Depositphotos - foto d'archivio
CANTONE
14.02.2020 - 10:250

Sgominata la "banda dei rustici". Vendevano a un ricettatore in Italia

I tre, finiti in manette a metà novembre, rubavano attrezzi da giardinaggio. Il valore della refurtiva è di oltre 200'000 franchi

BELLINZONA - Rustici, capannoni, magazzini e depositi comunali. Hanno colpito nelle valli del Sopraceneri una cinquantina di volte, sottraendo attrezzi da giardinaggio. Il valore della refurtiva è stimato in oltre 200’000 franchi. La polizia cantonale e il Ministero pubblico forniscono nuovi dettagli sulla ”banda specializzata in furti con scasso” sgominata alla fine dello scorso anno. 

A metà novembre erano finite in manette tre persone: un 25enne cittadino svizzero domiciliato nel Bellinzonese, un 24enne della Bosnia Erzegovina domiciliato nel Luganese e un 21enne svizzero residente nel Locarnese. Le autorità spiegano di essere arrivate ai tre responsabili «grazie a una mirata attività investigativa», seguita ai furti messi in atto tra il febbraio e il novembre del 2019.

Gli inquirenti hanno ricostruito i metodi utilizzati dalla banda: rubavano decespugliatori, soffiatori, tosaerba e motoseghe (ne avevamo parlato qui). La refurtiva veniva quindi trasportata in Italia e venduta a un ricettatore, nel frattempo identificato e interrogato. 

La polizia ha recuperato parte dei materiali rubati. I danni alle proprietà ammontano a circa 30’000 franchi. 

Le principali ipotesi di reato contro i tre finiti in manette sono di furto aggravato, ripetuto danneggiamento e ripetuta violazione di domicilio. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Pamela Pedretti.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 21:48:17 | 91.208.130.85