Ti Press
CANTONE
17.01.2020 - 14:500
Aggiornamento : 17:06

Gli affidavano i soldi, ma lui li spendeva per sé

Un 59enne gestore patrimoniale è rinviato a giudizio. Le accuse nei suoi confronti sono di appropriazione indebita aggravata, truffa e falsità in documenti

LUGANO - Appropriazione indebita aggravata, truffa e falsità in documenti. Sono queste le ipotesi di reato a carico di un 59enne gestore patrimoniale residente nel Luganese, rinviato a giudizio davanti alla Corte delle Assise Criminali dalla Procuratrice pubblica Chiara Borelli.

L'uomo, come comunica quest'oggi il Ministero pubblico, è in particolare accusato di essersi indebitamente appropriato di ingenti somme che gli erano state affidate in gestione da terzi. Somme che il 59enne, arrestato nel giugno 2019 e al momento in esecuzione anticipata della pena, avrebbe utilizzato per scopi personali e all'insaputa dei clienti. 

I fatti oggetto del procedimento vanno dal marzo 2012 al dicembre 2016.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-29 14:52:47 | 91.208.130.89