Tipress (archivio)
CANTONE
08.10.2019 - 16:140

Amianto, segnalati 40 nuovi casi potenzialmente a rischio

Gli operai chiedono chiarezza. Un incontro è stato fissato per il 14 ottobre

BELLINZONA - Si discuterà probabilmente dell’amianto alle Officine, dell’esposizione e delle malattie contratte dai dipendenti e dei controlli svolti, nell'incontro che la Suva terrà con i sindacati Unia e Sev, la Commissione del personale delle Officine Ffs di Bellinzona (CoPe) e l’associazione Giù le mani delle officine, lunedì 14 ottobre.

«Metteremo sul tavolo le domande e i dubbi sorti tra i dipendenti in queste settimane», ha spiegato alla Regione Ivan Cozzaglio, presidente della Commissione.

I dipendenti vogliono sapere come vengono trattati i casi da parte della Suva, e perché sia stato deciso di convocare annualmente solo alcuni operai al controllo medico eseguito tramite Tac, e altri solo ogni cinque anni, perché non fumatori.

Sia la CoPe che l’associazione Giù le mani stanno ricevendo negli ultimi giorni diverse segnalazioni da parte di operai ora in pensione. Le domande si fanno sempre più insistenti e i dipendenti chiedono chiarezza.

Questa mobilitazione ha portato alla segnalazione di una quarantina di nuovi operai all’Ufficio della sicurezza. Oggi, la direzione delle Officine e la CoPe hanno inviato un comunicato congiunto a tutti i dipendenti dell’azienda invitandoli a farsi avanti se pensano di avere avuto contatto con l’amianto in questi anni.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 04:39:24 | 91.208.130.85