BREAKING NEWS
In Ticino altri 110 casi e 6 decessi
tipress
LUGANO
17.02.2020 - 21:250

Stralciate le accuse nel caso Consonni

Il principio "ne bis in idem" scagiona gli imputati

LUGANO - Anche per l'ultimo degli otto imputati nel "caso Consonni" sono state stralciate le accuse.

Per l'impresa di Chiasso imputata di usura ai danni di 11 ex operai - riferisce la Rsi - è stato applicato il principio "ne bis in idem", che impedisce un nuovo giudizio nei confronti di chi è già stato assolto o condannato per i medesimi fatti.

La decisione è dovuta al fatto che, durante l'inchiesta, l'accusa aveva deciso per un decreto d'abbandono in merito ai reati di coazione e estorsione, per poi tentare la strada dell'usura e usura aggravata.

Per questo motivo, ai giudici delle Assise criminali non è rimasto che applicare il principio giuridico visto che, in sostanza, l'accusa stessa li aveva prosciolti sui fatti che venivano contestati.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 11:01:04 | 91.208.130.87