Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
04.03.2019 - 06:000
Aggiornamento : 14:39

Così mi candido: medito sul fiume e do il mio numero di telefono a tutti

Da Elia Frapolli ad Amalia Mirante, ecco come la campagna verso le elezioni di aprile può diventare low cost e tra la gente. Ma basta l’originalità per spuntarla sugli avversari?

BELLINZONA – Una campagna per le elezioni cantonali? Può costare anche oltre 100'000 franchi. Soldi che Elia Frapolli, ex direttore di Ticino Turismo e candidato PPD al Governo, non ha voluto spendere. «Sprecare una cifra simile non sarebbe un buon esempio per il cittadino». La sua campagna, raccontata via social, consiste nel percorrere il Ticino a piedi. Nell’incontrare la gente faccia a faccia. «Volevo avvicinarmi alla vita e ai problemi reali». Addirittura nell’organizzare eventi di meditazione alla foce del fiume. «E lì, nella natura, si può parlare anche di politica».

Storie per WhatsApp – Frapolli non è l’unico candidato alternativo. Anzi. La socialista Amalia Mirante, ad esempio, ha addirittura reso pubblico il suo numero di cellulare. I cittadini la possono contattare per WhatsApp e possono raccontarle le loro necessità. «Il progetto sta avendo successo – spiega –. Addirittura molte di queste persone poi le incontro dal vivo. La politica parla molto, ma ascolta poco. Voglio dimostrare che questa tendenza si può invertire».

Cronache da bus e treni – Al gruppo dei “tra la gente” si potrebbe aggiungere anche il liberale Nicola Pini, che ancora in tempi non sospetti (si fa per dire) ha deciso di documentare su Facebook e compagnia le sue trasferte sui mezzi pubblici. Un mese senz’auto, in mezzo alle persone comuni, trasformatosi in un buon antipasto di campagna elettorale.

Quando andavamo a prendere il latte con la bottiglia – «Queste forme di riavvicinamento del politico al cittadino – sostiene Francesca Rigotti, specialista in istituzioni e dottrine politiche – fa senz’altro piacere. Ci ricorda i tempi in cui andavamo a prendere il latte con la bottiglia. E ci fa rendere conto di quanto siamo stati scemi a cancellare determinate usanze. Questi politici fanno esattamente quello che si faceva 60 anni fa, ma con i mezzi tecnologici di oggi».

Il lato oscuro – Rigotti, tuttavia, vede anche un aspetto negativo in un simile approccio. «Ascoltare la gente, va bene. Ma la gente può anche desiderare stupidaggini. Farsi paladino dei desideri del popolo è utopico. Ci vuole un filtro. E questo deve essere chiaro sin da subito, anche in campagna».

Così si attira l’attenzione – Il politologo Oscar Mazzoleni analizza la questione da un’altra angolatura. «Questi candidati puntando sull’originalità, riescono ad attirare l’attenzione dei media. Con un piccolo investimento, si ha l'effetto di fare parlare di sé. Ma ciò non significa, per forza, garantirsi un vantaggio sugli avversari».

Un pubblico tradizionale – Quello dell’elettorato ticinese è un bacino che attinge a canali diversificati. «Il classico santino– riprende Mazzoleni – ha, comunque, ancora il suo valore. Se voglio davvero farcela a ottenere la carica, mi basta essere “solo” originale, o devo in ogni caso anche passare da quelle modalità di promozione che il ticinese medio si aspetta da un candidato? È una domanda interessante a cui, al momento, non troviamo risposta»

Facebook
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
moma 3 mesi fa su tio
Incredibile il harakiri che s'è fatto il morisoli UDC. Attaccare Bertoli per l' handicap è veramente da mentecatti. Sicuro Bertoli verrà rieletto grazie a questa assurda e deficiente uscita del morisoli. Un assist per un autogoal da antologia. Bravo Morisoli, complimenti
sedelin 3 mesi fa su tio
@moma sottoscrivo! indecente il morisoli :-(((
curzio 3 mesi fa su tio
@moma Veramente... da primo Nobel! :-D
moma 3 mesi fa su tio
@curzio Come una lettera alla posta, si dice. Morisoli, emigra in lapponia. Totale mancanza di rispetto. Un po lo seguivo, ma adesso proprio no.
vin 3 mesi fa su tio
... e quel che piu' disturba è ricevere la telefonata di raccomandazione di voto da parte del genitore del/lla candidata/o. Di certo ha sorbito l'effetto totalmente contrario. Il nostro voto non lo riceve di sicuro.
daniele77 3 mesi fa su tio
@vin e lo SPAM via email con raccomandazione di voto e addirittura il conto dove versare soldi...
bimbogimbo 3 mesi fa su tio
Approvo il fatto che non spenda 100’000 fr per la campagna elettorale... sono i fatti che devono portare i voti e non i soldi. Quindi visto quanto a fatto negli anni passati presso l’ente del turismo, per logica di voti ne prenderà molto pochi.
Momos 3 mesi fa su tio
Frapollo sembra in odore di santità. Ma sta meditando di prendere i voti con queste frasi e questo siparietto? Qualcuno per favore o lo spinga nel fiume, o gli porti dei calzari per essere ancora piu umile. Ricordatevi quanto a meditato all'ufficio del turismo, ha meditato tanto e tutti i giorni... e infatti non ha combinato un emerito....
gigipippa 3 mesi fa su tio
@Momos Sembra qusai che stia aspettando due signori con iI camice bianco.
Alex Cava 3 mesi fa su fb
Triste spettacolo queste scenette... Più interessante sarebbe guardare al lavoro degli ultimi 4 anni e giudicarlo. In questo caso, quello di Pronzini è encomiabile e inarrivabile.
cle72 3 mesi fa su tio
Se il titolo viene inertpretato in altro modo? Diciamo medito lungo il fiume e aspetto che i pesci abbocchino...eheheh pericoloso
Max Bartolini 3 mesi fa su fb
per me le iniziative sono valide.... chiaro che competere con altri che hanno possibilità economiche e altri vantaggi non è facile, ma buttare 100 mila franchi per le elezioni mi sembra anche poco coerente. Quindi bravi, se poi pagherà lo vedremo, ma sicuramente non fa male, la maggior parte fanno campagna come ai tempi dei Dinosauri, ragionano come dinosauri e pensano di essere superiori al Popolo. Ma le cose cambiano, questo è un 1° passo, forse tra altri 4 anni pagherà di più ancora
Led Swan 3 mesi fa su fb
Non sanno più cosa inventarsi per diventare credibili. Peccato che dopo le elezioni ci si renderà conto che sono state parole gettate al vento e questo indipendentemente dall'appartenenza politica. La vera sfida per l'elettore è quello di andare al seggio elettorale (o alla bucalettere della cancelleria) e dare il proprio voto; la tentazione sarebbe di gettare la busta chiusa nel tritacarte....
Dany Zintgraff 3 mesi fa su fb
Come già avevo positivamente commentato diverso tempo fà quando si era messo in marcia per il Ticino ! Approvo il suo modo di far campagna elettorale ! Quindi bravo Elia ! Secondo me sta veramente facendo le cose nel modo giusto !
miba 3 mesi fa su tio
Senza entrare nei particolari dei colori politici e delle teorie dei politologhi noche degli specialisti/e in istituzioni e dottrine politiche personalmente apprezzo questo modo di fare politica e cioè confrontarsi direttamente con la gente piuttosto che ricorrere alla distribuzione dei santini e/o slogan (spesso anche idioti oltre che poss...)
Alessandro Crippa 3 mesi fa su fb
No perché se abbiamo gente che rivista Beltraminelli non c'è più speranza
Gus 3 mesi fa su tio
censura, perché non d'imporstazione leghista?
Gus 3 mesi fa su tio
dove è il mio commento precedente?
Evry 3 mesi fa su tio
Auguri a tutti candidati, che vincono i migliori
daniele77 3 mesi fa su tio
E poi c'è chi (fra quelli citati) manda spam via email senza il consenso del destinatario e se chiedi dove hanno preso l'indirizzo non ti risponde. Complimenti! Almeno un po di correttezza, ma a parole siamo tutti bravi, poi nei fatti......
albertolupo 3 mesi fa su tio
@daniele77 Rispondere, citando qualche articolo della Legge sulla protezione dei dati. I primi colpevoli sono quelli che i dati glie li hanno trasmessi (in genere associazioni, professionali e non).
daniele77 3 mesi fa su tio
@albertolupo mi è stato risposto che stato un errore, ma io ho insistito per sapere dove è stato preso l'indirizzo, dato che non è pubblico. ovviamente non mi ha risposto, che abbia qualcosa da nascondere? quante mail del genere sono state inviate? dovrei scriverle su whatsapp visto che ha reso il suo numero pubblico... (chi sarà mai?)
Gus 3 mesi fa su tio
Al di là dei santini io spero che gli UDC, giustamente delusi dell'accordo con la Lega fatto unicamente per salvare il posto a Gobbi e Zali (ma quanto sono distanti dall'UDC!), sappiano intelligentemente distanziarsi e, per il Consiglio di Stato, votare per un altro vero partito di centro-destra (ciò che la Lega, solo opportunista, non è!
vulpus 3 mesi fa su tio
@Gus Non mi fido di questo inciucio.Ne starò alla larga.Poi a settembre per le federali, il favore non ritorna di sicuro.Chissà cosa ne pensa il buon Chiesa
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 17:29:42 | 91.208.130.86