le statistiche , non io ) e parlano ancora 🤷🏼‍♂️
Mi Pa 2 mesi fa su fb
....si e poi dicono di rappresentare la "voce della gente", regime da KGB, se nei loro portali (PS & GAS social) non scrivi a favore delle loro idee, ti bannano A VITA con cancellazione di ogni tuo messaggio. Parlano di libertà d'espressione e reggono così tanto il confronto che ad ogni contrarietà di mettono in una sorta di "gulag virtuale" , avanti PS e continuate a perdere voti! come dicono i leghisti vi ritroverete a fare le assemblee in una cabina telefonica. L'unica vera Sinistra è MPS e anche l'unica vera Opposizione.
Kevin Cescotta 2 mesi fa su fb
Sognare non costa nulla dicevano.. 😂😂😂😂😂 E invece ho come l'impressione che si andrà ancor più a destra.. 👉👉👉 😂
Ara Pez 2 mesi fa su fb
Vorrei ricordare ai compagni ( di merenda ?) P$ che fare politica è servire il popolo e non servirsi del popolo.
Alex Cava 2 mesi fa su fb
In effetti lo scivolone di Lega e UDC è grossolano: platealmente al guinzaglio delle Casse Malati (come il PLR e il PPD del resto, ma il popolo non lo deve vedere in periodo elettorale). Però anche il PS ha i suoi bei problemoni in quanto a credibilità...
Tarık Demircan 2 mesi fa su fb
È una questione politica 🎵🎶
Zarco 2 mesi fa su tio
Beh , che lo dice lui ...se potesse darebbe sussidi a tutto l’universo !!!!con i soldi degli indigeni
Marco Edoardo Dozio 2 mesi fa su fb
Riceveranno i voti di chi ancora crede a loro... se saranno meno di prima... sara' perche quello che hanno fatto e che propongono.... non interessa agli altri.... quindi.... se vogliono essere votati... che ascoltino davvero la popolazione (tutta) e diano risposte alle preoccupazioni..... della maggioranza della popolazione
Mi Pa 2 mesi fa su fb
Con programmi tipo "adesione UE" cosa pretendono? Nel 2019 con oltre 60'000 frontalieri nel solo TI, con parecchi residenti disoccupati/workingpoor, questi parlano di far diventare la Svizzera Stato membro UE quando, chi può (es. GB), abbandona la barca che affonda....
miba 2 mesi fa su tio
Passano gli anni e non faccio ormai più parte della generazione giovane ma con il passare del tempo sono sempre più disgustato dall'innumerevole quantità di pagliacci, sia di destra che di sinistra, che animano la nostra deprimente scena politica cantonale. Non un progetto concreto (verificabile e misurabile), non un obiettivo concreto (verificabile e misurabile) ma solo parole ed interrogazioni a tonnellate. Se fosse per il sottoscritto prenderei il camion dei rifiuti e li porterei praticamente tutti (destroidi e sinistroidi) all'inceneritoio in modo da far posto a persone serie, preparate e soprattutto competenti nei differenti problemi del nostro cantone
Alex Cava 2 mesi fa su fb
In effetti lo scivolone di Lega e UDC è grossolano: platealmente al guinzaglio delle Casse Malati (come PLR e PPD, del resto), ma il popolo non lo deve vedere in periodo elettorale.
Dem Borgna 2 mesi fa su fb
Riportare solo notizie a favore della sinistra: ✅
Luca Ferrari 2 mesi fa su fb
Dem Borgna ma veramente ultimamente
LAMIA 2 mesi fa su tio
Righini quando smetterete di mettere al primo posto tutto il mondo prima dei ticinesi e solo per vostro interesse POTETE SCOMPARIRE DALLA SCENA POLITICA CANTONALE
Lele Calanchini 2 mesi fa su fb
Sogna Righini sogna
Joseph 2 mesi fa su tio
a TI.CH: non li abbiamo votati noi (perlomeno non io); li hanno votati coloro che credono nel globalismo benevolo, apri di qua, apri di la, che in fin dei conti si traduce in anarchia e menefreghismo per il rispetto di chi non la pensa come loro!
volabas 2 mesi fa su tio
i rossi hanno un "fotone " non da poco, possono essere contenti se riusciranno a salvare il posto ,anche di pochissimo del manuele la scuola che verra'.
albertolupo 2 mesi fa su tio
@volabas non è che confondi “fotone” con “trifott”? (“trifotto” in italiano...;-))
TI.CH 2 mesi fa su tio
Tempo di campagna elettorale! Tante promesse che si sa già non verranno mantenute. tutto un gran BLA BLA per tenersi il cadreghino sotto il posteriore, poi passata la festa gabbato è il santo e tutti verranno chiamati alla cassa per pagare tutti i favori alle diverse lobby; altro che salari equi pigioni moderate eccetera loro i soldi li fanno e noi ci mandano..........Però a ragion del vero purtroppo li abbiamo votati noi. Chissà se nessuno andasse a votare cosa succederebbe!
Joseph 2 mesi fa su tio
Righini ha ragione; peccato che l'iniziativa socialista (premi non al di sopra del 10% del reddito) nulla risolve. E' una specie di convivenza con la destra?
GI 2 mesi fa su tio
vedremo come la pensa (e come vota) l'elettore.....tutto il resto solo contorno...
Thor61 2 mesi fa su tio
@GI Normalmente e stranamente, si pensa di destra, ma poi si vota a sinistra, sarà una forma di autolesionismo. ;o((((((
skorpio 2 mesi fa su tio
invece di fare un bel programma a favore del cittadino, sempre a screditare gli altri partiti, specialmente da parte di voi rossi. in ogni caso tutti, ma proprio tutti, mi avete veramente disgustato, per questo e perchè state facendo andare a rotoli il cantone, per cui non voterò mai più. la busta l'ho già "archiviata".
Thor61 2 mesi fa su tio
@skorpio Male, male, VOTARE SEMPRE, vota quello che ti fa meno schifo, ma vota, perchè quei quattro gatti di sinistra sono solo quattro, ma votano TUTTI e quattro, per cui se non condividi i loro progetti VOTA quello che ti fa meno ribrezzo ma ricorda che se non voti gli "Altri" vinceranno per "Inferiorità" numerica. Saluti ;o))))
Equalizer 2 mesi fa su tio
Che bello 'sto Ticino, un partito è contro tutti, un'altro è contro tutto, un'altro ancora tutto bla bla bla, altri vivono su Utopia. Non ci resta che drogarci.
streciadalbüter 2 mesi fa su tio
Parolai.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-19 05:45:27 | 91.208.130.87