Tipress
Cronaca
13.03.2020 - 14:190
Aggiornamento : 15:10

Sindacati: «I frontalieri sono i lavoratori più esposti al rischio di contagio»

«Le misure intraprese dal Ticino sono troppo leggere e insufficienti»

Oggi il presidente della Regione Lombardia incontrerà la l'ambasciatrice svizzera in Italia

«Gli oltre 75mila frontalieri che ogni giorno si recano in Svizzera dalle province di Como e Varese sono i lavoratori più esposti al rischio di contagio».

Lo scrive in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte il segretario generale della Cisl della Lombardia, Mirko Dolzadelli.

Di fronte all'emergenza Coronavirus - scrive il sindacalista -«il Consiglio di Stato Ticinese ha deciso di ignorare questo scenario e ha adottato misure di contenimento molto leggere e per questo insufficienti».

Dolzadelli è il responsabile per i frontalieri del Consiglio Generale degli Italiani all'Estero (Cgie). In una nota firmata anche dal segretario generale Michele Schiavone si afferma che «il transito transfrontaliero sta generando situazioni inconciliabili e incongrue con l'azione che il Governo italiano sta, in queste ore, promuovendo per limitare la pandemia».

«Si prenda il caso specifico del Canton Ticino - osservano - dove opera la maggior parte della manodopera transfrontaliera italiana, la cui popolazione residente è un terzo di quella delle province di Como e Varese sommate insieme».

«Nonostante questo - sottolineano Dolzadelli e Schiavone - i casi di Covid-19 registrati in Ticino sono superiori a quelli riscontrati nelle citate province di confine». Inoltre «in Italia gli accertamenti sanitari sono diffusi su tutto il territorio, e nello specifico il tampone viene fatto anche ai soggetti asintomatici, che hanno avuto contatti con malati, cosa che non accade ancora in Svizzera».

Motivo per cui Oltrefrontiera - sostengono Dolzadelli e Schiavone - «i casi di contagio dichiarati sono certamente inferiori al numero reale».

Fontana incontra l'ambasciatrice svizzera - Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana auspica uno scambio di informazioni più diretto fra Italia e Svizzera sulla questione dei lavoratori frontalieri di fronte all'emergenza coronavirus.

«Il sottosegretario agli Affari esteri, Ivan Scalfarotto, mi ha assicurato che già oggi avrà un colloquio con l'ambasciatrice svizzera in Italia, Rita Adam, per dare risposte concrete e certe a quei lombardi che tutti i giorni si recano in Svizzera per lavorare», ha reso noto il presidente della regione.

«La nostra attenzione sul Coronavirus è a tutto campo - spiega Fontana - e comprende anche i frontalieri. Ho contattato il sottosegretario Scalfarotto perché i timori dei lavoratori italiani sono legati soprattutto alle informazioni ancora frammentarie e alla loro tutela. È quindi necessaria una grande attenzione reciproca per condividere le informazioni con le autorità elvetiche così da tutelare sia i lavoratori italiani che le persone che con loro vengono a contatto».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 07:02:54 | 91.208.130.89