Ti-Press
CANTONE
22.03.2021 - 11:280
Aggiornamento : 14:36

Due truffatori (recidivi) in manette

Un 26enne e un 35enne sono sospettati di essere gli autori di una decina di truffe al cambio avvenute in Ticino.

Il loro arresto, avvenuto il 16 marzo a Biasca, è stato reso possibile proprio grazie alla segnalazione di una delle persone prese di mira

BIASCA - Altri due furbetti della truffa al cambio sono finiti in manette. Il fermo dei due - come riferiscono il Ministero pubblico e la Polizia cantonale - è avvenuto martedì 16 marzo a Biasca. Il duo, un 26enne e un 35enne di origine rumena, è infatti fortemente sospettato di essere implicato in almeno una decina di truffe al cambio (vedi box) - quattro delle quali andate a segno - avvenute nei giorni scorsi nel nostro Cantone.

Il loro arresto, precisano le autorità, è stato reso possibile proprio grazie alla segnalazione di una delle persone prese di mira. A seguito della denuncia, infatti, la polizia cantonale ha messo in piedi un dispositivo che di lì a poco ha permesso d'individuare e fermare i due imputati.

L'ipotesi di reato a loro carico è quella di truffa. L'inchiesta, coordinata dalla Procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, prosegue al fine di valutare la responsabilità dei due in altri episodi analoghi. 

La Polizia cantonale invita eventuali vittime, che non hanno ancora sporto denuncia, anche di casi tentati e fortunatamente non riusciti, a chiamare lo 0848 25 55 55.

Cos'è la truffa al cambio - La truffa si avvale di un metodo semplicissimo: con il pretesto dell'acquisto di merce di poco valore o la necessità di cambiare importanti quantità di denaro, il truffatore effettua il pagamento con una banconota di grosso taglio. Una volta che il commesso o il funzionario ha appoggiato sul bancone il resto o l'equivalente della valuta da cambiare, con una serie di sotterfugi e abili messe in scena, l'acquirente inizia a distrarre l'interlocutore chiedendo ripetutamente un taglio diverso e creando confusione con l'intento di sottrarre il denaro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 2 mesi fa su tio
Beh, non c'è come spalancare le porte di casa per far entrare tutta la feccia d'Europa..
RobediK71 2 mesi fa su tio
Possibile al giorno d’oggi ? da persone che manco parlano la lingua
Evry 2 mesi fa su tio
E ora di sancire delle pene credibili e durissime !!!! non come quelle precedenti !!! Frontiere spalancate !!!! grazie alla CF... Suter 6 Febbraio !
Duca72 2 mesi fa su tio
In Svizzera non vi è nessun divieto di entrata il problema è nostro si dovrebbe far entrare solo chi lavora.
Yoebar 2 mesi fa su tio
Sai come ha fatto? Come fanno 70000 frontalieri giornalmente.
roma 2 mesi fa su tio
...ma come ha fatto uno dei 2 rumeni residente in Italia ad entrare in Svizzera da una zona rossa? Chiedo per un amico.
Frankeat 2 mesi fa su tio
@roma Un po' come hanno fatto tanti azzurri a venire in Ticino durante questo fine settimana.
Amir 2 mesi fa su tio
@roma Tranquillo entrano cani e porci..ti basta andare a guardare un attimo vicino a qualsiasi dogana e capisci da solo
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 16:39:28 | 91.208.130.89