Segnala alla redazione
TiPress
CANTONE
19.12.2018 - 12:050
Aggiornamento : 07.02.2019 - 14:07

Matrimonio tra UDC e Lega: i dettagli dell'accordo

Liste congiunge anche in Consiglio Nazionale e candidato unico agli Stati. In Gran Consiglio liste separate, ma collaborazione sulle tematiche condivise

LUGANO - UDC e Lega dei Ticinesi hanno deciso di unire le forze e correranno insieme alle prossime elezioni cantonali di aprile. È stato svelato ieri sera durante il Comitato cantonale democentrista che si è riunito in assemblea al Palazzo dei Congressi di Lugano.

La lista unica “Lega dei Ticinesi e UDC (LEGA-UDC)” - su cui figureranno 3 esponenti della Lega (Claudio Zali, Norman Gobbi e probabilmente Daniele Caverzasio) e 2 dell’UDC (Piero Marchesi e Roberta Soldati) - è stata creata «allo scopo di formare un fronte comune per affrontare al meglio le sfide importanti che attendono il Ticino, in particolare in difesa della sovranità svizzera e nella promozione di un reale federalismo interno che lascia margini ai cantoni di regolare i temi prioritari quali, l’immigrazione e la priorità ai residenti nel mondo del lavoro». È quanto si legge nel comunicato stampa congiunto firmato dai due partiti.

Parlamento ticinese - Per l’elezione del Gran Consiglio UDC e Lega presenteranno liste separate, ma «si impegnano a collaborare a sostegno di tematiche condivise, ad esempio fiscalità, sicurezza, immigrazione, preferenza indigena, scuola».

Consiglio Nazionale - UDC e Lega congiungeranno le loro liste per l’elezione del Consiglio Nazionale del 2019.

Consiglio degli Stati - Per il primo turno dell’elezione del Consiglio degli Stati del 2019, Lega e UDC presenteranno 1 candidato ciascuno su una lista unica. Per il ballottaggio il candidato che avrà ottenuto meno voti si ritirerà ed entrambi i partiti sosterranno «in maniera compatta» il candidato che avrà ottenuto il miglior risultato al secondo turno.

I rappresentanti della Lega alle Camere federali per la legislatura 2019-2023 faranno parte (come avviene da diverse legislature) del gruppo parlamentare UDC Svizzera (con riserva della decisione formale del Gruppo).

Elezioni comunali - Per quanto riguarda le elezioni comunali del 2020, «pur lasciando piena autonomia alle  sezioni locali, Lega e UDC auspicano la continuazione e l’intensificazione delle collaborazioni già in atto in molti Comuni e la presentazione – dove possibile – di liste uniche».

Il “matrimonio” tra i due partiti resterà in vigore fino alla fine della legislatura 2019-2023, anche se «le parti si impegnano a discutere un rinnovo dell’accordo» prima delle elezioni cantonali 2023.

10 mesi fa Corsa al Governo, è matrimonio tra UDC e Lega
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 04:35:59 | 91.208.130.85