tipress (archivio)
LUGANO
16.09.2019 - 20:440

In manette un ex direttore di banca

Lavorava per la succursale luganese della Société Générale. Ha creato un buco milionario sottraendo il denaro a due famiglie italiane

LUGANO - Truffa, appropriazione indebita, amministrazione infedele aggravata e falsità in documenti. Sono queste le accuse per le quali è stato richiesto l'arresto dell’ex direttore della succursale di Lugano della banca francese Société Générale, chiusa alcuni anni fa. A darne notizia è la Rsi.

L'ex bancario è accusato di aver creato un buco di un milione e mezzo nell'arco di una decina di anni. Il denaro è stato sottratto dai conti (aperti a Panama) di due famiglie italiane, sui quali il 60enne aveva il diritto di firma.

L'uomo, che ha ammesso i fatti, ha usato il denaro per scopi personali e per tamponare perdite accumulate con investimenti sbagliati.

Non essendo più possibile reperire quanto sottratto, le vittime del raggiro tenteranno ora di rifarsi sulla banca.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-14 11:13:39 | 91.208.130.87